HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

La voce della Politica

Disagio neve, Ugl Basilicata: serve prevenzione

9/01/2017

“In Basilicata se nevica siamo al disastro. Dobbiamo evitare che centimetri di neve sulle strade lucane causino il blocco della circolazione dei mezzi con gravi ripercussioni per le attività economiche e per la sicurezza dei cittadini. Vanno attivate tutte le azioni utili a prevenire ed evitare il blocco del traffico merci. Risolvibile solo con una corretta e pronta manutenzione delle strade, con interventi preventivi di trattamenti con sale e con servizi rapidi di sgombero della neve per assicurare la loro percorribilità e per garantire la sicurezza stradale”.
E’ quanto denunciano il segretario generale dell’Ugl Basilicata Giovanni Tancredi e Pino Giordano, segretario provinciale dell’Ugl Matera.
Per i sindacalisti, “quanto accade è veramente paradossale. Territorio completamente abbandonato a se stesso con ghiaccio sulle strade, cittadini e lavoratori ‘sequestrati’ nelle loro case impossibilitati ad uscire: per non parlarne sulla situazione vergognosa della situazione strade provinciali abbandonate senza mezzi spargisale e mezzi per lo sgombero della neve. Ma a sorprendere più di tutti è stata la gestione delle strade statali che sono state lasciate in uno stato pietoso. A pagare le spese maggiormente, sono i dipendenti della Fca Melfi costretti a perdere giornate di lavoro per impercorribilità dei mezzi pubblici. Siamo nel 2017, ogni anno la stessa storia – tuonano forte i segretari Tancredi e Giordano. La causa? Neve. E allora i pullman di altre regioni, o altre città, dove ha nevicato molto più abbondantemente, cosa dovrebbero fare? Fatto sta che i lavoratori sono fermi, increduli dal non poter raggiungere il loro posto di lavoro, ancora li a Nova Siri (MT), Policoro, Montalbano, insomma una regione in ginocchio. Questa situazione spinge l’Ugl Basilicata a scrivere alla Regione affinché siano trasferite con urgenza specifiche risorse alle province di Potenza e di Matera per contribuire alle spese necessarie ad assicurare la percorribilità delle strade, per prevenire disagi e pericoli all’intera collettività regionale e per evitare gravi danni agli operai, alle aziende, e a tutti quegli operatori economici che si troverebbero a dover pagare, a causa di mancate consegne nei tempi stabiliti, penali molto elevate, come peraltro avvenuto negli anni scorsi. Per l’Ugl, andava assicurata con tutti i mezzi e in tutti i modi la percorribilità delle strade ma, parole parole parole, solo parole, ogni anno si ripete la stessa inaccettabile situazione e nulla si fa per cercare di migliorare. Manca la volontà politica per risolvere i problemi e ridurre al minimo i disagi per i cittadini. Noi dell’Ugl siamo a ripetere, – concludono Giordano e Tancredi – che in definitiva è semplicemente vergognoso quanto accade in Basilicata ed non è certamente la prima volta, dove ad ogni minima esigenza atmosferica il tutto si paralizza come se vivessimo nelle favole incantate: è bastata una nevicata e ogni cosa si è bloccata”.



archivio

ALTRI

La Voce della Politica
20/01/2017 - Latronico (Cor) su Governo e Mezzogiorno

“La Camera dei Deputati sta esaminando un decreto del Governo di fine dicembre che richiama almeno nel titolo interventi urgenti per la coesione sociale e territoriale nel Mezzogiorno. Un Mezzogiorno piegato ed impoverito dalla crisi che dal 2007 ha visto indebolire le ereti...-->continua

20/01/2017 - Perrino M5s:puzza di uova marce a Trivellopoli

Le immagini dello scorso 14 dicembre provenienti da Viggiano, che raffiguravano una densa colonna di fumo nero innalzarsi dai camini del Centro Oli ENI, riproposero nuovamente il problema dell’impatto ambientale dell’impianto sulla popolazione e il territorio ...-->continua

20/01/2017 - Ugl scuola:“Dirigenti scolastici,impegni e responsabilità,ma quale stipendio?”

“Il preside sceriffo non esiste più. I suoi tanto discussi poteri di scelta tramite chiamata diretta (già ampiamente ridotti con la cosiddetta chiamata per curriculum) sono stati sconfessati dal nuovo accordo per la mobilità dei docenti. Cosa resta? Figure sov...-->continua

20/01/2017 - Bolognetti: l'inglese per tutti, il petrolio per pochi

Facite ammuina! Lunedì 23 gennaio, Sua Grazia Serenissima, l'ambasciatore britannico in Italia, visiterà la colonia lucana.
A darne notizia, con uno stile e una sobrietà che ricordano un po' il carnevale di Rio e un po' la lettera di Troisi e Benigni a Sa...-->continua

20/01/2017 - Anche a Gallicchio il Pd organizza la raccolta per le popolazioni terremotate

In analogia con quanto disposto a livello nazionale, anche in il PD di Gallicchio (Pz) sarà aperto questo fine settimana per la raccolta di materiale destinato alle popolazioni colpite dal sisma.
La situazione delle popolazioni che ancora una volta sono st...-->continua

20/01/2017 - Cariello (Scanzano Viva) risponde al sindaco di Scanzano Jonico

“Mi rallegro di essere riuscito nell'intento di destare il sindaco di Scanzano Jonico dal suo “dormiente” mandato. Perchè a dormire non sono certo io, che sono abituato a svegliarmi all'alba per andare a lavorare, ma lui visto che dopo quello che è accaduto, l...-->continua

20/01/2017 - G.Rosa sulla convenzione del San Carlo con il Bambin Gesù

5 milioni e 600 mila euro in 5 anni per formare 2 medici radiologi e 6 infermieri. Questo il risultato della convenzione dell’Ospedale San Carlo di Potenza con l’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù di Roma. Questo è quello che ci ha risposto l’Assessore Franconi ...-->continua







WEB TV

Warning: mysql_data_seek(): supplied argument is not a valid MySQL result resource in D:\inetpub\webs\lasiritideit\canestro.php on line 628
Il sistema di accoglienza è una bomba. La miccia chi ce l'ha?
di Mariapaola Vergallito

Quello che è accaduto e che, anzi, sta accadendo da tempo a Chiaromonte, un paese che ha dimostrato di saper accogliere i migranti che, a loro volta, hanno dimostrato di poter convivere con le comunità , è un serio campanello d’allarme, non il primo, rimasto fino ad ora inascoltato dalle istituzioni, Prefettura in primis. Lo denunciano, da mesi, gli amministratori e lo segnalano i cittadini, sulla cui testa, spesso, pende la spada delle decisioni non concertate. Perché? Perché “siamo in emergenza”. Nel caso di una protesta a Chiaromonte si è verificato anche il ferimento, per fortuna di lieve entità, di uno dei ragazzi coinvolti nella lite. E’ stato subito allertato il 118 ma, in quei concitati momenti, era disponibile solo un’ambulanza proveniente da...-->continua




Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo