HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

SERVIZI

FOTO

TERRITORIO

 

35 anni dalla 'Presa del Tappo'

5/03/2019



“Il problema lucano in materia di risorse idriche non è stato ancora risolto(…)e se si metterà il tappo questo discorso sarà chiuso”. Così, Pietro Simonetti, all’epoca segretario regionale della Cgil, rispondeva alle domande dei giornalisti alla vigilia di quel 6 marzo del 1984, la giornata della “presa del tappo” a Senise, nello stesso tempo culmine e partenza della vertenza Senise dopo la realizzazione dell’invaso di Montecotugno.
“Signorina, ma davvero voi senisesi avete fatto la guerra…per un tappo? Avete portato via un tappo e lo avete presidiato per tre mesi in piazza?”. Qualche anno fa un professore della Facoltà di Lettere Moderne di Roma interrompeva così una studentessa senisese durante la discussione della sua tesi. Un avvenimento, quello del “tappo” sequestrato con un’ordinanza lampo che l’allora sindaco Pietro Policicchio firmò su un foglio del suo ricettario da medico, che aveva lasciato anche la commissione di quella seduta a bocca aperta, a dimostrazione di quanto, i fatti che quell’epoca racconta, non appartenessero solo a Senise e al territorio senisese. Il 6 marzo 2019, saranno 35 anni. Molte partite aperte in quasi un ventennio (dalla presentazione ufficiale del progetto del 1965 al presidio del tappo nel 1984) non sono ancora chiuse.
Raccontare la storia della costruzione della diga a Senise è un esercizio di memoria storica da trasmettere soprattutto alle nuove generazioni; vuol dire conoscere la storia di un territorio attraverso una chiave di lettura sociologica, antropologica, politica, economica. E tecnica, perché nei fatti, ad oggi, il grande sbarramento sul Sinni rappresenta ancora una delle infrastrutture più monumentali mai realizzate nel Mezzogiorno d’Italia.
In quella ‘’mattina di puro grigiore’’ del 6 marzo del 1984, il clacson del compianto Raffaele Soave, sindacalista della Cgil, svegliò il paese e portò i cittadini alla volta dello sbarramento per requisire il ‘’tappo’’. Quella gigantesca calotta di ferro restò in piazza Vittorio Emanuele per tre mesi, a perenne memoria dell’epopea di una comunità sveglia, in lotta, in fermento.
Ma, come canterebbe Guccini:
(…)Perché a vent'anni è tutto ancora intero
perché a vent'anni è tutto chi lo sa
a vent'anni si è stupidi davvero
quante balle si ha in testa a quell'eta'
Oppure allora si era solo noi
non c'entra o meno questa gioventu'
di discussioni, caroselli, eroi
quel ch'e' rimasto dimmelo un po' tu
E questa domenica in Settembre
se ne sta lentamente per finire
come le tante via distrattamente
a cercare di fare o di capire
Forse lo stan pensando anche gli amici
gli andati, i rassegnati, i soddisfatti,
giocando a dire che si era piu' felici
pensando a chi si è perso o no a quei patti(…)


Mariapaola Vergallito





ALTRE NEWS

CRONACA

25/05/2019 - Fridays For Future: il rumore degli studenti in Val d'Agri
25/05/2019 - Basilicata. Rifiuti: controlli del Noe in 4 aziende
25/05/2019 - Melfi: ai domiciliari continuava a fare il pusher. Arrestato
24/05/2019 - Scuole sicure: sequestrati 4,9 gr di marjuana e 2,2 gr di hashish

SPORT

25/05/2019 - Giro d’Italia 2019.Domenico Pozzovivo ,il gregario di lusso
25/05/2019 - Potenza,torna quadrangolare interregionale di bocce "Trofeo delle 4 Porte"
24/05/2019 - Iannone,Verre e Laino: ciclismo lucano protagonista in Puglia, Veneto e Campania
24/05/2019 - Ultima gara stagionale per la PM Asci Potenza,in palio la salvezza

Sommario Cronaca                                  Sommario Sport

NEWS BREVI

25/05/2019 Comunicazione di sospensione idrica oggi 25 Maggio in Basilicata

Rapolla: a causa di un guasto improvviso l'erogazione idrica reVia Biagio Guarnaccio, Via Caprini, Via Ventiquattro Maggio e zone limitrofe
Rapolla: a causa di un guasto improvviso l'erogazione resterà sospesa fino al termine dei lavori di riparazione nelle seguenti zone: via Biagio Guarnaccio, via Caprini, via Ventiquattro Maggio e strade limitrofe.

24/05/2019 Comunicazione di sospensione idrica oggi 24 Maggio in Basilicata

Acerenza: per consentire l'esecuzione di lavori di riparazione, l'erogazione dell'acqua potabile nelle contrade San Germano e Macchione e nelle zone limitrofe sarà sospesa dalle ore 16:30 alle ore 19:30, salvo imprevisti.
Maschito: per consentire l'esecuzione di lavori di riparazione, l'erogazione dell'acqua potabile sarà sospesa in via Parini, via U. Foscolo, Via Calvario, via A. Moro, via Nitti, via IV° Novembre e via XXIV Maggio dalle ore 08:00 di domani mattina fino al termine dei lavori.
Muro Lucano: per consentire il ripristino del livello dei serbatoi, l'erogazione dell'acqua potabile sarà sospesa dalle ore 18:30 di oggi alle ore 07:00 di domani mattina, salvo imprevisti, nelle seguenti zone : contrada Cappuccini, contrada Belvedere, contrada Sant'Antuono, via Maddalena, via Conserva.

23/05/2019 Comunicazione di sospensione idrica oggi 23 Maggio in Basilicata

Rionero in Vulture: a causa del protrarsi dei tempi necessari all'esecuzione dei lavori di riparazione, l'erogazione idrica in via E. Alessandrini, via G. Rossa, via M. Rigillo e sue traverse, via M. Miradio della Provvidenza, via Padre Pio e contrada Fontana Maruggia, resterà sospesa fino alle ore 16:00 circa di oggi, salvo imprevisti.

La pesante leggerezza dell'ipocrisia. Dedicato ai fatti di Manduria
di Giovanni Paolo Ferrari

Incubi riaffiorano alla memoria e con loro alcune delle molte vittime del bullismo e dell’omertà nei nostri paesini... Tra tutti due donne povere e anziane che non avevano mai fatto del male a nessuno: Lucia detta “a Vertel” a Nemoli e un’altra “povera crista” che viveva in Piazza Plebiscito a Sapri e della quale pur sforzandomi non ricordo il soprannome (il nome non l’ho mai saputo...). Unica colpa delle due poverette? Aver perso un po’ il senno durante la ...-->continua





Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo