HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

La voce della Politica

Leggieri (M5S) sul permesso di ricerca Monte Cavallo

10/01/2017

Ci risiamo. La Shell Italia E&P S.p.A. ha presentato in data 22.12.2016 il permesso di ricerca di idrocarburi liquidi e gassosi denominato “Monte Cavallo” presso il Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare. E’ stata avviata così la procedura per la Valutazione di Impatto Ambientale ufficialmente in data 27.12.2016.

Al momento la procedura risulta pendente presso il Ministero con la possibilità di presentare osservazioni sino alla data del 25.02.2017.
E’ bene evidenziare che il progetto di cui parliamo interessa sia la Regione Basilicata che la Regione Campania, l’area di interesse dell’istanza “Monte Cavallo” infatti ricopre una superficie di circa 211,9 chilometri quadrati e ricade nel territorio dei comuni di Atena Lucana, Brienza, Marsico Nuovo, Montesano sulla Marcellana, Padula, Paterno, Polla, Sala Consilina, Sant'Arsenio, Sassano, Teggiano e Tramutola, nelle province di Potenza e Salerno.

Ancora una volta siamo alle prese con un problema che riguarda il nostro territorio e che rischia di andare ad impattare pesantemente su una realtà già fortemente compromessa dall’impatto devastante che le estrazioni petrolifere hanno determinato negli anni.

La Val d’Agri è l’esempio della incompatibilità tra estrazioni petrolifere e sviluppo sostenibile e, pertanto, se vogliamo evitare ulteriori distruzioni nella nostra Regione, abbiamo il dovere di opporci a questo nuovo scellerato progetto.
Oltre che essere doveroso da parte della Regione Basilicata intervenire nell’attuale procedimento con le osservazioni del caso, che vanno presentate entro il 25 febbraio 2017, abbiamo il dovere più generale di esprimere con forza la contrarietà contro ogni ulteriore progetto di qualsiasi compagnia petrolifera sul territorio lucano.

Non possiamo infatti dimenticare la fragilità ambientale di questa terra e i gradi cosi già sostenuti in termini di salute pubblica e di deturpazione del paesaggio.
E’ pertanto mia intenzione presentare una mozione che chieda alla Regione due cose semplici semplici: 1) esprimere tutta la contrarietà della Regione Basilicata alla concessione di nuovi permessi di ricerca di idrocarburi sul territorio regionale; 2) di attivare gli uffici regionali per presentare le necessarie osservazioni entro la data dal 25.02.2017.

Tra l’altro siamo già in contatto con i colleghi campani per presentare congiuntamente la mozione e dare più forza all’azione di contrasto.
Ma non solo, a questo punto è giusto che siano i territori maggiormente interessati ad alzare la voce e a muoversi per contrastare il pericolo. Per questo il primo appello va proprio ai primi cittadini dei Comuni interessati affinchè adottino delibere che vadano nella direzione segnata.
Abbiamo il dovere di lottare compatti ed uniti per difendere i cittadini lucani e i veri interessi della nostra Regione.

Gianni Leggieri
Capogruppo M5S Basilicata




archivio

ALTRI

La Voce della Politica
11/12/2017 - Braia: Arieti merinizzati italiani, Basilicata punta su miglioramento genetico

“Grande l’interesse mostrato dagli oltre 200 allevatori partecipanti all’asta svoltasi presso il Centro Selezione di Laurenzana, punta di orgoglio della zootecnia lucana che mira a rafforzare le attività di miglioramento genetico non solo per la razza podolica, ma anche pe...-->continua

10/12/2017 - G.Rosa su assemblea FdI di Policoro

Si è tenuta ieri, a Policoro, l'assemblea cittadina di FdI. Dopo il grande successo del congresso nazionale, riprende l'attività di strutturazione sul territorio per garantire la democrazia e la funzionalità delle articolazioni territoriali del partito.
<...-->continua

9/12/2017 - Fronte Democratico su FCA Melfi

Dopo la richiesta di Lacorazza e Giuzio, che segue altre iniziative consiliari di cui sempre con il consigliere Lacorazza siamo stati promotori, la giunta presenterà, il prossimo 13 dicembre, una comunicazione sulla situazione dello stabilimento di Melfi FCA. ...-->continua

9/12/2017 - Rocco Tauro (FdI) su certificazione antimafia

Ma è possibile che la burocrazia italiana non ha mai un limite, e che gli stessi legislatori fanno di tutto per aumentare le difficoltà ai cittadini, quando questi sono costretti a venire a contatto con essa?
Ultima in ordine di tempo è la decisione pr...-->continua

8/12/2017 - Braia: Cultura, educazione alimentare, ambiente e salute: verso la carta di Mate

“Nella sfida di investire di più e meglio sia sull’uso razionale del bene terra e delle risorse naturali e sull’uso consapevole del cibo per contrastare lo spreco alimentare, il comparto agricoltura gioca un ruolo chiave per chi il cibo lo produce e per chi lo...-->continua

8/12/2017 - No triv su permesso ricerca Masseria La Rocca

La Regione Basilicata in queste ultime settimane ha dato un altro assaggio della sua insipienza politico-amministrativa che, specie nel settore della tutela ambientale, sappiamo essere decisamente profonda. Infatti, nonostante siano decorsi oltre sei mesi dall...-->continua

7/12/2017 - G.Rosa su assunzioni manager Appule Lucane

È di qualche giorno fa la denuncia a mezzo stampa di una sigla sindacale che evidenzia gravi anomalie nelle assunzioni delle Fal S.r.l che rischiano di avere ripercussioni sui servizi ai cittadini, come se non bastassero i disservizi dovuti ai ritardi nei lavo...-->continua







WEB TV

Warning: mysql_data_seek(): supplied argument is not a valid MySQL result resource in D:\inetpub\webs\lasiritideit\canestro.php on line 628
Se la tecnologia aumenta il baratro tra le generazioni
di Mariapaola Vergallito

Poco tempo fa mi ha fatto riflettere lo slogan usato a chiosa di una pubblicità della Samsung sulla realtà virtuale. Per intenderci: quello spot (molto bello, per la verità) in cui si vedono alcuni studenti correre su una pianura in mezzo ai dinosauri ma, in realtà, sono nella loro classe. Alla fine di quello spot lo slogan recitava più o meno così: quello che per la generazione precedente era impossibile, la generazione successiva lo ha già realizzato. Vero e inquietante.

Sono nata all’inizio degli anni Ottanta. Ho vissuto la mia infanzia e la mia adolescenza, periodi cruciali per la vita di ognuno, tra gli anni Ottanta e gli anni Novanta, anni in cui gli strumenti che avevamo per approcciarci al mondo e, soprattutto, per far entrare il mon...-->continua




Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo