HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

Protagonisti e retroscena di una classe politica in crisi in un libro di Fontana

1/12/2018

“Un paese senza leader -Storie, protagonisti e retroscena di una classe politica in crisi” mette in rilievo che nessun vero leader può emergere: lo hanno impedito le diverse leggi elettorali (maggioritari sempre mascherati) il sistema di finto premierato che ci ha accompagnati in questi venticinque anni, l’assenza di un meccanismo di sfiducia costruttiva (un governo cade quando c’è una proposta alternativa già pronta).
E ad aggiungere ostacoli è arrivata la novità di una selezione della classe dirigente affidata a qualche centinaia di click in rete.
Tutto era già chiaro dai primi anni novanta con la dissoluzione dei partiti storici della Prima Repubblica, investiti e travolti da Mani Pulite per quanto riguarda la DC ed il PSI; schiacciati dalla caduta del Muro di Berlino e dal sistema dei paesi comunisti per quanto concerne il PCI.
Le antiche leadership scompaiono, le nuove devono misurarsi con una legge elettorale il Mattarellum basato per i 2/3 su collegi uninominali in cui vince il primo classificato), che spingono ad una spartizione preventiva dei seggi tra i partiti partitini alla vigilia del voto.
Persino Silvio Berlusconi come riportato nel testo, leader televisivo per antonomasia, che vincerà le elezioni del 1994 è costretto ad allearsi con la Lega di Bossi al Nord e con Alleanza nazionale di Fini al Sud.
Ma anche quelli dello schieramento opposto della sinistra, sono stati costretti ad aggregarsi per dare un governo al paese, e non è emersa la figura del vero leader.
Alle elezioni del 4 marzo 2018 non ci sono stati né vincitori né vinti e si sono dovuti alleare i due maggiori partiti Lega Nord e Movimento a 5 stelle, per dare al paese un governo capeggiato da un docente universitario della facoltà di Giurisprudenza di Firenze prestato alla politica.
Per quanto riguarda i partiti, rispetto alla prima repubblica non sono diminuiti, ed i governi continuano ad essere instabili, come dimostrano i casi di governi che sono caduti e ricreati, mentre sarebbe opportuno che fossero più stabili e duraturi, e quindi meno partiti e più governabilità.
Il nostro sistema dovrebbe essere bipolare in cui il leader del partito di maggioranza andrebbe al potere e quello di minoranza all’opposizione e viceversa, come si verifica in molti stati esteri.



Biagio Gugliotta



archivio

ALTRE NEWS

ALTRE NEWS
20/02/2019 - "Dopo la Prova",il lavoro di Ingmar Bergman in Basilicata

Due giganti del teatro, Manuela Kustermann e Ugo Pagliai insieme ad Arianna Di Stefano, talentuosa attrice trentenne, ballerina e soprano, portano in scena in Basilicata l’opera introspettiva che meglio sintetizza il lavoro di Ingmar Bergman. "Dopo la prova", con la regia di...-->continua

20/02/2019 - Coord.Naz.le Diritti Umani sulla giustizia sociale

Il Coordinamento Nazionale Docenti della disciplina dei Diritti umani, in occasione del 20 febbraio, Giornata internazionale della giustizia sociale, istituita Il 26 novembre 2007, con la Risoluzione A/RES/62/10, dall’Assemblea Generale dell’ONU; successivamen...-->continua

20/02/2019 - A Senise targa a Grande per iniziativa SanremoSol

Lo scorso martedì a Senise, presso l’Istituto Statale di Istruzione Superiore, Leonardo Sinisgalli, si è tenuto un incontro incentrato sull’esperienza SanremoSol 2019, quale opportunità di crescita e formazione per i ragazzi che hanno preso parte al progetto. ...-->continua

20/02/2019 - Presenza lucana: Con occhi diversi 'San Brunone: Scuola e museo'

Si è svolto presso la sede dell’Associazione culturale Presenza Lucana, nell’ambito dei Venerdì Culturali, un appuntamento della cartella STORIA DEL TERRITORIO, dal titolo “Con occhi diversi. San Brunone: scuola e museo”
Ottimo lavoro presentato da Antone...-->continua

E NEWS





WEB TV



Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo