HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

Senise, il Gruppo di Preghiera di Padre Pio fa visita alla Vergine di Pompei

31/10/2018

Giornata d’intensa spiritualità del Gruppo di Preghiera di Padre Pio di Senise nella cittadina campana di Pompei. Domenica 28 Ottobre, i Gruppi di Preghiera di Padre Pio provenienti da tutta Italia, si sono ritrovati a Pompei per il raduno annuale a ricordo della spiccata devozione che il Santo di Pietrelcina nutrì per la “Bella Mammina”. L’accoglienza pomeridiana è stata fatta nella sala Trapani a fianco il Santuario. Dalla registrazione abbiamo appreso che si è mobilitata tutta l’Italia. Erano presenti gruppi dalla Campania guidati dal coordinatore regionale Padre Enzo Gaudio cui è toccato l’offerta delle rose alla Madonna. Altri provenienti dalla Puglia, Molise, Abruzzo, Basilicata, Lombardia. Nel saluto di benvenuto, il coordinatore regionale campano Padre Enzo Gaudio, nel ripercorrere le ultime ore di Padre Pio con un breve filmato sugli ultimi istanti d’agonia e la testimonianza sulla profonda devozione al Santo Rosario. I numerosi presenti si sono ritrovati in Basilica assieme alla famiglia Domenicana che ogni anno celebra il momento di raduno nel mese di Ottobre, per la recita del santo Rosario, a preludio della celebrazione eucaristica, presieduta dal vescovo di Pompei, Mons. Tommaso Caputo, assieme ai diaconi e alla comunità sacerdotale presente. Come nasce l’offerta del fascio di rose rosse? Padre Pio visitò il Santuario mariano almeno tre volte: nel 1901, quando da ragazzo vi andò con alcuni compagni di scuola; nel novembre 1911, accompagnato dal padre Evangelista, superiore del convento di Venafro; il 3 gen-naio 1917, in una licenza dalla vita militare. Con molta probabilità-sottolinea Padre Gaudio – furono le visite a Pompei che fece aumentare in Padre Pio la devozione alla Madonna di Pompei. Il 19 settembre 1968 Padre Pio compì un gesto delicatissimo verso la Madonna di Pompei. Gli fu presentato un mazzo di rose, a ricordo dei suoi cinquant’anni di stimmate. Con la sua mano piagata egli estrasse dal mazzo una rosa e l’affidò a un suo figlio spirituale diretto a Napoli, affinché la deponesse dinanzi all’immagine della Madonna del Rosario di Pompei. Tale rosa, come ha ricordato il Vescovo, tuttora custodita nel Santuario in un reliquiario, nel mese di novembre, sarà portata a San Giovanni Rotondo, insieme al Quadro della Vergine, a conclusione dell’anno che vede il 50° della Morte del santo e il centenario della Sua stigmatizzazione. All’uscita dal Santuario, le lacrime di commozione dei fedeli, si sono mischiate alle gocce di pioggia battente cadute dal cielo di Pompei.

Vincenzo diac. Terracina





archivio

ALTRE NEWS

ALTRE NEWS
20/04/2019 - Diocesi di Tursi-Lagonegro:gli auguri del Vescovo per la Pasqua

Pasqua: il dono della speranza per ogni uomo

Anche per noi, oggi, risuona rassicurante la voce dell’angelo: “Perché cercate tra i morti colui che è vivo? Non è qui, è risorto” (Lc 24,5.6). È risorto! Non è una notizia qualsiasi, si tratta dell’annuncio più sorprend...-->continua

20/04/2019 - Muro lucano tre le 43 tappe della ciclovia appenninica nazionale

Una foto del sindaco di Muro Lucano Giovanni Setaro con Enrico Della Torre, Direttore Generale “Vivi Appennino” testimonia l’impegno del primo cittadino murese nell’intento di portare sempre più il paese ad un turismo nazionale. “La nostra Muro Lucano sarà una...-->continua

19/04/2019 - 1 ° Posto all’IC2 di Policoro per il GIFFONI nella categoria elements 10+

La primaria dell'IC2 di Policoro continua ad incassare grandi risultati nel campo della cinematografia per ragazzi. Rocco Kevin Lisanti della classe 5 B , affiancato dall'ins. Giovanna Morrone, si è classificato al primo posto nella competizione regionale del ...-->continua

19/04/2019 - Aperture festività di Pasqua, 25 aprile e 1° maggio 2019 mostra Lumi di Chanukk

A Pasquetta, il 25 aprile e 1 maggio la mostra sarà aperta al pubblico con i consueti orari : dalle 10 alle 13 e dalle 16 alle 19. L’ingresso è libero.
Dal 31 marzo oltre 700 visitatori hanno apprezzato le 31 opere esposte alla Fondazione Sassi.
In mo...-->continua

E NEWS





WEB TV



Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo