HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

La voce della Politica

G.Rosa:Pittella paga 253.000 euro per conoscere la Basilicata

16/02/2017

La Regione Basilicata vuole assumere qualcuno perchè spieghi alla Regione Basilicata la realtà socio economica della Regione Basilicata. Non è uno scherzo. È, nella sua drammaticità, tutto vero.

Con la Determinazione Dirigenziale n. 2 del 03/01/2017 del Dipartimento Programmazione e Finanze, è stata avviata un’indagine di mercato per acquisire le manifestazioni di interesse a partecipare ad una procedura negoziata per l’affidamento del servizio di ricerca in campo socio economico, aventi per oggetto l’analisi delle dinamiche regionali e del contesto di riferimento alla luce dei programmi di sviluppo regionale e nazionale. Il servizio articolato in due lotti, prevede un importo complessivo di € 253.000, con una durata di 24 mesi.

Non mancano i soliti requisiti di capacità tecnica e professionale ‘abbastanza’ dettagliati. Le ‘solite coincidenze’.

La Regione, insomma, paga per conoscere qualcosa che già dovrebbe essere un dato acquisito di chi da tre anni ci governa. Questo dimostra quello che da anni diciamo: siamo in mano a persone che millantano progetti e visioni ma che non conoscono nulla della nostra Terra. Non hanno le fondamenta, figuriamoci il tetto.

L’inutilità della politica di Pittella, della sua Giunta, della dirigenza e di tutti coloro che appoggiano questo Governo è conclamata. Cosa paghiamo a fare dirigenti regionali, Assessori e Presidente di Giunta se dobbiamo assumere qualcuno che studi i Lucani e ci dica se le azioni messe in campo dal Governo regionale hanno avuto impatto o no?

Ma stiamo scherzando? E la politica a cosa serve? A cosa servono i grandi esperti? A cosa serve questo Governo? Ma finora cosa abbiamo fatto?

Per tre anni abbiamo speso soldi per cosa? E quando Pittella esalta i successi conseguiti, di cosa parla se deve pagare qualcuno perché glielo dica? O magari, vuole conoscere quanto il suo ‘regime’ ha danneggiato la Basilicata?

No. Questa non è più una questione di visioni diverse sullo sviluppo economico e sul welfare. Oggi abbiamo la conferma che visione non ce n’è mai stata e continua a non esserci.

Dove vogliamo andare se il nocchiero non conosce la rotta?

Questa azione non è altro che l’ennesima manifestazione di incapacità politica e amministrativa di Pittella e della sua maggioranza, che non sono in grado di comprendere lo stato drammatico in cui versa una delle
Regioni più povere d’Italia.

Siamo dinanzi ad un provvedimento che ridicolizza, in primo luogo, il Governo regionale, che evidentemente non sa come indirizzare i programmi di sviluppo della Regione e si rivolge ad altri per farlo e, in secondo luogo, i loro sostenitori che parlano di convergenza sulle idee e su questi benedetti programmi che, evidentemente, non ci sono.

Onestà intellettuale vorrebbe che si dimettessero in blocco. Ma sappiamo che sarebbe pretendere troppo.

Potenza, 16 Febbraio 2017

Gianni Rosa, Fratelli d’Italia – Alleanza Nazionale



archivio

ALTRI

La Voce della Politica
20/04/2018 - Potenza. Ugl, morti bianche: segretari Nazionali a sostegno sicurezza sul lavoro

“Tutta l’Ugl è solidale manifestando a Potenza sulla sicurezza sul lavoro dopo le ultime morti bianche avvenute nella regione”.
E’quanto dichiara il Segretario Confederale Ugl con delega alle politiche del lavoro, Stefano Conti, presente al sit-in di questa mattina con i...-->continua

20/04/2018 - Montescaglioso: finanziamento di € 262.160,00 per interventi di sicurezza

Con Determina Dirigenziale Regionale del 13 aprile 2018 recante in oggetto “Eccezionali eventi metereologici verificatisi nei giorni 7 e 8 ottobre 2013. Piano utilizzo economie – Attuazione”, la Città di Montescaglioso si è vista riconoscere un finanziamento c...-->continua

20/04/2018 - Legambiente su divieto uso acqua potabile nel Metapontino

Sono tre i comuni delle costa Jonica che in questi giorni hanno emesso ordinanze che vietano l’uso e consumo dell’acqua a scopo potabile, a seguito di un superamento dei valori di trialometani oltre i valori consentiti.Ordinanze che hanno determinato nelle pop...-->continua

20/04/2018 - Castelluccio, emergenza acqua nel Metapontino da affrontare adeguatamente

Si prenda atto che siamo di fronte ad una vera e propria emergenza che, purtroppo, ha troppi elementi oscuri al punto che sono gli stessi sindaci a chiedere trasparenza e chiarezza. Lo afferma il consigliere regionale Paolo Castelluccio in riferimento all’int...-->continua

20/04/2018 - Tavolo Verde: sit in di protesta a Pisticci

L’amministrazione Comunale di Pisticci a guida Verri, con il colpevole silenzio della Regione Basilicata, e non solo, invece di attivarsi per valorizzare il territorio a partire dal settore agricolo, favorendo investimenti per l’occupazione, anche attraverso l...-->continua

20/04/2018 - Gestione risorse idriche: Rosella (Idv), è tempo di svoltare

Il divieto all’uso di acqua potabile che perdura a Policoro e si è esteso in altri centri del Metapontino, da una parte, la vicenda del completamento dello schema idrico Basento-Bradano, dall’altra, nuovamente denunciata dai sindacati dei lavoratori edili, den...-->continua

20/04/2018 - Castelgrande su apertura nuovo tratto Bradanica

L’apertura al transito del nuovo tratto nell’ambito “dei lavori del 1 tronco-1 lotto della Martella sulla strada statale 655 ‘Bradanica”, rappresenta un passo importantissimo verso il completamento dell’intera infrastruttura e ci consente di “riavvicinare” l’a...-->continua






WEB TV
Dice che era un bel torrente ma non andava più al mare
di Mariapaola Vergallito

“Dice che era un bel progetto e serviva a creare/ la deviazione di un torrente per distrarlo dal mare; ma dall’idea alla realizzazione passarono 40 anni, giusto il tempo di essere deviata e l’acqua cominciò a far danni”.

Scusate, non ho resistito. E’ 4 marzo, del resto, e chiedo scusa a Lucio Dalla per questa scapestrata citazione. C’è qualcun altro, però, che dovrebbe chiedere scusa, oggi. Proprio oggi che il torrente Sarmento, deviato in parte dal suo corso naturale, immette un bottino idrico di 80 milioni di metri cubi in più all’anno nel grande invaso di Montecotugno. Serve a completare lo schema idrico del Sinni, per un progetto cominciato negli anni Settanta, quando la Democrazia Cristiana e il Partito Comunista erano i due grandi partit...-->continua




Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo