HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

La voce della Politica

Leggieri (M5S):interrogazione su barriere architettoniche stazioni ferroviarie

20/03/2017

A seguito di un report elaborato dall’Associazione “Non pendolari di Basilicata – Ciufer” ho avuto modo di prendere coscienza della situazione delle diverse stazioni ferroviarie lucane e della presenza di numerose barriere architettoniche che impediscono l’accesso e la libera fruibilità dei servizi ferroviari da parte di persone con disabilità o a ridotta mobilità.
In particolare, da quanto riportatomi, risulterebbe che solo le stazioni di Ferrandina – Pomarico – Miglionico e quella di Metaponto, sarebbero dotate di sottopassaggi, rampe per disabili e pensiline e percorsi tattili, ma comunque parziali, mentre tutte le altre stazioni presenti nel territorio regionale risultano non adeguate alla normativa di settore.

In base a quanto riportato dal sito della Rete Ferroviaria Italiana si evince che per favorire la mobilità e la fruizione dei servizi nelle stazioni da parte dei viaggiatori con disabilità o a ridotta mobilità, RFI sta realizzando un programma di interventi di natura strutturale e tecnologica. Nelle circa 2000 stazioni medio/piccole e piccole già esistenti gestite interamente da RFI (di cui circa 1700 gestite in telecomando da stazioni remote, cioè senza il presenziamento del personale addetto alla circolazione) - così come, per la parte relativa ai marciapiedi e ai sottopassi, nelle 103 stazioni medio-grandi gestite da Centostazioni - RFI realizza graduali adeguamenti compatibili con i vincoli presenti (strutturali, architettonici, logistici, interruzioni circolazione) insieme ad interventi di riqualificazione o potenziamento.

Sempre dallo stesso sito si apprende che: “Gli adeguamenti strutturali in fase di realizzazione/in programma si aggiungono a quelli già realizzati negli ultimi anni, e cioè: l’adeguamento di sportelli di biglietteria e di servizi igienici pubblici in circa; l’installazione di ascensori, piattaforme elevatrici e rampe fisse per consentire l’accessibilità ai binari nei sottopassaggi e passerelle aeree, oltre a scale mobili e tappeti mobili per migliorare la mobilità all’interno delle stazioni; la creazione di percorsi tattili per persone con disabilità visiva; l’innalzamento dei marciapiedi di stazione a 55 cm (anziché a 25 cm) sul piano del ferro per permettere a tutti i viaggiatori l’accesso a raso ai treni e consentire alle persone con disabilità motoria su sedia a ruote di muoversi in modo il più possibile autonomo.

Dopo aver acquisito queste informazioni ho deciso di presentare un'interrogazione rivolta al Presidente della Giunta Regionale e all’Assessore ai Trasporti per conoscere quali interventi sono stati realizzati concretamente dalla RFI e da ogni altro soggetto responsabile presso le stazioni ferroviarie presenti nel territorio lucano; quali sono gli interventi previsti per il futuro, i termini di intervento e le somme stanziate, e infine se il governo regionale ritiene doveroso intervenire per sollecitare interventi volti all’adeguamento della stazioni alle esigenze degli utenti diversamente abili.

Nel 2017 non è più tollerabile la presenza di barriere architettoniche che impediscano l'utilizzo del trasporti pubblico, quindi credo che sia necessario intervenire con rapidità ed efficacia per garantire la piena accessibilità ai viaggiatori con disabilità o a ridotta mobilità che partono o arrivano in Basilicata, scegliendo il treno come mezzo di trasporto.


Gianni Leggieri
Capogruppo M5S Basilicata



archivio

ALTRI

La Voce della Politica
25/04/2018 - Monitoraggio: l’arma spuntata di Pittella, una commissione d’ indagine

Pittella non si è mai speso per rendere efficiente il sistema di monitoraggio e, oggi, fa finta di interessarsene. Quindi, quale migliore strumento per procrastinare la ricerca di responsabilità di una bella ed inutile commissione d’inchiesta?

Quando c’è un’emergenz...-->continua

25/04/2018 - Festa della Liberazione, il messaggio di Patriciello

“Il 25 aprile è una giornata di festa che appartiene a tutti gli italiani che tengono alla libertà. Una giornata di ricordo, certo, ma anche e soprattutto di impegno per il presente e per il futuro: l'emblema e la presa di coscienza dei valori fondanti della n...-->continua

24/04/2018 - PD Francavilla: il Commercio è morto

Gli ultimi anni in Italia, ma in particolare al Sud sono stati di crisi profonda, la realtà commerciale ed artigianale di Francavilla non ne è stata immune, anzi. Se prima la collocazione geografica ci avvantaggiava affidandoci il ruolo di “centro commerciale ...-->continua

24/04/2018 - G.Rosa su risparmio medicinali

Quanti soldi si potrebbero risparmiare facendo gare d’appalto a livello regionale per i farmaci? Molti. Ma per il centrosinistra i tagli alla spesa pubblica sono solo quelli che incidono sui diritti dei cittadini.

Il 20 dicembre 2017 abbiamo interroga...-->continua

24/04/2018 - Itrec Rotondella, le conclusioni di Pietrantuono

Intervenendo a chiusura del dibattito in Consiglio sull’impianto posto sotto sequestro l’assessore regionale all’Ambiente ha auspicato un approfondimento della questione evitando di creare confusione su temi complessi



In un nuovo intervento...-->continua

24/04/2018 - Comitato Jonico Acqua Pulita:emergenza rientrata ma noi andiamo avanti

Come ormai noto, l’emergenza acqua oggi è ufficialmente “rientrata” per Policoro, quantomeno per il serbatoio “Acinapura”, il che ci consente di tornare ad utilizzare regolarmente l’acqua potabile, e questo è un bene per tutti (mentre l’utilizzo del serbatoio ...-->continua

24/04/2018 - Erogazioni in agricoltura. Ieri incontro presso Agea

Il Presidente della Regione, Pittella e l’assessore all’agricoltura, Braia, assieme alle associazioni di categoria hanno partecipato nel pomeriggio di ieri ad un incontro a Roma con i vertici di Agea per rintracciare soluzioni tese a velocizzare il sistema de...-->continua






WEB TV
Dice che era un bel torrente ma non andava più al mare
di Mariapaola Vergallito

“Dice che era un bel progetto e serviva a creare/ la deviazione di un torrente per distrarlo dal mare; ma dall’idea alla realizzazione passarono 40 anni, giusto il tempo di essere deviata e l’acqua cominciò a far danni”.

Scusate, non ho resistito. E’ 4 marzo, del resto, e chiedo scusa a Lucio Dalla per questa scapestrata citazione. C’è qualcun altro, però, che dovrebbe chiedere scusa, oggi. Proprio oggi che il torrente Sarmento, deviato in parte dal suo corso naturale, immette un bottino idrico di 80 milioni di metri cubi in più all’anno nel grande invaso di Montecotugno. Serve a completare lo schema idrico del Sinni, per un progetto cominciato negli anni Settanta, quando la Democrazia Cristiana e il Partito Comunista erano i due grandi partit...-->continua




Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo