HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

La voce della Politica

Braia: filiera latte lucano trasparente e certificata strategica per la Basilica

20/04/2017

“Per la filiera del latte è un momento storico importantissimo.
Finalmente conquistata la certificazione obbligatoria in etichetta della provenienza del latte attraverso cui i consumatori potranno così conoscere con trasparenza e sicurezza cosa mangiano, quasi come se ci fosse la firma di 1,7 milioni di mucche italiane o quella dei nostri ovicaprini sui prodotti trasformati, a partire dalla mozzarella, simbolo del Made in Italy.”
Lo ha dichiarato l’assessore alle Politiche agricole e forestali, Luca Braia, intervenendo al convegno dal titolo “20 aprile 2017: inizio di una nuova storia tutta italiana sulla filiera del latte” organizzato da Coldiretti Basilicata ad Atella presso “Fattorie Donna Giulia” questa mattina.
“Oltre ai 48 formaggi certificati Ue anche i 487 prodotti lattiero-caseari non certificati hanno da oggi in poi la possibilità di avere una identità. E’ il momento giusto – ha proseguito Braia - per pensare di costruire un brand Basilicata e un marchio ombrello del lattiero caseario, facendoci trovare pronti con un sistema più performante che deve necessariamente comprendere tutto il processo, dalle fasi di produzione a quella della lavorazione, trasformazione e commercializzazione.
Entro le prime settimane di maggio prevediamo di uscire con il bando per le filiere del Psr Basilicata 2014-2020: sarà data grande attenzione alla trasformazione e commercializzazione, che ad oggi sono i veri anelli deboli della catena produttiva lucana.
L’aspetto aggregativo gioca un ruolo decisivo, i costi più che ridurli vanno ottimizzati evitando gli sprechi. La responsabilità di tutti i protagonisti della filiera ma anche della politica e delle istituzioni in questo processo è enorme, per essere competitivi sui mercati.
Il nostro latte ed i prodotti lattiero caseari devono, oggi più che mai, distinguersi nel mercato. E’ fondamentale puntare sulla qualità con la tipicizzazione e legarsi al territorio per soddisfare un consumatore sempre più esigente ed attento. Rassicurare, quindi, per la qualità e la bontà ma, soprattutto, in termini di salute, sicurezza e benessere diventa strategico.
Gli allevatori lucani - ha sottolineato l’assessore - devono prendere oggi consapevolezza che la strada intrapresa del legare il latte lucano all'identità della regione è strategica per tutto il comparto. Il dipartimento continuerà a sostenere l’aggregazione anche attraverso le misure del Psr destinate alle filiere, al miglioramento aziendale, all’innovazione, alla promozione ed alla valorizzazione.
Sono convinto, infine, - ha concluso Braia - che dobbiamo sicuramente continuare il lavoro politico/istituzionale a tutti i livelli, per l’inserimento dell’obbligo origine a tutti i prodotti dell’agroalimentare”.



archivio

ALTRI

La Voce della Politica
25/06/2017 - Impresa e Territorio – Evento pubblico a Tursi

Sabato 1° luglio, alle ore 19.00, presso la sala Benedetto XVI, affianco la Cattedrale, si terrà l’evento tematico organizzato da MuoviAmo Tursi intitolato “Impresa e Territorio, l’impresa come opportunità per il territorio”. Sarà l’occasione per tutte le imprese commerciali...-->continua

25/06/2017 - Fratelli d'Italia - Alleanza Nazionale Basilicata anche ad Oppido Lucano

Anche ad Oppido Lucano, un gruppo di cittadini hanno, con entusiasmo, deciso di aderire a Fratelli d’Italia, dimostrando che la voglia di riscatto per questa nostra Terra parte dalla società civile.

Pamela Cimadomo e Nicola Pepe si sono assunti la res...-->continua

25/06/2017 - Reddito minimo, Gambardella (Cisl): "Gravi responsabilitàprogetti"

“Dopo il recente incontro con il presidente Pittella e il direttore generale di Lab, dott. Antonio Fiore, la tanto attesa misura del reddito minimo di inserimento resta inspiegabilmente al palo nonostante l’urgenza del provvedimento”. È quanto sostiene il seg...-->continua

25/06/2017 - Potenza: Continuano i dialoghi su #Potenzavisibile

Domani, lunedì 26 giugno 2017, alle ore 18.30, presso il parco di Santa Croce a Potenza, si terrà un incontro organizzato da Ufficio Stampa Basilicata e dall'associazione “Santa Croce in movimento” su #Potenzavisibile, l'ultimo libro del giornalista e blogger ...-->continua

25/06/2017 - Idv: programma di fine legislatura

Il rischio di povertà e di esclusione sociale che tocca da vicino quattro lucani si dieci non lascia molto spazio alla politica: dopo i nuovi incontri programmati in Regione con i sindaci si deve avviare il Reddito Minimo di Inserimento per ridurre il disagio ...-->continua

24/06/2017 - Potenza: Legambiente e Movimento Azzurro su volontari della raccolta differenzia

Il Circolo Legambiente di Potenza, il Servizio Vigilanza Ambientale, la Legambiente Basilicata Onlus e il Movimento Azzurro si dissociano categoricamente da quanto riportato a mezzo stampa in merito alla situazione dei volontari impegnati nello start up della ...-->continua

24/06/2017 - M5S: Un’altra Sanità possibile nasce dalla Basilicata, tra Innovazione e IV Rifo

Il prossimo 30 giugno i cittadini potranno incontrare tecnici e rappresentanti politici che si occupano di Sanità quotidianamente nel proprio lavoro per ascoltare, approfondire, capire, chiedere quali sono gli scenari odierni e futuri della Sanità in Basilicat...-->continua







WEB TV

Warning: mysql_data_seek(): supplied argument is not a valid MySQL result resource in D:\inetpub\webs\lasiritideit\canestro.php on line 628
Di incidenti di percorso, provincialismi e fake news
di Mariapaola Vergallito

Quando a Viggiano, poche settimane fa, arrivò il sottosegretario allo Sviluppo Economico Antonio Gentile (invitato ad un incontro in tempi non sospetti e, quindi, prima che la Regione Basilicata deliberasse la sospensione del Cova), in riferimento a ciò che stava accadendo in Val D’Agri parlò più volte di ‘incidente di percorso’. “Cose che possono capitare in venti anni di produzione” disse.

Non una parola sull’attenzione che pure un Governo centrale dovrebbe dedicare ai cittadini, in primis, e agli enti pubblici locali, che pure dovrebbe rappresentare e tutelare. Ma, mi sono detta, sempre di Sviluppo Economico si tratta, non certo di Ministero dell’Ambiente o della Salute.

Oggi l’amministratore delegato di Eni Claudio DeScalzi, lo st...-->continua




Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo