HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

La voce della Politica

WWF, Si faccia piena chiarezza sul Centro Oli di Viggiano

20/04/2017

Il fermo, disposto dalla giunta regionale di Basilicata, del Centro Oli ENI di Viggiano suscita contemporaneamente sollievo e preoccupazione. Sollievo perché sembra che la Regione Basilicata, dopo una controversa gestione, negli anni passati, di situazioni di allarme legate alle attività petrolifere, sul Centro Oli abbia scelto un nuovo approccio che ha portato a provvedimenti, in qualche modo, clamorosi.
Preoccupazione perché non è dato sapere con precisione nella storia petrolifera degli impianti lucani, attivi ormai da decenni, quanti episodi di analoga o anche maggiore gravità, sotto l’aspetto dell’inquinamento, si siano verificati, senza che ci fossero provvedimenti per bloccare i danni all’ambiente e alla salute.
I dubbi, sollevati da oltre vent’anni, sulla questione del petrolio in Basilicata e sul conseguente impatto forte e invasivo sul territorio, purtroppo hanno travato conferma. È sbagliato, infatti, vedere tutta la serie di incidenti e di allarmi che si sono susseguiti in questi vent’anni come se ognuno di essi fosse dovuto al caso o ad accadimenti fortuiti. La verità è che l’attività petrolifera è di tale peso sull’ambiente che è impossibile evitare che vi siano conseguenze, al netto delle rassicurazioni che vengono, di volta in volta, garantite.
Il WWF chiede piena chiarezza: sotto tutti gli aspetti ambientali e tecnici e, nel caso fossero riscontrati reati, anche giudiziari. Una ripresa delle attività del Centro Oli senza la certezza che queste possano continuare nel pieno rispetto della salute e dell’ambiente è semplicemente impensabile.
Il WWF, d’altro canto, sta intervenendo puntualmente per contrastare l'allargamento delle attività petrolifere, ad esempio presentando proprie osservazioni nei procedimenti di VIA riguardanti i permessi La Cerasa, Monte Cavallo e Pignola e il pozzo Gorgoglione 3. Ora è arrivato il momento di scelte strategiche per affrontare definitivamente la questione: si abbandonino definitivamente ipotesi di ulteriori ricerche ed estrazioni in territorio lucano e si inizi a predisporre, di concerto con le popolazioni coinvolte, una Exit Strategy dalle attività petrolifere in atto creando nel più breve tempo possibile un’alternativa anche economica ed occupazionale.



archivio

ALTRI

La Voce della Politica
25/06/2017 - Impresa e Territorio – Evento pubblico a Tursi

Sabato 1° luglio, alle ore 19.00, presso la sala Benedetto XVI, affianco la Cattedrale, si terrà l’evento tematico organizzato da MuoviAmo Tursi intitolato “Impresa e Territorio, l’impresa come opportunità per il territorio”. Sarà l’occasione per tutte le imprese commerciali...-->continua

25/06/2017 - Fratelli d'Italia - Alleanza Nazionale Basilicata anche ad Oppido Lucano

Anche ad Oppido Lucano, un gruppo di cittadini hanno, con entusiasmo, deciso di aderire a Fratelli d’Italia, dimostrando che la voglia di riscatto per questa nostra Terra parte dalla società civile.

Pamela Cimadomo e Nicola Pepe si sono assunti la res...-->continua

25/06/2017 - Reddito minimo, Gambardella (Cisl): "Gravi responsabilitàprogetti"

“Dopo il recente incontro con il presidente Pittella e il direttore generale di Lab, dott. Antonio Fiore, la tanto attesa misura del reddito minimo di inserimento resta inspiegabilmente al palo nonostante l’urgenza del provvedimento”. È quanto sostiene il seg...-->continua

25/06/2017 - Potenza: Continuano i dialoghi su #Potenzavisibile

Domani, lunedì 26 giugno 2017, alle ore 18.30, presso il parco di Santa Croce a Potenza, si terrà un incontro organizzato da Ufficio Stampa Basilicata e dall'associazione “Santa Croce in movimento” su #Potenzavisibile, l'ultimo libro del giornalista e blogger ...-->continua

25/06/2017 - Idv: programma di fine legislatura

Il rischio di povertà e di esclusione sociale che tocca da vicino quattro lucani si dieci non lascia molto spazio alla politica: dopo i nuovi incontri programmati in Regione con i sindaci si deve avviare il Reddito Minimo di Inserimento per ridurre il disagio ...-->continua

24/06/2017 - Potenza: Legambiente e Movimento Azzurro su volontari della raccolta differenzia

Il Circolo Legambiente di Potenza, il Servizio Vigilanza Ambientale, la Legambiente Basilicata Onlus e il Movimento Azzurro si dissociano categoricamente da quanto riportato a mezzo stampa in merito alla situazione dei volontari impegnati nello start up della ...-->continua

24/06/2017 - M5S: Un’altra Sanità possibile nasce dalla Basilicata, tra Innovazione e IV Rifo

Il prossimo 30 giugno i cittadini potranno incontrare tecnici e rappresentanti politici che si occupano di Sanità quotidianamente nel proprio lavoro per ascoltare, approfondire, capire, chiedere quali sono gli scenari odierni e futuri della Sanità in Basilicat...-->continua







WEB TV

Warning: mysql_data_seek(): supplied argument is not a valid MySQL result resource in D:\inetpub\webs\lasiritideit\canestro.php on line 628
Di incidenti di percorso, provincialismi e fake news
di Mariapaola Vergallito

Quando a Viggiano, poche settimane fa, arrivò il sottosegretario allo Sviluppo Economico Antonio Gentile (invitato ad un incontro in tempi non sospetti e, quindi, prima che la Regione Basilicata deliberasse la sospensione del Cova), in riferimento a ciò che stava accadendo in Val D’Agri parlò più volte di ‘incidente di percorso’. “Cose che possono capitare in venti anni di produzione” disse.

Non una parola sull’attenzione che pure un Governo centrale dovrebbe dedicare ai cittadini, in primis, e agli enti pubblici locali, che pure dovrebbe rappresentare e tutelare. Ma, mi sono detta, sempre di Sviluppo Economico si tratta, non certo di Ministero dell’Ambiente o della Salute.

Oggi l’amministratore delegato di Eni Claudio DeScalzi, lo st...-->continua




Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo