HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

La voce della Politica

WWF, Si faccia piena chiarezza sul Centro Oli di Viggiano

20/04/2017

Il fermo, disposto dalla giunta regionale di Basilicata, del Centro Oli ENI di Viggiano suscita contemporaneamente sollievo e preoccupazione. Sollievo perché sembra che la Regione Basilicata, dopo una controversa gestione, negli anni passati, di situazioni di allarme legate alle attività petrolifere, sul Centro Oli abbia scelto un nuovo approccio che ha portato a provvedimenti, in qualche modo, clamorosi.
Preoccupazione perché non è dato sapere con precisione nella storia petrolifera degli impianti lucani, attivi ormai da decenni, quanti episodi di analoga o anche maggiore gravità, sotto l’aspetto dell’inquinamento, si siano verificati, senza che ci fossero provvedimenti per bloccare i danni all’ambiente e alla salute.
I dubbi, sollevati da oltre vent’anni, sulla questione del petrolio in Basilicata e sul conseguente impatto forte e invasivo sul territorio, purtroppo hanno travato conferma. È sbagliato, infatti, vedere tutta la serie di incidenti e di allarmi che si sono susseguiti in questi vent’anni come se ognuno di essi fosse dovuto al caso o ad accadimenti fortuiti. La verità è che l’attività petrolifera è di tale peso sull’ambiente che è impossibile evitare che vi siano conseguenze, al netto delle rassicurazioni che vengono, di volta in volta, garantite.
Il WWF chiede piena chiarezza: sotto tutti gli aspetti ambientali e tecnici e, nel caso fossero riscontrati reati, anche giudiziari. Una ripresa delle attività del Centro Oli senza la certezza che queste possano continuare nel pieno rispetto della salute e dell’ambiente è semplicemente impensabile.
Il WWF, d’altro canto, sta intervenendo puntualmente per contrastare l'allargamento delle attività petrolifere, ad esempio presentando proprie osservazioni nei procedimenti di VIA riguardanti i permessi La Cerasa, Monte Cavallo e Pignola e il pozzo Gorgoglione 3. Ora è arrivato il momento di scelte strategiche per affrontare definitivamente la questione: si abbandonino definitivamente ipotesi di ulteriori ricerche ed estrazioni in territorio lucano e si inizi a predisporre, di concerto con le popolazioni coinvolte, una Exit Strategy dalle attività petrolifere in atto creando nel più breve tempo possibile un’alternativa anche economica ed occupazionale.



archivio

ALTRI

La Voce della Politica
21/08/2017 - Incidente Melfi,Grippo (Ugl Penitenziaria):”pronta guarigione ai colleghi”

“Solidarietà e augurio di una pronta guarigione ai due agenti della Polizia Penitenziaria in servizio nel Carcere di Melfi (PZ) per il brutto incidente che li ha visti coinvolti nella cittadina federiciana. Il nostro auspicio è che si faccia piena luce sull’accaduto, poteva ...-->continua

21/08/2017 - Leggieri M5s sullo smembramento del Corpo Forestale

Era il 13 luglio quando dichiaravo che la riforma Madia che ha di fatto smembrato il corpo della guardia forestale, avrebbe prodotto effetti disastrosi sul territorio italiano, in special modo quello appeninico meridionale.
I segnali di una stagione disast...-->continua

19/08/2017 - Cordoglio di Speranza per la scomparsa di Sileo,storico dirigente PCI e CGIL

Ho appreso con dolore e commozione la notizia della scomparsa di Antonio Sileo, storico dirigente del PCI e della Cgil di Forenza; un appassionato protagonista ed un generoso militante della sinistra lucana, nonché un profondo conoscitore della sua terra ed un...-->continua

19/08/2017 - Montescaglioso: attuazione Decreto Minniti festività patronali

In attuazione al Decreto Minniti (Circolare del 7 giugno 2017 del Ministero dell’Interno - Dipartimento della Pubblica Sicurezza, NR. 555/OP/0001991/2017/1 firmata dal Capo della Polizia Franco Gabrielli), con cui il Ministro dell’Interno, dopo i tragici fat...-->continua

19/08/2017 - Fondi europei diretti: workshop base sulla progettazione in Basilicata

Da venerdì 29 Settembre 2017 a domenica 1 Ottobre 2017 Rosa D’Amato, Portavoce al Parlamento Europeo in collaborazione con il gruppo regionale M5S Basilicata, Organizza il Workshop Base sulla progettazione con i fondi europei diretti. L’Intervento di formazion...-->continua

19/08/2017 - Rosella (Idv): 'alzare qualità della concertazione sociale'

L’invito del consigliere regionale Pd Piero Lacorazza, a nome della componente del Pd Fronte Democratico, ad aprire quello che definisce un vero confronto con i sindacati, almeno per noi, sfonda una porta aperta e diventa un motivo in più per alzare la qualità...-->continua

18/08/2017 - Ugl e Cittadinanza Attiva sul carcere di Matera

“Conosciamo bene le problematiche e le difficoltà delle persone che quotidianamente lavorano nel carcere di Matera: è solo grazie alla dedizione che operatori socio-sanitari, educatori e agenti della polizia penitenziaria mettono nel loro lavoro che l’istituto...-->continua







WEB TV

Warning: mysql_data_seek(): supplied argument is not a valid MySQL result resource in D:\inetpub\webs\lasiritideit\canestro.php on line 628
Frana di Senise, 31 anni fa. Non crollò solo una collina
di Mariapaola Vergallito

Un anno fa, in occasione del trentesimo anniversario della frana di collina Timpone, a monte dell’abitato di Senise, la parrocchia intese commemorare le 8 vittime, tra queste 4 bambini, con una semplice e significativa immagine: ai piedi dell’altare della chiesa di San Francesco, dove anche oggi si commemoreranno le vittime, un telo bianco posto a più livelli e 8 candele, accese nei punti in cui vivevano, sulla collina, le persone che non ci sono più. Quelle candele accese devono continuare ad emanare luce e calore in chi resta. Soprattutto in tanti giovani, molti dei quali nel 1986 non erano neppure nati, che devono così essere accompagnati nel ricordo di quanto accaduto. Per dovere. E per necessità. L’intima necessità che tali tragedie non si ripetan...-->continua




Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo