HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

Parco Appennino:l'ok del parco su cinghiali abbattuti utilizzabili nella filiera

12/07/2018

Con la firma del contratto di appalto per la gestione del servizio di trasporto e utilizzo dei cinghiali abbattuti nell’area del Parco parte il primo step del percorso che, nelle intenzioni degli uffici e dei vertici del Parco dell’Appennino Lucano, dovrà portare alla filiera del cinghiale.
La decisione di intraprendere questa strada, che ha l’ambizione di trasformare un’emergenza in opportunità, nasce dalla ormai conclamata necessità di far fronte alla diffusa piaga dei danni che vengono dalla eccessiva diffusione di questa specie di ungulati. È da anni che l’Ente Parco deve rispondere alle istanze di allevatori e agricoltori che chiedono di essere risarciti dei danni da essi provocati, tanto che tali richieste gravano in maniera ormai non più sostenibile per le casse dell’Ente, costretto a risarcire i cosiddetti danni da fauna selvatica. Nel solo anno scorso l’ammontare dei danni è stato di circa 170 mila euro.
Al provvedimento si stava lavorando da mesi. Nel rispetto delle tecniche di monitoraggio e contenimento dell’ungulato, riportati dal Piano di Gestione, era stata avviata la procedura per la concessione di questo servizio innovativo di utilizzo dei cinghiali abbattuti dai selecontrollori, in modo da superare le problematiche relative all’applicazione degli adempimenti di natura sanitaria che, in tal modo, saranno espletati dalla ditta che gestirà il servizio.
L’ambizione che il vicepresidente del Parco Vittorio Triunfo ha più volte manifestato, parlandone anche alla comunità dei sindaci, è quella di inserire la carne di cinghiale nel paniere dei prodotti del Parco dell’Appennino Lucano, in modo da trasformare il problema in risorsa.
La firma del contratto di trasporto e gestione degli ungulati abbattuti è accompagnata da altri provvedimenti a breve realizzazione, volti a renderne più efficace il controllo e l’abbattimento. Lo stesso Triunfo ha annunciato l’incremento del numero dei selecontrollori, per coprire aree che ne sono totalmente prive, e la possibilità per questi ultimi di impiegare tecniche più incisive e più efficaci per l’abbattimento e il monitoraggio della specie.



archivio

ALTRE NEWS

ALTRE NEWS
21/05/2019 - Vietri di Potenza,la protezione civile compie 10 anni

Compie dieci anni dalla nascita l'Associazione Volontari Protezione Civile Vietri di Potenza. Il gruppo vietrese, che è autonomo e non è legato ad alcuna organizzazione, se non al Dipartimento Nazionale della Protezione Civile, ha organizzato una iniziativa, in programma sab...-->continua

21/05/2019 - Matera2019Storytelling:prime interviste su Matera 2019

Il progetto www.matera2019storytelling.it va avanti e si arricchisce di una nuova tappa. Pubblichiamo, infatti, la sintesi delle interviste che abbiamo realizzato in questi mesi per raccontare Matera Capitale europea della Cultura 2019.
In questo video abb...-->continua

21/05/2019 - Schiavone (APT) su 67° Raduno nazionale dei Bersaglieri in Basilicata

“Il 67esimo Raduno Nazionale dei Bersaglieri, nella giornata conclusiva del 19 maggio scorso, ha portato a Matera oltre 100mila presenze. Un successo straordinario che ha confermato la giusta intuizione di organizzare questo importante appuntamento annuale nel...-->continua

21/05/2019 - Legambiente Policoro. Il 23 Maggio spiagge pulite

Per il 27° anno consecutivo il circolo Legambiente di Policoro con tanti volontari si ripresenta sul litorale per dare una mano di bellezza alla pineta, alle dune e alle spiagge. A rendere viva e partecipata la giornata saranno gli studenti di ogni ordine e gr...-->continua

E NEWS





WEB TV



Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo