HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

La voce della Politica

WWF, Si faccia piena chiarezza sul Centro Oli di Viggiano

20/04/2017

Il fermo, disposto dalla giunta regionale di Basilicata, del Centro Oli ENI di Viggiano suscita contemporaneamente sollievo e preoccupazione. Sollievo perché sembra che la Regione Basilicata, dopo una controversa gestione, negli anni passati, di situazioni di allarme legate alle attività petrolifere, sul Centro Oli abbia scelto un nuovo approccio che ha portato a provvedimenti, in qualche modo, clamorosi.
Preoccupazione perché non è dato sapere con precisione nella storia petrolifera degli impianti lucani, attivi ormai da decenni, quanti episodi di analoga o anche maggiore gravità, sotto l’aspetto dell’inquinamento, si siano verificati, senza che ci fossero provvedimenti per bloccare i danni all’ambiente e alla salute.
I dubbi, sollevati da oltre vent’anni, sulla questione del petrolio in Basilicata e sul conseguente impatto forte e invasivo sul territorio, purtroppo hanno travato conferma. È sbagliato, infatti, vedere tutta la serie di incidenti e di allarmi che si sono susseguiti in questi vent’anni come se ognuno di essi fosse dovuto al caso o ad accadimenti fortuiti. La verità è che l’attività petrolifera è di tale peso sull’ambiente che è impossibile evitare che vi siano conseguenze, al netto delle rassicurazioni che vengono, di volta in volta, garantite.
Il WWF chiede piena chiarezza: sotto tutti gli aspetti ambientali e tecnici e, nel caso fossero riscontrati reati, anche giudiziari. Una ripresa delle attività del Centro Oli senza la certezza che queste possano continuare nel pieno rispetto della salute e dell’ambiente è semplicemente impensabile.
Il WWF, d’altro canto, sta intervenendo puntualmente per contrastare l'allargamento delle attività petrolifere, ad esempio presentando proprie osservazioni nei procedimenti di VIA riguardanti i permessi La Cerasa, Monte Cavallo e Pignola e il pozzo Gorgoglione 3. Ora è arrivato il momento di scelte strategiche per affrontare definitivamente la questione: si abbandonino definitivamente ipotesi di ulteriori ricerche ed estrazioni in territorio lucano e si inizi a predisporre, di concerto con le popolazioni coinvolte, una Exit Strategy dalle attività petrolifere in atto creando nel più breve tempo possibile un’alternativa anche economica ed occupazionale.



archivio

ALTRI

La Voce della Politica
23/02/2018 - Bolognetti: ‘la terra dei cachi’

Non so se quello che viene riferito dai giornali sul candidato Caiata corrisponda a verità o sia una bufala. Ma so, e senza timore di poter essere smentito, che stiamo assistendo alla più brutta campagna elettorale della storia repubblicana. Una campagna che rischia di finir...-->continua

23/02/2018 - Unione Nazionale consumatori lancia 'bolletta giusta'

L’Unione Nazionale Consumatori, a livello Nazionale, ha lanciato una campagna on line : “bolletta giusta”, sostenuta anche dalla sede dell’unione Nazionale consumatori di Matera (Presidente Avv. E.Filippelli) per richiamare l’attenzione pubblica sui numerosi ...-->continua

23/02/2018 - Antonio Guglielmi UILFPL su rinnovato il CCNL

Finalmente anche per gli operatori della sanità è stato rinnovato il CCNL. Dopo un lungo negoziato (durato circa 27 ore) e a distanza di nove lunghi anni, oltre 600 mila lavoratori, di cui più di 5 mila in Basilicata, potranno beneficiare di un incremento cont...-->continua

23/02/2018 - Viabilità, La Torre (Filca Cisl) su Piano manutenzione strade provinciale

Il segretario generale della Filca Cisl Basilicata, Michele La Torre, sollecita l’apertura di un tavolo di confronto con le Province di Potenza e Matera sul decreto del ministro Delrio che ha ripartito nei giorni scorsi i fondi per la manutenzione delle strade...-->continua

23/02/2018 - Forum 'Stefano Gioia': sindacati, Mercure e altri inganni

Si è riunito il 19 febbraio scorso il “Tavolo” MISE/Osservatorio Ambientale sulla centrale del Mercure. Quello, per intenderci, il cui funzionamento è finanziato da ENEL con centomila euro l’anno (!), e i cui componenti (Ente Parco, Regione Calabria e Basilica...-->continua

23/02/2018 - SMS:dichiarazione di Elisa Laraia

Raccontare Silvana Arbia è emozionante. In questa campagna elettorale concitata tra appuntamenti, discussioni affrontiamo ogni giorno argomenti difficili, tra questi quelli di cui avremo occasione di discutere a Potenza nell’appuntamento di sabato 24 febbraio ...-->continua

23/02/2018 - Latronico (Noi con l'Italia) su programma Mezzogiorno

“Non proponiamo alcuna promessa miracolistica, proponiamo invece un preciso programma di governo con proposte quali una intelligente riduzione fiscale, investimenti in infrastrutture, sostegno alle famiglie e alle piccole e medie imprese, un piano straordinar...-->continua




SPAZIO ELETTORALE A PAGAMENTO



WEB TV
Se la tecnologia aumenta il baratro tra le generazioni
di Mariapaola Vergallito

Poco tempo fa mi ha fatto riflettere lo slogan usato a chiosa di una pubblicità della Samsung sulla realtà virtuale. Per intenderci: quello spot (molto bello, per la verità) in cui si vedono alcuni studenti correre su una pianura in mezzo ai dinosauri ma, in realtà, sono nella loro classe. Alla fine di quello spot lo slogan recitava più o meno così: quello che per la generazione precedente era impossibile, la generazione successiva lo ha già realizzato. Vero e inquietante.

Sono nata all’inizio degli anni Ottanta. Ho vissuto la mia infanzia e la mia adolescenza, periodi cruciali per la vita di ognuno, tra gli anni Ottanta e gli anni Novanta, anni in cui gli strumenti che avevamo per approcciarci al mondo e, soprattutto, per far entrare il mon...-->continua




Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo