HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

 

 

Elezioni Provincia di Potenza: al voto il 12 ottobre

26/08/2014



Il presidente della Provincia di Potenza, Nicola Valluzzi comunica che Il 2 settembre saranno convocati i comizi elettorali per la elezione del Presidente della Provincia di Potenza e del Consiglio Provinciale fissate per il giorno 12 ottobre 2014.
Sono eleggibili a consigliere provinciale i sindaci e i consiglieri comunali in carica, nonché, limitatamente alle prime elezioni, i consiglieri provinciali uscenti.
Il Consiglio dura incarica 2 anni. Sono eleggibili a presidente della Provincia i sindaci della Provincia il cui mandato scada non prima di 18 mesi dallo svolgimento delle elezioni e, in sede di prima applicazione, anche i consiglieri provinciali uscenti.
Il presidente dura in carica 4 anni.
Eleggono il presidente e il consiglio provinciale, i sindaci e i consiglieri dei comuni della provincia.
Ciascun elettore vota per un solo candidato.
E’ eletto Presidente il candidato che consegue il maggior numero dei voti ( ponderati). In caso di parità è eletto il più giovane.
La cessazione dalla carica di Sindaco comporta la decadenza da quella di presidente della provincia.
I comizi per l’elezione del Presidente e del Consiglio provinciale sono indetti dal Presidente della Provincia o dal Commissario.

Il consiglio provinciale è composto da:
- il presidente della provincia
– 16 componenti nelle province con popolazione superiore a 700.000 abitanti;
- 12 componenti nelle province con popolazione da 300.000 a 700.000 abitanti;
- 10 componenti nelle province con popolazione fino a 300.000 abitanti.
Per l’elezione dei consigli provinciali è prevista l’espressione di un voto di lista.
Ciascun elettore può inoltre esprimere un voto di preferenza per uno dei candidati alla carica di consigliere provinciale compreso nella lista.

Composizione e sottoscrizione delle liste
Le candidature a Presidente della Provincia devono essere sottoscritte da almeno il 15% degli aventi diritto al voto

Le liste dei candidati al consiglio provinciale devono essere composte da un numero di candidati non superiore al numero dei consiglieri da eleggere e non inferiore alla metà degli stessi.
Le liste dei candidati al consiglio devono essere sottoscritte da almeno il 5% degli aventi diritto al voto.

La ponderazione dei voti
L’ufficio elettorale è tenuto a calcolare l’indice di ponderazione del voto degli elettori dei comuni di ciascuna fascia demografica, secondo quanto disposto dall’allegato A della legge 56/2014:
• Fascia A: comuni inferiori a 3.000 abitanti;
• Fascia B: comuni da 3.000 a 5.000 abitanti;
• Fascia C: comuni da 5.000 a 10.000 abitanti;
• Fascia D: comuni da 10.000 a 30.000 abitanti;
• Fascia E: comuni da 30.000 a 100.000 abitanti;
• Fascia F: comuni ad 100.000 a 250.000 abitanti;
• Fascia G: comuni da 250.000 a 500.000 abitanti;
• Fascia H: comuni da 500.000 a 1.000.000 abitanti;
• Fascia I: comuni superiori a 1.000.000 abitanti.
(Legge 56/14 commi 63, 75,76)

Calcolo indice ponderazione
Per ciascuna fascia si calcola il valore percentuale, sino al terzo decimale , del rapporto tra popolazione del comune,della fascia e quella dell’intera Provincia.
Se il valore percentuale del rapporto fra la popolazione di un comune e la popolazione dell'intera provincia è maggiore di 45, il valore percentuale del comune è ridotto a detta cifra (45).
Se per una o più fasce il valore percentuale ( anche rideterminato come sopra) è ancora maggiore di 35 lo stesso è ridotto a quella misura – esclusa la fascia cui appartiene il comune di cui al punto precedente - l’eccedente viene assegnato al valore percentuale delle altre fasce ripartendolo in misura proporzionale alla popolazione di fascia.
In ogni caso nessuna fascia può superare il 35%.

Si determina infine l’indice di ponderazione del voto degli elettori di ciascuna fascia mediante l’operazione di divisione del valore percentuale attribuito, come sopra , a ciascuna fascia per il numero dei consiglieri e dei sindaci appartenenti alla stessa fascia e moltiplicando per 1.000

Lasiritide.it



ALTRE NEWS

CRONACA

15/08/2018 - Rotonda: Andrea Di Consoli si confessa in una lunga e profonda intervista
14/08/2018 - Rotonda: auto in fiamme a Pedarreto
14/08/2018 - "Salmone a rischio listeria", Coop richiama un lotto di salmone affumicato
14/08/2018 - Pezzi di metallo nel succo, Migros richiama le confezioni

SPORT

14/08/2018 - Più di mille corridori per la XI StraMarconia
14/08/2018 - Calciomercato: i movimenti di Matera e Potenza
14/08/2018 - Allenatori settore giovanile Matera Calcio
14/08/2018 - Promozione: a sorpresa ripescato il Possidente

Sommario Cronaca                                  Sommario Sport

NEWS BREVI

14/08/2018 Sospensioni idriche

Salandra: per consentire il ripristino del livello dei serbatoi, l'erogazione dell'acqua potabile sarà sospesa dalle ore 22:00 di oggi alle ore 07:00 di domani mattina salvo imprevisti.

14/08/2018 Sospensione Erogazione Idrica

Tito: per consentire il ripristino del livello dei serbatoi, l'erogazione dell'acqua potabile sarà sospesa dalle ore 22:00 di oggi alle ore 07:00 di domani mattina, salvo imprevisti, nelle seguenti frazioni: rione Mancusi, contrada Serra, Area PIP, scalo ferroviario, contrada Stranieri, contrada Rodolena, Torre di Satriano, contrada Chiancarelli, contrada Botte, contrada Botte, contrada campi, contrada campi e zone limitrofe

13/08/2018 Pubblicato numero speciale Bollettino Regionale

E’ consultabile on line, nell’apposita sezione del portale web della Regione Basilicata, il numero speciale 32 del Bollettino Ufficiale dell’Ente. Nell’edizione odierna del Bur compaiono, in particolare, quattro leggi approvate nei giorni scorsi dall’Assemblea regionale. Si tratta di quelle riguardanti il bilancio di previsione finanziario per il triennio 2018-2020 dell’Agenzia Regionale per la Protezione dell’Ambiente (Arpab) e del Parco Naturale Gallipoli Cognato Piccole Dolomiti Lucane, insieme con il Rendiconto per l’esercizio finanziario 2017 dello stesso Parco Gallipoli-Cognato e delle modifiche alla legge regionale 3 maggio 202 n. 16 che disciplina gli interventi a favore dei lucani nel mondo.

Dice che era un bel torrente ma non andava più al mare
di Mariapaola Vergallito

“Dice che era un bel progetto e serviva a creare/ la deviazione di un torrente per distrarlo dal mare; ma dall’idea alla realizzazione passarono 40 anni, giusto il tempo di essere deviata e l’acqua cominciò a far danni”.

Scusate, non ho resistito. E’ 4 marzo, del resto, e chiedo scusa a Lucio Dalla per questa scapestrata citazione. C’è qualcun altro, però, che dovrebbe chiedere scusa, oggi. Proprio oggi che il torrente Sarmento, deviato in parte dal...-->continua



 



Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo