HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

 

 

Senise: 'Sindaco, sulla vicenda rifiuti venga dalla nostra parte'

30/08/2014



Riceviamo e pubblichiamo una lettera a firma del Comitato 'Per Senise:Rifiuto!'indirizzata al sindaco di Senise Giuseppe Castronuovo.
Alla luce di quanto accaduto da circa due mesi a questa parte, sulla presunta realizzazione dell’opificio rifiuti, Il comitato Per Senise: Rifiuto! ritiene indispensabile chiarire e sottolineare ancora una volta le motivazioni per le quali si è costituito.
L’eventuale realizzazione dell’impianto multifunzionale di trattamento rifiuti risulterebbe a nostro avviso:
1. In contrasto con l’indirizzo turistico e agro-alimentare del territorio per il quale sono già in atto alcune opere di rilievo. (vedi MACRO-ATTRATTORE);
2. L’area prescelta è confinante con due parchi nazionali (Pollino e Appennino Lucano Val d’Agri - Lagonegrese) e con la riserva d’acqua dolce più grande d’Europa (Diga di Monte Cotugno);
3. La scelta produttiva è inopportuna in quanto i moderni orientamenti in materia sono finalizzati al riciclo e recupero dei materiali;
4. I promessi posti di lavoro non compenserebbero i DANNI ALLA SALUTE E ALLA QUALITÀ DELLA VITA, né giustificherebbero la perdita dei posti di lavoro oggi impegnati nelle aziende agro-alimentari e turistiche presenti;
5. determinerebbe un’ ovvia svalutazione degli immobili presenti nell’intera area del senisese, nonché un fortissimo ed irreversibile danno d’immagine dei prodotti agricoli come l’IGP.
Gentilissimo Sindaco, siamo sicuri che quanto sopra detto, oltre ad essere di fondamentale importanza per noi cittadini, lo è anche per lei, che sta spendendo ben sette anni della sua vita a battersi e promuovere tali politiche. Le chiediamo di non vanificare gli obiettivi che sono stati raggiunti con grandi sforzi e sacrifici affrontati sia dalla comunità senisese che dall’amministrazione comunale stessa. Obiettivi in contrasto netto con la realizzazione dell’opificio rifiuti. Il comitato è costituito per lo più da giovani che amano le proprie radici, tradizioni e territorio, le chiediamo di ter conto del nostro futuro e della scelta di coraggio che ognuno di noi ha fatto, volendo investire sull’area del senisese. Le nostre speranze in questo momento le poniamo nelle sue mani. Ci dimostri di essere fedele al popolo e a Senise stesso, lo faccia, venga dalla nostra parte e lotti insieme a noi sposando la nostra causa. Lotti con noi contro la realizzazione dell’opificio a Senise e i dieci sparsi sul territorio regionale, tutelando la Basilicata. Teniamo a precisare che il comitato civico è aperto e in quanto tale raccoglie chiunque ne voglia far parte; non per questo subisce influenze da parte di partiti politici o singole persone, che condividono la causa del comitato stesso. Invitiamo anzi a non distogliere l’attenzione dal problema reale con inutili accuse di strumentalizzazioni e soprattutto di evitare guerre tra partiti ed esponenti politici, al fine di guardare insieme al bene comune, rappresentato in questo caso dal futuro di un intero popolo. Con stupore non possiamo non prendere atto che sia l’assessore alle politiche giovanili e ambientali Antonio Uccelli che l’assessore all’attività produttive Castelluccio, nonostante siano i responsabili istituzionali dei settori rappresentati all’interno del NOSTRO comune, ancora non abbiano preso posizione e ancor più grave, non hanno appreso informazioni, atti e documenti relativi alla questione, per rassicurare e tutelare la cittadinanza senisese. Davanti all’affermazione “ dobbiamo valutare, aspettiamo il progetto tecnico”, ci chiediamo: cosa c’è da valutare? In una politica regionale tanto scellerata e aggressiva, tesa a distruggere le realtà locali, come possiamo avere fiducia? Senza dimenticare poi, le ormai numerosissime morti accertate per l’inquinamento, i cui casi continuano a crescere smisuratamente e alle quali va tutta la nostra solidarietà.
Siamo certi che l’intera amministrazione comunale terrà conto del macro-attrattore, del peperone IGP, delle nostre tradizioni e, molto più, della posizione di oltre duemila voci che gridano NO RIFIUTI!
Comitato Per Senise: Rifiuto!



ALTRE NEWS

CRONACA

23/02/2019 - Lauria: feriti lievi dopo un tamponamento tra più veicoli sull’autostrada
23/02/2019 - Muro Lucano. Giovane scoperto con hashish in casa. Arrestato dai Carabinieri
23/02/2019 - Carabinieri comando provinciale di Matera: 2 arresti tra Accettura e Matera
23/02/2019 - Lauria, frana: Consiglio Comunale sullo ‘Stato di Emergenza’

SPORT

23/02/2019 - Calcio: rinviata Potenza-Sicula Leonzio
23/02/2019 - Serie D, G/H: il Francavilla riceve il Nardò
22/02/2019 - Qual. Europei Sitting Volley: grande Italia, battute Rep. Ceca e Francia
22/02/2019 - Il Potenza annuncia l'arrivo del bomber Murano

Sommario Cronaca                                  Sommario Sport

NEWS BREVI

23/02/2019 Sospensione erogazione idrica 23 febbraio 2019

Policoro: a causa di un guasto improvviso l'erogazione idrica Via D'Azeglio dal civvico 30 al 52 resterà sospesa fino al termine dei lavori di riparazione.

22/02/2019 Maltempo: domani a Potenza scuole chiuse

"A seguito di previsioni meteo secondo le quali sono previste precipitazioni nevose, temperature rigide e venti di burrasca", domani, a Potenza, resteranno chiuse le scuole di ogni ordine grado chiuse, asili nido compresi. Lo ha disposto il sindaco del capoluogo lucano, Dario De Luca.

22/02/2019 Sasso di Castalda,rinviato lo spettacolo "Pane, latte e lacrime"

Si comunica la cancellazione dello spettacolo "Pane, latte e lacrime" previsto domani sabato 23 Febbraio presso il Teatro Mariele Ventre di Sasso di Castalda per il cartellone 2019 della rassegna "Le Valli del Teatro".
Lo spettacolo annulllato a causa dell'allerta neve verrà proposto in data 6 Aprile 2019 alle ore 21:00.
Gli organizzatori si scusano per il disagio.

Noi e quella sacrosanta ''cultura del territorio''
di Mariapaola Vergallito

“I lucani conoscono la frana. I contadini lucani sono vissuti da sempre con la frana, l’orecchio teso a quel fremito oscuro, l’occhio attento a scrutare le rughe della terra. Ma un tempo nessuno la violentava la terra. La temevano, la rispettavano. Istintivamente si tramandavano quella che modernamente si è poi chiamata “cultura del territorio”. Oggi, nell’era della scienza, è proprio quella cultura che è venuta meno. Dalle paure ancestrali si è passati al s...-->continua



 



Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo