HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

La voce della Politica

Contrasto povertà,Rosella (Idv):non più misure frammentarie e assistenziali

20/03/2017

In attesa del primo maggio - che quest’anno in Basilicata non sarà solo la Festa dei Lavoratori ma anche di quella parte di cittadini senza reddito per i quali dovrebbe partire il tanto atteso provvedimento regionale del Reddito Minimo d’Inserimento - il disegno di legge nazionale di contrasto alla povertà non ci soddisfa innanzitutto perché mette in campo risorse che si ritengono unanimemente insufficienti: 1 miliardo e 200mila euro per il 2017 e 1 miliardo e 700mila euro per il 2018. Saranno in totale solo 400mila famiglie ammesse a beneficiarie in tutto il Paese e avranno circa 500 euro al mese. Quella che viene “lanciata” come prima misura nazionale destinata ad assicurare un sostegno economico al 24,5% dei nuclei familiari che risultano al di sotto della soglia di povertà, oltre che rivolta alle famiglie residenti di italiani e stranieri con permesso di lungo soggiorno, è ampiamente inadeguata ad affrontare il disagio sociale da noi sempre più grave e diffuso. I numeri parlano chiaro: la Regione Basilicata ha ricevuto in totale 12 mila domande nell'ambito del "Programma reddito minimo di inserimento", mentre nelle scorse settimane è avvenuta la proroga di due mesi dei Tec (Tirocini extracurriculari) e dei Tis (Tirocini d’inserimento sociale), che interessano attualmente 1.525 persone, 825 delle quali appartenenti ai beneficiari del programma Copes (la cosiddetta platea o categoria B), e i restanti 700 relativi, invece, alla platea della mobilità in deroga (la categoria A). Se dunque le casse dello Stato sono sempre più esangui, incapaci di immettere risorse per far fronte ad un welfare di prima necessità, le speranze delle famiglie lucane che vivono in condizioni di povertà sono riposte nella Regione. È dunque prioritario fare una seria lotta agli sprechi all’interno della pubblica amministrazione e sul fronte dell’evasione per recuperare maggiori risorse da destinare a chi ha difficoltà persino di cibo e medicinali. La cosiddetta struttura di missione ad hoc che dovrà gestire il reddito minimo, così come prevede la Giunta Regionale, dovrà occuparsene per predisporre azioni in grado di assicurare protezione sociale alle famiglie lucane che versano in situazioni di vero disagio. La “discriminante”: non più una serie di misure frammentarie e scoordinate, ma un quadro unitario a livello nazionale e regionale sino a raddoppiare gli stanziamenti e a superare la fase di assistenzialismo ridando dignità di lavoro ai capofamiglia disoccupati.

Angelo Rosella, segretario regionale IdV Basilicata



archivio

ALTRI

La Voce della Politica
25/03/2017 - Pittella a Venosa per #BasilicatainComune

La quinta tappa del tour #BasilicatainComune del Governatore Marcello Pittella arriva nella città oraziana. Dopo i comuni della Val d’Agri e le tappe di Bella, Viggianello e Tursi, il Governatore arriva nell’area Nord della Basilicata. Il Sindaco Tommaso Gammone a fare gli o...-->continua

24/03/2017 - Latronico (DI):la risposta di Delrio su tratta Taranto Sibari

“Ho letto con interesse la tua lettera relativa alla tratta ferroviaria Taranto-Sibari, le tue segnalazioni sullo stato di vetustà del materiale rotabile e la criticità dei collegamenti insufficienti”. Così il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Gra...-->continua

24/03/2017 - Grassano:Lavori di manutenzione strade centro abitato

Nei prossimi giorni molte vie del centro abitato saranno interessate da lavori di ripristino del manto stradale. Circa ottantamila Euro suddivisi sia per interventi di asfalto viale rimembranza, via Matera, via dei caduti, e sia ripristino nel centro storico ...-->continua

24/03/2017 - G.Rosa su intervista Pietrantuono a Striscia

“Continueremo a lavorare sulle cose concrete, per tutelare la salute dei lucani e salvaguardare l’ambiente” dice Pietrantuono dopo l’intervista a Striscia la Notizia. E dopo la figura in ‘diretta nazionale’ l’Assessore ci tiene a precisare che l’intervista fat...-->continua

24/03/2017 - Montescaglioso,lettera aperta del vice sindaco ai commercianti Montesi

Facendo seguito al fattivo e proficuo rapporto di collaborazione intrapreso con le attività commerciali di Montescaglioso, il Vice Sindaco Rocco Oliva scrive loro chiedendo di unire le sinergie per realizzare qualcosa di importante per il futuro.
“Carissim...-->continua

24/03/2017 - Pittella su reumatologia al San Carlo

"La firma dei contratti da parte dei cinque ricercatori dell'Irel è un segnale di speranza che come Basilicata diamo ai giovani". Marcello Pittella, presidente della Regione, introduce così il Report Reumatologia 2016, il tradizionale appuntamento annuale al S...-->continua

24/03/2017 - Braia intervento assemblea AREFLH

“Conferma delle risorse e Pac almeno a 2 pilastri, unico organismo di certificazione del biologico o regole uguali per tutti, più risorse per l’Ocm ortofrutta ma anche e, soprattutto, più rigore perché la spesa sia non solo efficace ma efficiente per lo svilup...-->continua







WEB TV

Warning: mysql_data_seek(): supplied argument is not a valid MySQL result resource in D:\inetpub\webs\lasiritideit\canestro.php on line 628
Bullismo, al di là del fatto di cornaca
di Nino Cutro*

Picchiavano e violentavano coetanei e postavano le immagini sui social, quasi come un trofeo
Bulli quindicenni: sono loro i protagonisti di questo fatto di cronaca avvenuto a Vigevano (ma non è la location che interessa) che ripropone un problema purtroppo sempre più diffuso che, sebbene monitorato a più livelli, non trova ancora strategie idonee a circoscriverlo.

Perché questo accade?
Accade perché molte volte l’allarme scatta a cose fatte; perché non siamo riusciti a leggere per tempo i segnali premonitori di un disagio nell’adolescente che potrebbe sfociare, come spesso accade, nella violenza contro coetanei. Ovviamente coetanei più deboli, vittime scelte per “accreditarsi” con se stesso e con gli altri.
Viene spontaneo chiederc...-->continua




Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo