HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

In marcia a Montescaglioso per la Cultura 2019

24/02/2019

Si è svolta il 22 febbraio a Montescaglioso, la 'Marcia per la Cultura' curata dai docenti dell'Istituto comprensivo 'Palazzo-Salinari', in collaborazione con l'amministrazione comunale . Si tratta di un ’iniziativa che rientra in ‘Basilicata in Marcia per la Cultura’, l’Accordo di Programma, sottoscritto da Regione Basilicata, Unicef, Direzione Scolastica Regionale, Forum Nazionale dei Giovani e oltre 40 partners .
I protagonisti sono stati i Giovani e la Scuola, con a capo la dirigente professoressa Antonella Salerno, con l'obiettivo di recuperare il valore ' identità lucana ' attraverso la conoscenza e la valorizzazione del patrimonio storico, artistico e paesaggistico del proprio paese diventando, così, coscienti della straordinaria importanza della sua tutela.
La marcia ha avuto inizio nel piazzale antistante l'istituto comprensivo 'Palazzo -Salinari' , presso rione Marco Polo, dove sono state illustrate le mappe del percorso. Un corteo festante di bambini piccolissimi della scuola dell'infanzia, della scuola primaria e secondaria, vestiti con i costumi tradizionali del Carnevale Montese, fatti con striscioline di giornale e numerose altre maschere dai mille colori, cortei nuziali, sposi e spose, centinaia di bandierine svolazzanti, bandiere dell'Europa e cartelloni e campanacci.
Si è proceduto verso la Chiesa dei Cappuccini dove é stata messa in scena, attraverso un tableaux vivant, la storia delle lotte contadine .Un gruppo di narratori ha raccontato la storia della lotta al latifondismo e la concessione delle terre ai braccianti e ai contadini , attraverso l'intervento del capo del governo Alcide De Gasperi e la Legge Stralcio. Gli attori in erba hanno messo in scena un'intervista realizzata dal giornalista di Montescaglioso , Alberto Parisi, a Mariannina Menzano, una delle maggiori esponenti del movimento contadino, la quale racconta quella famosa notte di terrore che vide la repressione e la cattura di uomini e donne che avevano preso parte alle manifestazioni di rivolta , tra cui Giuseppe Novello, ferito e morto dopo qualche giorno.
La drammatizzazione si è conclusa con una bellissima e colorata scena corale di un popolo vittorioso che inneggia la giustizia.
La marcia ha raggiunto la Chiesa di San Rocco, in Piazza Roma, dove i ragazzi si sono esibiti in canti e giochi del passato e hanno fornito notizie sulla chiesa valorizzando il patrimonio culturale del paese.
Nella tappa successiva della marcia della cultura di Montescaglioso si è raggiunta la Chiesa Madre, gremita di gente, per l'esibizione del coro sui diritti umani e l'accoglienza . Inoltre, davanti alle autorità e agli amministratori, i ragazzi hanno parlato di legalità attraverso la presentazione del 'Calendario della legalità', realizzato dal grafico Mauro Bubbico, e il manifesto 'no alcool' realizzato per promuovere l'idea di un “Carnevale sicuro” dell' Associazione 'Giovani per la legalità Paolo Gallipoli'.
Ultima tappa del percorso è stata l'Abbazia di San Michele Arcangelo dove si sono potute ammirare le opere realizzate dai ragazzi, tra cui un modellino dell'abbazia in cartapesta, un video sulle tradizioni montesi e sulla 'Leggenda della monaca', i Cucibocca e le sette figure della 'Quaresima'.
Al termine della manifestazione, l’arch. Cappelli della Regione Basilicata ha premiato
due eccellenze montesi distintesi nel campo dell’arte e della cultura.
Una manifestazione entusiasmante che ha coinvolto ed emozionato tutti e che ha visto la società civile diventare società dell'apprendimento; questo significa che la scuola ha vinto: è riuscita a far passare alcuni valori all'interno della società. In questo lungo percorso la scuola è stata il luogo dell'incontro , della convivenza , che ha saputo accogliere, far coesistere e costruire un'identità condivisa, uno spazio comune di appartenenza ma, allo stesso tempo , ha rivolto lo sguardo al futuro, guardando all'Europa e ha creato uno spazio comune simbolico e fisico dove darsi delle regole. Abermans lo chiamava patriottismo costituzionale: la scuola costruisce un'identità, un senso di appartenenza a una storia, alla tradizione , un'idea di convivenza, ma anche di formazione alla cittadinanza.




archivio

ALTRE NEWS

ALTRE NEWS
20/03/2019 - Laboratori diffusi per Matera2019. Ecco come iscriversi

“Laboratorio artistico diffuso”, in più Comuni della Basilicata, con la direzione artistica del Centro Mediterraneo delle Arti diretto da Ulderico Pesce. Dal Campus universitario di Matera, dove ogni lunedì, dalle ore 15 alle ore 19, si tengono lezioni sul “metodo dell’attor...-->continua

20/03/2019 -  XXIV Giornata della Memoria in ricordo delle vittime innocenti delle mafie

Si svolgerà a Padova e in contemporanea in tanti luoghi in tutta Italia la XXIV Giornata della Memoria e dell’Impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie “Orizzonti di giustizia sociale".
Come ogni anno, nel primo giorno di primavera, simbolo di...-->continua

20/03/2019 - Coord.Naz.le Docenti Diritti Umani su Mobilità 2019

Il Coordinamento Nazionale Docenti della Disciplina dei Diritti Umani vuole evidenziare i dati negativi che attualmente si registrano in Italia inerenti all’andamento demografico: calo delle nascite; aumento dell’indice di vecchiaia; trasferimenti verso il Nor...-->continua

19/03/2019 - T3: al via l’iniziativa 'Aperitivi dell’Innovazione'

T3 Innovation, la struttura di trasferimento tecnologico della Regione Basilicata nata per la piena attuazione della “Strategia Regionale di Specializzazione Intelligente” (S3), dà il via all’iniziativa “Aperitivi dell’Innovazione”: un ciclo di incontri inform...-->continua

E NEWS





WEB TV



Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo