HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

A Rotonda si stanno girando alcuni sketch del Mudu 9

16/05/2018

Da lunedì e fino a domani, il cast del Mudu, la popolare sit – com trasmessa da Telenorba, rimarrà a Rotonda per girare alcune scene che andranno in onda nella nona serie. “Ero già stato a Rotonda per due spettacoli”, ricorda ai nostri microfoni l’autore e protagonista Uccio De Santis. “Tornarci è sempre un piacere – aggiunge – perché il pubblico rotondese è sempre stato molto affezionato ai noi del Mudu e dopo 18 anni continua a seguirci”. “Scegliamo dove andare a girare in base a due fattori. Innanzitutto la bellezza del posto, ma anche per la collaborazione delle strutture locali nelle quali dobbiamo avere un referente. E in questo caso devo ringraziare Michele (Bitonti, dell’agriturismo di Rotonda “A Civarra” che ospita l’intera troupe, ndr)”.
“Dobbiamo ringraziarlo – aggiunge Uccio – perché ci ha permesso di venire qui e filmare i posti più belli del paese, ma anche del Parco del Pollino”. In tanti si avvicinano per una foto, un autografo o semplicemente per stringergli la mano. E sono giovani e meno giovani. “È bello perché arriva la mamma con il bambino di quattro anni, che nonostante sia così piccolo dice che ci segue. Poi ci guardano la stessa mamma e i nonni. Magari i più piccoli, quando siamo vestiti da carabinieri, ci vedono come dei cartoni animati, e in più usiamo delle musiche che attraggono la loro attenzione. Gli adulti lo fanno perché i contenuti ci sono, e gli anziani perché continuano a vederci da 18 anni”. Appunto, 18 anni. Sono tanti, eppure il Mudu conserva la stessa vigoria e comicità di sempre. “Qualcuno diceva che far piangere e più facile che far ridere. E aveva ragione. Continuare a fare ridere è molto difficile. Noi ci riusciamo – conclude il famoso attore comico – perché siamo spontanei, e nel momento in cui dovessimo perdere questa nostra spontaneità allora sarebbe arrivata l’ora di smettere. Chi deve faticare per far ridere, non ci riuscirà mai. Sul set ci divertiamo anche noi e andiamo avanti con la stessa passione di quando abbiamo iniziato”.
L’idea di far venire il Mudu a Rotonda si inquadra in una serie di progetti e proposte di marketing territoriale da parte dei privati, delle associazioni e dell’Amministrazione Comunale. Segnatamente, accanto all’agriturismo “A Civarra”, hanno contributo gli agriturismi “Calivino” e “Masseria Senise” e domani lo farà il ristorante pizzeria “Le Rose”, mentre i pranzi a sacco sono stati offerti alla troupe dai due supermercati “Crai” e “Pick up”.
“Ho avuto questa idea per far crescere il Parco del Pollino e Rotonda, ossia le località e non i locali”, ci spiega proprio il promotore dell’iniziativa Michele Bitonti. “Dobbiamo insistere nell’attività promozionale in modo da far crescere il nostro territorio che ha enormi potenzialità. Ma finora si è sviluppato al massimo per un 30%. Per cui, ciascuno di noi è bene che dia un contributo in tal senso, anche attraverso piccole idee”.
“A gennaio abbiamo deciso di ricostituire l’Associazione degli Operatori Turistici di Rotonda, della quale attualmente fanno parte 20 strutture”, ci racconta il presidente Carlo Di Tomaso. “La settimana prossima – prosegue – andrà in stampa un cartina turistica che avrà proprio il fine di promuovere Rotonda. Stiamo organizzando anche altri eventi come una sagra delle strutture ricettive, chiaramente a tema con i prodotti tipici locali, che verrà inserita in un apposito calendario che stiamo predisponendo. E stiamo lavorando in sinergia con l’Amministrazione Comunale ad una serie di altri progetti”.
“Uno degli aspetti più importanti è rappresentato dalla grande collaborazione anche con le varie associazioni del territorio – commenta Pino Di Tomaso, presidente della Consulta per il Turismo istituita dal Consiglio Comunale. “Ad esempio – ricorda –, in occasione dell’ultimo Festival del Teatro Amatoriale dell’Acav, i componenti dell’Assotur hanno offerto la cena alle varie Compagnie che si sono avvicendate. Così come il buffet finale”.
Ma l’obiettivo forse più importante dell’Assotur è di creare un Brand ‘Valle del Mercure’. “Vorremmo valorizzare l’intera immagine della Valle – ci anticipa lo stesso Pino Di Tomaso – legandola anche alle attività sulle acque dei fiumi Lao e Mercure sia a Laino che a Viggianello. È un elemento di grande attrattiva che andrebbe a completare un’offerta che in quota già prevede diverse attività, sia invernali che estive. Vorremmo arrivare a un’unica proposta forte legata alle varie attività a cui possa collegarsi ogni struttura, attraverso i propri canali e nel modo ritenuto opportuno. Questo potrà permettere di aumentare ulteriormente gli arrivi che per il 2017 sono saliti nella sola Rotonda fino a 7 mila e 100, mentre l’anno precedente eravamo sui 6 mila, che poi si trasformano in notti generando le presenze. E in questo caso, considerando un media di due per notte, andiamo sui 15 mila. E molti sono stranieri”.

Gianfranco Aurilio
lasiritide.it





archivio

ALTRE NEWS

ALTRE NEWS
16/10/2018 - Cantina Terra dei Re, vino e accoglienza ai piedi del Vulture

In tempi di intolleranza e di diffidenza nei confronti degli immigrati, c’è chi preferisce dare un aiuto concreto a chi è costretto a lasciare il proprio Paese per poter lavorare. E’ il caso dell’azienda vinicola “Cantine Terra dei Re” di Rionero in Vulture, che per la vende...-->continua

16/10/2018 - Festival della Divulgazione: conclusa a Potenza la terza edizione

La manifestazione ideata e organizzata da Liberascienza ha visto la partecipazione di ospiti del mondo culturale e accademico, che hanno richiamato un pubblico ampio e variegato

Potenza, 15 novembre 2018 – Il 12 e 13 ottobre scorsi si è svolta a Poten...-->continua

16/10/2018 - Borsa di studio in memoria di R. Amorosi assegnata a due ragazzi di Montescaglioso

Anche quest’anno, in concomitanza con la prestigiosa regata velistica della Barcolana, si è tenuta a Trieste, nel Salone d’onore del Circolo unificato dell’Esercito, la cerimonia di premiazione dell’8° edizione della Borsa di studio che l’Associazione cultural...-->continua

15/10/2018 - Ciclamini per sostenere la prevenzione oncologica ANT

Sei persone su dieci in Italia sono costrette a rinunciare a cure specialistiche ed esami e tra queste, il 31% ha messo da parte la prevenzione. È quanto evidenzia lo studio condotto nel 2018 dall’Osservatorio sul bilancio di welfare delle famiglie italiane di...-->continua

E NEWS



WEB TV



Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo