HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

La voce della Politica

Messina FdI-AN:il grande problema della Sicilia: il traffico!

16/02/2017

il grande problema della Sicilia: il traffico!
Dispiace molto apprendere dai giornali che il nuovo prefetto di Potenza, la dott.ssa Cagliostro, evidentemente mal consigliata dai suoi collaboratori, se non addirittura dal suo predecessore, individui le priorità della sua futura azione in provincia di Potenza, sostanzialmente, nella gestione dell'immigrazione e nel contrasto al bullismo. Ci saremmo aspettati una maggiore attenzione, da parte di una dirigente pubblica di grado così elevato, rispetto alle vere urgenze della Basilicata, nessuna delle quali è stata toccata dalla stessa nel suo discorso di insediamento.
Ma la dottoressa è evidentemente scusata, innanzitutto, perché appena arrivata e poi perché ha, con sincerità, dichiarato di non conoscere ancora la nostra realtà locale.
Ciò che non si può scusare, invece, è il fatto che il predecessore, e gli uffici che l'hanno appena accolta, non siano riusciti a mettere il nuovo rappresentante del Governo in condizione di capire quali sono le urgenze della Basilicata. Ci permettiamo, quindi, di farlo noi.
Le urgenze della Basilicata, sul piano della legalità e dell'ordine pubblico, sono innanzitutto legate alla diffusa corruzione, che negli ultimi anni ha toccato addirittura i più delicati ambiti della magistratura, degli enti territoriali praticamente nessuno escluso, delle aziende partecipate, degli appalti pubblici.
La diffusa illegalità, agevolata da un ambiente fatto di piccoli centri e di inevitabili "relazioni corte", si riverbera non solo sul decoro delle istituzioni pubbliche (ivi compresa, naturalmente, la Prefettura) ma anche sulla percezione della sicurezza, sulla correttezza dei rapporti sociali e sulla sanità delle relazioni economiche.
Ciò è possibile grazie alla sistematica ignoranza delle regole della trasparenza amministrativa da parte degli enti territoriali e che costituiscono il terreno di coltura privilegiato del peculato e della corruzione, su cui può e deve sin da oggi vigilare la Prefettura.
È opportuna, quindi, una più pungente attività di controllo della legalità nei rapporti tra politica ed economia, a tutti i livelli e con particolare riguardo al rispetto delle regole della trasparenza amministrativa e della correttezza delle procedure, troppo spesso ignorati nell'omertà collettiva.
Inoltre, nella provincia di Potenza c'è un gravissimo problema ecologico ambientale: la scarsità dei controlli (di recente aggravata anche dalla soppressione del Corpo Forestale dello Stato), ma soprattutto i numerosi, diffusi conflitti di interesse tra politici e imprenditori, nonché le collusioni tra mondo imprenditoriale e organismi pubblici di controllo, hanno condotto recenti indagini della Procura della Repubblica di Potenza a scoprire inquietanti casi in cui alcuni imprenditori senza scrupoli operavano nella più piena libertà, devastando il nostro territorio.
Una regione che consta per lo più di territorio non antropizzato deve assolutamente organizzare, pur con gli scarsi strumenti del 2017, un controllo adeguato del medesimo, per evitare che luoghi disabitati si trasformino in zone franche dell'inquinamento e del crimine organizzato. Ci auguriamo, quindi, che la Prefettura voglia organizzarsi anche su questo importantissimo settore, garantendo ai lucani un controllo dell'ecosistema più efficace di quello che abbiamo visto finora.
Lasci perdere, la dottoressa Cagliostro, le questioni del bullismo e dell'immigrazione, che in Basilicata non rappresentano né un problema né, tantomeno, un'urgenza.
Le auguriamo di essere indipendente dal groviglio di interessi lobbistici e dalle cointeressenze della nostra regione, e di poter verificare da sé, secondo la sua elevatissima professionalità, e il più possibile senza "intermediari", quale universo di interessi illeciti, mafiosi a tutti gli effetti, riempie ogni angolo della vita pubblica.
Le auguriamo le migliori prospettive e i migliori successi per il suo lavoro, avvertendola - da esperti conoscitori della nostra realtà locale - che, in un luogo come la Lucania, non è possibile operare con onore senza farsi dei nemici.

Potenza, 16 Febbraio 2017

Francesca Messina, Responsabile Dipartimento Integrazione ed Immigrazione Fratelli d’Italia – Alleanza Nazionale Basilicata




archivio

ALTRI

La Voce della Politica
11/12/2017 - Braia: Arieti merinizzati italiani, Basilicata punta su miglioramento genetico

“Grande l’interesse mostrato dagli oltre 200 allevatori partecipanti all’asta svoltasi presso il Centro Selezione di Laurenzana, punta di orgoglio della zootecnia lucana che mira a rafforzare le attività di miglioramento genetico non solo per la razza podolica, ma anche pe...-->continua

10/12/2017 - G.Rosa su assemblea FdI di Policoro

Si è tenuta ieri, a Policoro, l'assemblea cittadina di FdI. Dopo il grande successo del congresso nazionale, riprende l'attività di strutturazione sul territorio per garantire la democrazia e la funzionalità delle articolazioni territoriali del partito.
<...-->continua

9/12/2017 - Fronte Democratico su FCA Melfi

Dopo la richiesta di Lacorazza e Giuzio, che segue altre iniziative consiliari di cui sempre con il consigliere Lacorazza siamo stati promotori, la giunta presenterà, il prossimo 13 dicembre, una comunicazione sulla situazione dello stabilimento di Melfi FCA. ...-->continua

9/12/2017 - Rocco Tauro (FdI) su certificazione antimafia

Ma è possibile che la burocrazia italiana non ha mai un limite, e che gli stessi legislatori fanno di tutto per aumentare le difficoltà ai cittadini, quando questi sono costretti a venire a contatto con essa?
Ultima in ordine di tempo è la decisione pr...-->continua

8/12/2017 - Braia: Cultura, educazione alimentare, ambiente e salute: verso la carta di Mate

“Nella sfida di investire di più e meglio sia sull’uso razionale del bene terra e delle risorse naturali e sull’uso consapevole del cibo per contrastare lo spreco alimentare, il comparto agricoltura gioca un ruolo chiave per chi il cibo lo produce e per chi lo...-->continua

8/12/2017 - No triv su permesso ricerca Masseria La Rocca

La Regione Basilicata in queste ultime settimane ha dato un altro assaggio della sua insipienza politico-amministrativa che, specie nel settore della tutela ambientale, sappiamo essere decisamente profonda. Infatti, nonostante siano decorsi oltre sei mesi dall...-->continua

7/12/2017 - G.Rosa su assunzioni manager Appule Lucane

È di qualche giorno fa la denuncia a mezzo stampa di una sigla sindacale che evidenzia gravi anomalie nelle assunzioni delle Fal S.r.l che rischiano di avere ripercussioni sui servizi ai cittadini, come se non bastassero i disservizi dovuti ai ritardi nei lavo...-->continua







WEB TV

Warning: mysql_data_seek(): supplied argument is not a valid MySQL result resource in D:\inetpub\webs\lasiritideit\canestro.php on line 628
Se la tecnologia aumenta il baratro tra le generazioni
di Mariapaola Vergallito

Poco tempo fa mi ha fatto riflettere lo slogan usato a chiosa di una pubblicità della Samsung sulla realtà virtuale. Per intenderci: quello spot (molto bello, per la verità) in cui si vedono alcuni studenti correre su una pianura in mezzo ai dinosauri ma, in realtà, sono nella loro classe. Alla fine di quello spot lo slogan recitava più o meno così: quello che per la generazione precedente era impossibile, la generazione successiva lo ha già realizzato. Vero e inquietante.

Sono nata all’inizio degli anni Ottanta. Ho vissuto la mia infanzia e la mia adolescenza, periodi cruciali per la vita di ognuno, tra gli anni Ottanta e gli anni Novanta, anni in cui gli strumenti che avevamo per approcciarci al mondo e, soprattutto, per far entrare il mon...-->continua




Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo