HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

La voce della Politica

Leggieri (M5S) sul permesso di ricerca Monte Cavallo

10/01/2017

Ci risiamo. La Shell Italia E&P S.p.A. ha presentato in data 22.12.2016 il permesso di ricerca di idrocarburi liquidi e gassosi denominato “Monte Cavallo” presso il Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare. E’ stata avviata così la procedura per la Valutazione di Impatto Ambientale ufficialmente in data 27.12.2016.

Al momento la procedura risulta pendente presso il Ministero con la possibilità di presentare osservazioni sino alla data del 25.02.2017.
E’ bene evidenziare che il progetto di cui parliamo interessa sia la Regione Basilicata che la Regione Campania, l’area di interesse dell’istanza “Monte Cavallo” infatti ricopre una superficie di circa 211,9 chilometri quadrati e ricade nel territorio dei comuni di Atena Lucana, Brienza, Marsico Nuovo, Montesano sulla Marcellana, Padula, Paterno, Polla, Sala Consilina, Sant'Arsenio, Sassano, Teggiano e Tramutola, nelle province di Potenza e Salerno.

Ancora una volta siamo alle prese con un problema che riguarda il nostro territorio e che rischia di andare ad impattare pesantemente su una realtà già fortemente compromessa dall’impatto devastante che le estrazioni petrolifere hanno determinato negli anni.

La Val d’Agri è l’esempio della incompatibilità tra estrazioni petrolifere e sviluppo sostenibile e, pertanto, se vogliamo evitare ulteriori distruzioni nella nostra Regione, abbiamo il dovere di opporci a questo nuovo scellerato progetto.
Oltre che essere doveroso da parte della Regione Basilicata intervenire nell’attuale procedimento con le osservazioni del caso, che vanno presentate entro il 25 febbraio 2017, abbiamo il dovere più generale di esprimere con forza la contrarietà contro ogni ulteriore progetto di qualsiasi compagnia petrolifera sul territorio lucano.

Non possiamo infatti dimenticare la fragilità ambientale di questa terra e i gradi cosi già sostenuti in termini di salute pubblica e di deturpazione del paesaggio.
E’ pertanto mia intenzione presentare una mozione che chieda alla Regione due cose semplici semplici: 1) esprimere tutta la contrarietà della Regione Basilicata alla concessione di nuovi permessi di ricerca di idrocarburi sul territorio regionale; 2) di attivare gli uffici regionali per presentare le necessarie osservazioni entro la data dal 25.02.2017.

Tra l’altro siamo già in contatto con i colleghi campani per presentare congiuntamente la mozione e dare più forza all’azione di contrasto.
Ma non solo, a questo punto è giusto che siano i territori maggiormente interessati ad alzare la voce e a muoversi per contrastare il pericolo. Per questo il primo appello va proprio ai primi cittadini dei Comuni interessati affinchè adottino delibere che vadano nella direzione segnata.
Abbiamo il dovere di lottare compatti ed uniti per difendere i cittadini lucani e i veri interessi della nostra Regione.

Gianni Leggieri
Capogruppo M5S Basilicata




archivio

ALTRI

La Voce della Politica
24/03/2017 - Parco Appennino: ricerche idrocarburi e attività sportive nell'ultimo direttivo

L’ultima seduta del Consiglio Direttivo del Parco dell’Appennino Lucano, ha deliberato fra gli altri punti, sulla procedura di VIA relativa all’istanza di ricerca di idrocarburi di Shell Italia nei siti “La Cerasa”, “Pignola” e “Monte Cavallo”, per la quale è stato preso att...-->continua

23/03/2017 - Creopportunità, il presidente Pittella a Lagonegro

Il presidente della Regione Basilicata, Marcello Pittella, ha partecipato, a Lagonegro, ad un incontro organizzato dall'amministrazione comunale, da Confartigianato Imprese e Fidi imprese. Tema dell'incontro: ripartire dalle opportunità territoriali e dal pacc...-->continua

23/03/2017 - Perrino M5s su diffida all'ENI della Regione Basilicata

Nel pomeriggio di ieri, nel corso del “question time” alla Camera dei Deputati, sono arrivate le scontate ‘rassicurazioni’ del Ministro dell’Ambiente sull’evento verificatosi nelle acque del bacino del Pertusillo: per l’occasione Galletti si è improvvisato por...-->continua

23/03/2017 - Servizio di trasporto pubblico: pregiudizi per i titolari di abbonamenti -

I disservizi non finiscono mai per gli utenti del servizio di trasporto pubblico urbano nella città di Potenza.
Nuove segnalazioni pervengono all'attenzione dell'avv. Luisa Rubino, responsabile di Rete Sociale Attiva Basilicata, e si aggiungono a quelle ch...-->continua

23/03/2017 - Galella FdI-AN:l’impianto di compostaggio deve essere fatto a Potenza

Inefficienza e incompetenza dell’amministrazione regionale e delle amministrazioni comunali hanno creato tra i tanti tumori di cui il capoluogo è vittima, anche quello dello smaltimento dei rifiuti.

Nonostante i potentini paghino una Tari tra le più s...-->continua

23/03/2017 - Potenza: convegno del M5s su "difendiamo l'acqua del Pertusillo"

"Difendiamo l'acqua del Pertusillo. Subito la chiusura del Cova-Eni di Viggiano e la bonifica delle aree inquinate dal petrolio".
Sarà questo il tema del convegno che si svolgerà domani venerdì 24 marzo a Potenza alle ore 17:30, nella Sala A del Consiglio ...-->continua

23/03/2017 - No alla delegittimazione dei lavoratori regionali

Ancora una volta i mezzi di comunicazione puntano il dito contro i lavoratori regionali.
Ormai da diversi anni a questa parte si assiste ad una campagna denigratoria che getta fango in faccia a persone che tutti i giorni, malgrado le criticità di un’ammin...-->continua







WEB TV

Warning: mysql_data_seek(): supplied argument is not a valid MySQL result resource in D:\inetpub\webs\lasiritideit\canestro.php on line 628
Bullismo, al di là del fatto di cornaca
di Nino Cutro*

Picchiavano e violentavano coetanei e postavano le immagini sui social, quasi come un trofeo
Bulli quindicenni: sono loro i protagonisti di questo fatto di cronaca avvenuto a Vigevano (ma non è la location che interessa) che ripropone un problema purtroppo sempre più diffuso che, sebbene monitorato a più livelli, non trova ancora strategie idonee a circoscriverlo.

Perché questo accade?
Accade perché molte volte l’allarme scatta a cose fatte; perché non siamo riusciti a leggere per tempo i segnali premonitori di un disagio nell’adolescente che potrebbe sfociare, come spesso accade, nella violenza contro coetanei. Ovviamente coetanei più deboli, vittime scelte per “accreditarsi” con se stesso e con gli altri.
Viene spontaneo chiederc...-->continua




Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo