HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

Il 26 agosto premiazione Concorso di Poesia ‘Jacopo da Lentini’

24/08/2018

Vittorio Di Ruocco, di Pontecagnano in provincia di Salerno, ha vinto la quinta edizione del concorso nazionale di poesia “Jacopo da Lentini” promosso dal Centro UNLA di Lagopesole e l’Associazione “Lucanima” di Avigliano, con il patrocinio del Comune di Avigliano, venendo designato come “poeta federiciano 2018”.
La giuria – composta da Angelo Lucano Larotonda, Patrizia Del Puente, Mara Sabia, Luciana Fatone, Nicola Coviello, Mimmo Sammartino - ha selezionato la sua poesia “Il sorriso di Jasmine” tra circa 40 composizioni poetiche suddivise in quattro sezioni: poesia a tema libero, sonetto a tema amoroso, haiku e giovani poeti. La motivazione della giuria per la scelta dell’opera di Di Ruocco è dovuta, in particolare, ai contenuti ricchi e attuali, alle qualità stilistiche rispondenti ai criteri attesi e alla resa originale e coinvolgente di un argomento drammatico che segna il nostro tempo. Secondo classificato Adriano De Lorenzo, di Melfi, con il sonetto “Tra cielo e sole”. Terza classificata è Rita Simonetta Sarchi, di Cesate (Milano), con l’haiku “Nubi sul poggio”.
Quest’anno è stato istituito anche un premio speciale intitolato al grande giornalista, intellettuale e docente Rocco Brancati che, tra l’altro, è stato protagonista di questa manifestazione culturale e componente della giuria sin dalla sua prima edizione. Il premio Brancati è stato attribuito a una giovane poetessa di quattordici anni, Melissa Storchi di Reggio Emilia, per “Ricordi che svaniscono”. La giuria ha ritenuto inoltre di attribuire due menzioni speciali per “L’ultimo filo spinato” di Maria Carmela Mugnano di Roma e “Qui dove muore Dio” di Vito Massimo Massa di Bari.
La cerimonia di premiazione si terrà domenica 26 agosto 2018, alle ore 18:30, nella Cappella Palatina del Castello federiciano di Lagopesole. Tra i tanti premi di poesia che ogni anno si svolgono in Italia questo di Lagopesole, riserva di caccia dell’Imperatore Federico II di Svevia “stupor mundi”, intende richiamarsi alla figura di Jacopo da Lentini (1210-1260) che fu uno dei principali esponenti della “scuola siciliana”e considerato l’ideatore del sonetto. Quest’anno la manifestazione si inserisce nel contesto delle “Giornate medioevali alla Corte di Federico” promosse dal Comune di Avigliano e organizzate dall’Unla in collaborazione con il Polo museale regionale della Basilicata, l’associazione Lucanima e la Cooperativa Castello.



archivio

ALTRE NEWS

ALTRE NEWS
15/10/2018 - Ciclamini per sostenere la prevenzione oncologica ANT

Sei persone su dieci in Italia sono costrette a rinunciare a cure specialistiche ed esami e tra queste, il 31% ha messo da parte la prevenzione. È quanto evidenzia lo studio condotto nel 2018 dall’Osservatorio sul bilancio di welfare delle famiglie italiane di MBS Consulting...-->continua

15/10/2018 - Fidas Potenza e Universo Salute Opera Don Uva insieme sul bullismo

Fidas Potenza e Universo Salute Opera Don Uva organizzano un importante convegno il prossimo 18 Ottobre “Il Bullismo Il Disagio Sociale La Solidarietà” per approfondire le importanti tematiche che sono espressione di una società troppo spesso permeata di viole...-->continua

15/10/2018 - APT - Avvio lavori Openspace Matera

Lo scorso 10 ottobre si è dato ufficialmente avvio ai lavori per la realizzazione di “Basilicata OpenSpace” lo spazio multifunzionale progettato da APT Basilicata da allestire al piano terra del Palazzo dell’Annunziata, in Piazza Vittorio Veneto. Con aree muse...-->continua

15/10/2018 - San Carlo:avviso apertura sportelli ritiro referti

L’A.O.R. “San Carlo” informa che da mercoledì 17 ottobre 2018 saranno aperti gli sportelli per il ritiro dei referti presso l’ingresso principale dell’ospedale.
Gli sportelli saranno aperti dalle 8:30 alle 13:30, dal lunedì al sabato.
Per ritirare i re...-->continua

E NEWS



WEB TV



Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo