HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

Si è conclusa la XIV edizione del Women’s Fiction Festival

30/09/2018

“Felice di avere aver avuto questa esperienza il un festival di libri tutto al femminile e di aver dormito nei Sassi di Matera, questo mi ha così galvanizzato che non ho più timore di affrontare la pubblicazione del mio prossimo lavoro”. E’ il commento Olivia Sudjic, scrittrice inglese ospite del WFF grazie al British Council - trascritto in una storia di Instagram a conclusione della XIV edizione del Women’s Fiction Festival.
Un’edizione dai tanti commenti positivi e da numeri importanti. Più di 60 iscritti al congresso internazionale provenienti da Europa e Stati Uniti, più di 20 i panel dedicati all’industria editoriale con circa una ventina tra editor, agenti letterari, esperti del settore. Più di 130 gli incontri della Borsa del libro, una trentina gli appuntamenti con gli autori in giro per la città e nelle scuole, più di 15 i ragazzi e le ragazze volontari che hanno partecipato al progetto Alternanza Scuola Lavoro, 8 le scuole coinvolte e 48 i nuovi componenti tra docenti e associazioni della rete territoriale che hanno partecipato alle attività formative di BIILL, la Biblioteca della Legalità, la prima nel Sud Italia fondata al WFF.
Entusiasmo, partecipazione e un pubblico di lettori sempre più attento e numeroso sono gli elementi che hanno caratterizzato questa edizione che ha celebrato il Premio Baccante assegnato a Beatrice Masini, traduttrice e direttore editoriale di Bompiani, nel corso di un’ applaudita cerimonia condotta da Alessandra Tedesco, giornalista di Radio 24, che ieri sera ha visto la straordinaria esibizione del chitarrista materano Antonello Fiamma. “Sono molto contenta di aver ricevuto questo premio che conosco da anni per il suo prestigio – ha affermato Masini - e sono molto contenta di essere qui a Matera e a questo festival guidato da una squadra di Baccanti.”
La quattordicesima edizione si è conclusa con tre appuntamenti. La mattinata odierna si è aperta alle Monacelle con Lynne Kutsukake, autrice di Tradurre la parola amore (Nuova Editrice Berti), un romanzo storico ambientato a Tokyo durante l’occupazione americana, che racconta l’amicizia tra due adolescenti. Subito dopo si è tenuto l’ incontro con Teresa Radice e Stefano Turcone, autori di Non Stancarti di andare (Bao Publishing). La mattinata si è chiusa con un aperitivo letterario con Donna Moderna, presso Stefania Boutique, in compagnia di Isabella Fava, giornalista di Donna Moderna, Giuditta Casale e di Alessandra Clemente, assessore alle Politiche Giovanili del comune di Napoli, per raccontare Donne come noi, un libro scritto da Donna Moderna per Sperling&Kupfer, che raccoglie 100 storie di donne contemporanee italiane tenaci, competenti e coraggiose, tra cui la storia di Alessandra Clemente. Nell’occasione è stato presentato il profumo “Futuro remoto” prodotto dalla Boutique Stefania, Family Partner del Women’s Fiction Festival.






archivio

ALTRE NEWS

ALTRE NEWS
19/05/2019 - “Piccole” eccellenze lucane premiate a Mombaroccio (PU)

“L’idea di realizzare una speciale edizione di un telegiornale , attraverso il quale mostrare interviste fatte ai propri compagni di Classe che interpretano figure che hanno vissuto la Shoah o che hanno salvato dei perseguitati in questa vicenda storica, risulta originale e ...-->continua

17/05/2019 - “Città di Airola”, ancora successi per lo Stigliani di Matera

In 1650 studenti provenienti da Scuole Medie e Licei a indirizzo musicale da varie regioni italiane sono arrivati ad Airola, tra martedì 14 e mercoledì 15, per concorrere ai premi dell’XI edizione del Concorso Internazionale di Esecuzione Musicale “Città di Ai...-->continua

17/05/2019 - Altri tre capolavori per "Rinascimento visto da Sud"

Tre capolavori provenienti da Andria
arricchiscono la parata di tesori del Rinascimento visto da Sud.
Marta Ragozzino li presenta il 18 maggio,
per la Notte Europea dei Musei.


Tre ulteriori capolavori arrivano ad arricchire la già str...-->continua

17/05/2019 - A Potenza momento di riflessione sul “perdono” con Ania Goledzinowska

Ania Goledzinowska, la modella polacca che a metà del 2011 abbandonò la vita mondana e le passerelle dell'alta moda per ritirarsi in convento a Medjugorje, sarà a Potenza domenica prossima per partecipare a un momento di riflessione sul perdono organizzato dal...-->continua

E NEWS





WEB TV



Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo