HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

La voce della Politica

WWF, Si faccia piena chiarezza sul Centro Oli di Viggiano

20/04/2017

Il fermo, disposto dalla giunta regionale di Basilicata, del Centro Oli ENI di Viggiano suscita contemporaneamente sollievo e preoccupazione. Sollievo perché sembra che la Regione Basilicata, dopo una controversa gestione, negli anni passati, di situazioni di allarme legate alle attività petrolifere, sul Centro Oli abbia scelto un nuovo approccio che ha portato a provvedimenti, in qualche modo, clamorosi.
Preoccupazione perché non è dato sapere con precisione nella storia petrolifera degli impianti lucani, attivi ormai da decenni, quanti episodi di analoga o anche maggiore gravità, sotto l’aspetto dell’inquinamento, si siano verificati, senza che ci fossero provvedimenti per bloccare i danni all’ambiente e alla salute.
I dubbi, sollevati da oltre vent’anni, sulla questione del petrolio in Basilicata e sul conseguente impatto forte e invasivo sul territorio, purtroppo hanno travato conferma. È sbagliato, infatti, vedere tutta la serie di incidenti e di allarmi che si sono susseguiti in questi vent’anni come se ognuno di essi fosse dovuto al caso o ad accadimenti fortuiti. La verità è che l’attività petrolifera è di tale peso sull’ambiente che è impossibile evitare che vi siano conseguenze, al netto delle rassicurazioni che vengono, di volta in volta, garantite.
Il WWF chiede piena chiarezza: sotto tutti gli aspetti ambientali e tecnici e, nel caso fossero riscontrati reati, anche giudiziari. Una ripresa delle attività del Centro Oli senza la certezza che queste possano continuare nel pieno rispetto della salute e dell’ambiente è semplicemente impensabile.
Il WWF, d’altro canto, sta intervenendo puntualmente per contrastare l'allargamento delle attività petrolifere, ad esempio presentando proprie osservazioni nei procedimenti di VIA riguardanti i permessi La Cerasa, Monte Cavallo e Pignola e il pozzo Gorgoglione 3. Ora è arrivato il momento di scelte strategiche per affrontare definitivamente la questione: si abbandonino definitivamente ipotesi di ulteriori ricerche ed estrazioni in territorio lucano e si inizi a predisporre, di concerto con le popolazioni coinvolte, una Exit Strategy dalle attività petrolifere in atto creando nel più breve tempo possibile un’alternativa anche economica ed occupazionale.



archivio

ALTRI

La Voce della Politica
28/04/2017 - Tito, approvato il conto consuntivo con un avanzo amministrativo di 340mila euro

Il totale rispetto dei vincoli imposti dal patto di stabilità e un avanzo di amministrazione di 340mila euro: è quanto restituisce il conto consuntivo 2016 del Comune di Tito, approvato a maggioranza dalla seduta del Consiglio del 27 aprile. “Un risultato importante – ha dic...-->continua

28/04/2017 -  Sviluppo Basilicata: dopo le dimissioni di Maruggi quale sarà il suo futuro?

Le recenti dimissioni di Giampiero Maruggi da Amministratore Unico di Sviluppo Basilicata S.p.a. hanno indotto una serie di riflessioni sulla conduzione e sul bilancio della Società negli ultimi due anni.

Abbiamo presentato un’interrogazione al Presid...-->continua

28/04/2017 - Dichiarazioni di Mario Polese ad iniziativa romana sullo Spreco Alimentare

Il consigliere regionale Mario Polese ha partecipato a Roma assieme all’onorevole Gadda ed al sottosegretario all’Istruzione Vito De Filippo ad una iniziativa dell’ordine dei tecnologi nazionale sulle leggi proposte sia da Gadda che dallo stesso Polese contro ...-->continua

28/04/2017 - Napoli FI su spesa Farmaceutica Ospedaliera. Primi 10 mesi 2016 Basilicata +17ME

“Avremmo dovuto spendere 31 milioni di euro e ne abbiamo invece spesi 48 di milioni, cosi si è sforato il tetto di spesa, previsto dalla legge per la spesa dei farmaci erogati dalle strutture ospedaliere, di ben 17 milioni di euro “.
E’ il commento di Mich...-->continua

28/04/2017 - Finanza locale: Castelluccio (FI), aiuti a comuni non risolve il problema

Non saranno certamente i 2,5 milioni di euro concessi al Comune di Montalbano Jonico, il milione di euro al Comune di Tricarico e i 600 mila euro al Comune di Tursi a risolvere definitivamente i problemi della qualità dei servizi da garantire ai cittadini de...-->continua

28/04/2017 - M5S: Perrino su sentenza TAR che cancella diffide per serbatoi

Il TAR Basilicata ha annullato gli effetti delle diffide della Regione ad Eni perché a proporre alla Regione l'adozione delle diffide nei confronti della compagnia sarebbe dovuta essere l'autorità di controllo (ARPAB) e non poteva, quindi, la Regione esercitar...-->continua

28/04/2017 - PerrinoM5s su contributi a fondo perduto della Regione ai comuni meno virtuosi

Tra i pochi articoli della Legge di Stabilità regionale approvati nei giorni scorsi, Pittella ha trovato ancora il sistema per riproporre il suo “metodo” di contribuzione “a pioggia” a favore di comuni con le finanze disastrate (in dissesto o pre-dissesto): 6...-->continua







WEB TV

Warning: mysql_data_seek(): supplied argument is not a valid MySQL result resource in D:\inetpub\webs\lasiritideit\canestro.php on line 628
Bullismo, al di là del fatto di cornaca
di Nino Cutro*

Picchiavano e violentavano coetanei e postavano le immagini sui social, quasi come un trofeo
Bulli quindicenni: sono loro i protagonisti di questo fatto di cronaca avvenuto a Vigevano (ma non è la location che interessa) che ripropone un problema purtroppo sempre più diffuso che, sebbene monitorato a più livelli, non trova ancora strategie idonee a circoscriverlo.

Perché questo accade?
Accade perché molte volte l’allarme scatta a cose fatte; perché non siamo riusciti a leggere per tempo i segnali premonitori di un disagio nell’adolescente che potrebbe sfociare, come spesso accade, nella violenza contro coetanei. Ovviamente coetanei più deboli, vittime scelte per “accreditarsi” con se stesso e con gli altri.
Viene spontaneo chiederc...-->continua




Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo