HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

La voce della Politica

Messina FdI-AN:il grande problema della Sicilia: il traffico!

16/02/2017

il grande problema della Sicilia: il traffico!
Dispiace molto apprendere dai giornali che il nuovo prefetto di Potenza, la dott.ssa Cagliostro, evidentemente mal consigliata dai suoi collaboratori, se non addirittura dal suo predecessore, individui le priorità della sua futura azione in provincia di Potenza, sostanzialmente, nella gestione dell'immigrazione e nel contrasto al bullismo. Ci saremmo aspettati una maggiore attenzione, da parte di una dirigente pubblica di grado così elevato, rispetto alle vere urgenze della Basilicata, nessuna delle quali è stata toccata dalla stessa nel suo discorso di insediamento.
Ma la dottoressa è evidentemente scusata, innanzitutto, perché appena arrivata e poi perché ha, con sincerità, dichiarato di non conoscere ancora la nostra realtà locale.
Ciò che non si può scusare, invece, è il fatto che il predecessore, e gli uffici che l'hanno appena accolta, non siano riusciti a mettere il nuovo rappresentante del Governo in condizione di capire quali sono le urgenze della Basilicata. Ci permettiamo, quindi, di farlo noi.
Le urgenze della Basilicata, sul piano della legalità e dell'ordine pubblico, sono innanzitutto legate alla diffusa corruzione, che negli ultimi anni ha toccato addirittura i più delicati ambiti della magistratura, degli enti territoriali praticamente nessuno escluso, delle aziende partecipate, degli appalti pubblici.
La diffusa illegalità, agevolata da un ambiente fatto di piccoli centri e di inevitabili "relazioni corte", si riverbera non solo sul decoro delle istituzioni pubbliche (ivi compresa, naturalmente, la Prefettura) ma anche sulla percezione della sicurezza, sulla correttezza dei rapporti sociali e sulla sanità delle relazioni economiche.
Ciò è possibile grazie alla sistematica ignoranza delle regole della trasparenza amministrativa da parte degli enti territoriali e che costituiscono il terreno di coltura privilegiato del peculato e della corruzione, su cui può e deve sin da oggi vigilare la Prefettura.
È opportuna, quindi, una più pungente attività di controllo della legalità nei rapporti tra politica ed economia, a tutti i livelli e con particolare riguardo al rispetto delle regole della trasparenza amministrativa e della correttezza delle procedure, troppo spesso ignorati nell'omertà collettiva.
Inoltre, nella provincia di Potenza c'è un gravissimo problema ecologico ambientale: la scarsità dei controlli (di recente aggravata anche dalla soppressione del Corpo Forestale dello Stato), ma soprattutto i numerosi, diffusi conflitti di interesse tra politici e imprenditori, nonché le collusioni tra mondo imprenditoriale e organismi pubblici di controllo, hanno condotto recenti indagini della Procura della Repubblica di Potenza a scoprire inquietanti casi in cui alcuni imprenditori senza scrupoli operavano nella più piena libertà, devastando il nostro territorio.
Una regione che consta per lo più di territorio non antropizzato deve assolutamente organizzare, pur con gli scarsi strumenti del 2017, un controllo adeguato del medesimo, per evitare che luoghi disabitati si trasformino in zone franche dell'inquinamento e del crimine organizzato. Ci auguriamo, quindi, che la Prefettura voglia organizzarsi anche su questo importantissimo settore, garantendo ai lucani un controllo dell'ecosistema più efficace di quello che abbiamo visto finora.
Lasci perdere, la dottoressa Cagliostro, le questioni del bullismo e dell'immigrazione, che in Basilicata non rappresentano né un problema né, tantomeno, un'urgenza.
Le auguriamo di essere indipendente dal groviglio di interessi lobbistici e dalle cointeressenze della nostra regione, e di poter verificare da sé, secondo la sua elevatissima professionalità, e il più possibile senza "intermediari", quale universo di interessi illeciti, mafiosi a tutti gli effetti, riempie ogni angolo della vita pubblica.
Le auguriamo le migliori prospettive e i migliori successi per il suo lavoro, avvertendola - da esperti conoscitori della nostra realtà locale - che, in un luogo come la Lucania, non è possibile operare con onore senza farsi dei nemici.

Potenza, 16 Febbraio 2017

Francesca Messina, Responsabile Dipartimento Integrazione ed Immigrazione Fratelli d’Italia – Alleanza Nazionale Basilicata




archivio

ALTRI

La Voce della Politica
17/08/2017 - Matera 2017: da Capitale Europea della Cultura a capitale del pet coke?

Prassi stagionale ben consolidata vuole che, proprio nei giorni più caldi dell’anno, quando la gente decide di staccare la spina per godersi un pò di (meritata) vacanza, giungano agli ignari cittadini “regalini” quanto mai inaspettati. Nella giornata del 9 agosto scorso ha i...-->continua

17/08/2017 - Coldiretti: gli effetti del clima si trasferiscono dai campi alle tavole

Quello di quest’anno verrà ricordato come un agosto bollente in Basilicata, con le temperature massime risultate superiori di 3,9 gradi la media mentre le precipitazioni sono risultate in calo del 62,3% con una crisi idrica di portata storica, dopo un mese di ...-->continua

17/08/2017 - Braia: 650mila euro per infrastrutture sostenibili approdi pesca, Bando Feamp

“Un approdo per ogni comune. Migliorare la qualità, il controllo e la tracciabilità dei prodotti ittici pescati e sbarcati sui nostri circa 70 km di costa che si affacciano su due mari, facilitando l’osservanza dell’obbligo di sbarcare tutte le catture, accres...-->continua

17/08/2017 - Furto nelle scuole materane, la condanna dell'assessore Cifarelli

E’ un duro atto di condanna nei confronti di vandali e ladri che negli ultimi mesi hanno preso di mira alcuni Istituti scolastici di Matera quello che arriva in queste ore dalla Regione Basilicata.
L’assessore alle Attività Produttive e Formazione Professi...-->continua

17/08/2017 - NOSCORIE TRISAIA:Incendi –sindaci : catasto incendi e ordinanze contro i tagli

A seguito della drammatica escalation degli incendi boschivi occorre prendere delle contromisure per salvare il salvabile .Chiediamo ai sindaci 3 cose :

1) L’istituzione del catasto incendi e dei soprassuoli percorsi da fuoco come prevede l legge L...-->continua

17/08/2017 - Gentile (confartigianato), buone indicazioni da unioncamere

L’industria dell’alimentare e delle bevande è il settore che più di altri punterà sulle donne per coprire i posti di lavoro pianificati tra agosto e ottobre di quest’anno. Nei programmi occupazionali delle imprese sono in tutto 135mila le posizioni lavorative ...-->continua

17/08/2017 - Braia: accessibilità terreni agricoli, 20 Meuro dal Psr 2014-2020

“Accessibilità è la parola chiave per lo sviluppo del nostro territorio rurale. 20 milioni di euro la dotazione finanziaria messa a bando sulla sottomisura 4.3.1 destinata ai Comuni a sostegno di almeno 100 progetti di investimento che vanno nella direzione di...-->continua







WEB TV

Warning: mysql_data_seek(): supplied argument is not a valid MySQL result resource in D:\inetpub\webs\lasiritideit\canestro.php on line 628
Frana di Senise, 31 anni fa. Non crollò solo una collina
di Mariapaola Vergallito

Un anno fa, in occasione del trentesimo anniversario della frana di collina Timpone, a monte dell’abitato di Senise, la parrocchia intese commemorare le 8 vittime, tra queste 4 bambini, con una semplice e significativa immagine: ai piedi dell’altare della chiesa di San Francesco, dove anche oggi si commemoreranno le vittime, un telo bianco posto a più livelli e 8 candele, accese nei punti in cui vivevano, sulla collina, le persone che non ci sono più. Quelle candele accese devono continuare ad emanare luce e calore in chi resta. Soprattutto in tanti giovani, molti dei quali nel 1986 non erano neppure nati, che devono così essere accompagnati nel ricordo di quanto accaduto. Per dovere. E per necessità. L’intima necessità che tali tragedie non si ripetan...-->continua




Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo