HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

La voce della Politica

Leggieri (M5S) sul permesso di ricerca Monte Cavallo

10/01/2017

Ci risiamo. La Shell Italia E&P S.p.A. ha presentato in data 22.12.2016 il permesso di ricerca di idrocarburi liquidi e gassosi denominato “Monte Cavallo” presso il Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare. E’ stata avviata così la procedura per la Valutazione di Impatto Ambientale ufficialmente in data 27.12.2016.

Al momento la procedura risulta pendente presso il Ministero con la possibilità di presentare osservazioni sino alla data del 25.02.2017.
E’ bene evidenziare che il progetto di cui parliamo interessa sia la Regione Basilicata che la Regione Campania, l’area di interesse dell’istanza “Monte Cavallo” infatti ricopre una superficie di circa 211,9 chilometri quadrati e ricade nel territorio dei comuni di Atena Lucana, Brienza, Marsico Nuovo, Montesano sulla Marcellana, Padula, Paterno, Polla, Sala Consilina, Sant'Arsenio, Sassano, Teggiano e Tramutola, nelle province di Potenza e Salerno.

Ancora una volta siamo alle prese con un problema che riguarda il nostro territorio e che rischia di andare ad impattare pesantemente su una realtà già fortemente compromessa dall’impatto devastante che le estrazioni petrolifere hanno determinato negli anni.

La Val d’Agri è l’esempio della incompatibilità tra estrazioni petrolifere e sviluppo sostenibile e, pertanto, se vogliamo evitare ulteriori distruzioni nella nostra Regione, abbiamo il dovere di opporci a questo nuovo scellerato progetto.
Oltre che essere doveroso da parte della Regione Basilicata intervenire nell’attuale procedimento con le osservazioni del caso, che vanno presentate entro il 25 febbraio 2017, abbiamo il dovere più generale di esprimere con forza la contrarietà contro ogni ulteriore progetto di qualsiasi compagnia petrolifera sul territorio lucano.

Non possiamo infatti dimenticare la fragilità ambientale di questa terra e i gradi cosi già sostenuti in termini di salute pubblica e di deturpazione del paesaggio.
E’ pertanto mia intenzione presentare una mozione che chieda alla Regione due cose semplici semplici: 1) esprimere tutta la contrarietà della Regione Basilicata alla concessione di nuovi permessi di ricerca di idrocarburi sul territorio regionale; 2) di attivare gli uffici regionali per presentare le necessarie osservazioni entro la data dal 25.02.2017.

Tra l’altro siamo già in contatto con i colleghi campani per presentare congiuntamente la mozione e dare più forza all’azione di contrasto.
Ma non solo, a questo punto è giusto che siano i territori maggiormente interessati ad alzare la voce e a muoversi per contrastare il pericolo. Per questo il primo appello va proprio ai primi cittadini dei Comuni interessati affinchè adottino delibere che vadano nella direzione segnata.
Abbiamo il dovere di lottare compatti ed uniti per difendere i cittadini lucani e i veri interessi della nostra Regione.

Gianni Leggieri
Capogruppo M5S Basilicata




archivio

ALTRI

La Voce della Politica
19/08/2017 - Montescaglioso: attuazione Decreto Minniti festività patronali

In attuazione al Decreto Minniti (Circolare del 7 giugno 2017 del Ministero dell’Interno - Dipartimento della Pubblica Sicurezza, NR. 555/OP/0001991/2017/1 firmata dal Capo della Polizia Franco Gabrielli), con cui il Ministro dell’Interno, dopo i tragici fatti di Torino, h...-->continua

19/08/2017 - Fondi europei diretti: workshop base sulla progettazione in Basilicata

Da venerdì 29 Settembre 2017 a domenica 1 Ottobre 2017 Rosa D’Amato, Portavoce al Parlamento Europeo in collaborazione con il gruppo regionale M5S Basilicata, Organizza il Workshop Base sulla progettazione con i fondi europei diretti. L’Intervento di formazion...-->continua

19/08/2017 - Rosella (Idv): 'alzare qualità della concertazione sociale'

L’invito del consigliere regionale Pd Piero Lacorazza, a nome della componente del Pd Fronte Democratico, ad aprire quello che definisce un vero confronto con i sindacati, almeno per noi, sfonda una porta aperta e diventa un motivo in più per alzare la qualità...-->continua

18/08/2017 - Ugl e Cittadinanza Attiva sul carcere di Matera

“Conosciamo bene le problematiche e le difficoltà delle persone che quotidianamente lavorano nel carcere di Matera: è solo grazie alla dedizione che operatori socio-sanitari, educatori e agenti della polizia penitenziaria mettono nel loro lavoro che l’istituto...-->continua

18/08/2017 - Bolognetti su presentazione del libro di Nicodemo a Maratea

C'è del tragicomico nel confronto tra Pittella, Nicodemo e Puca, che si terrà questa sera in quel di Maratea. Lor signori parleranno di "Disinformazione" e lo faranno in compagnia di un giornalista che, nel dicembre del 2015, ebbe a scrivere un articolo su Vig...-->continua

18/08/2017 - Senise: sindaca chiede incontro urgente per problemi legati all'agricoltura

La sindaca di Senise Rossella Spagnuolo ha chiesto ufficialmente un incontro urgente al Commissario Unico dei Consorzi di Bonifica Giuseppe Musacchio e alla Regione Basilicata (assessore Braia e Presidente Pittella). Tema dell'incontro richiesto: "le gravi pro...-->continua

18/08/2017 - G.Rosa sulle selezioni interinali ARPAB

È un’agenzia privata, la Manpower, che chiede ad un’Agenzia pubblica, l’ARPAB, di non procedere alla ricezione delle candidature nel mese di Agosto. E già questo dovrebbe far suonare un campanello d’allarme.

Se a questo si aggiunge che era previsto un...-->continua







WEB TV

Warning: mysql_data_seek(): supplied argument is not a valid MySQL result resource in D:\inetpub\webs\lasiritideit\canestro.php on line 628
Frana di Senise, 31 anni fa. Non crollò solo una collina
di Mariapaola Vergallito

Un anno fa, in occasione del trentesimo anniversario della frana di collina Timpone, a monte dell’abitato di Senise, la parrocchia intese commemorare le 8 vittime, tra queste 4 bambini, con una semplice e significativa immagine: ai piedi dell’altare della chiesa di San Francesco, dove anche oggi si commemoreranno le vittime, un telo bianco posto a più livelli e 8 candele, accese nei punti in cui vivevano, sulla collina, le persone che non ci sono più. Quelle candele accese devono continuare ad emanare luce e calore in chi resta. Soprattutto in tanti giovani, molti dei quali nel 1986 non erano neppure nati, che devono così essere accompagnati nel ricordo di quanto accaduto. Per dovere. E per necessità. L’intima necessità che tali tragedie non si ripetan...-->continua




Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo