HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

 

 

No Rifiuti: comitati ringraziano per l'evento del 22 agosto

24/08/2014



Il comitato Per Senise: Rifiuto! E RifiuntiAMOli ringraziano tutti, per il calore, il sostegno e soprattutto per la partecipazione al convegno organizzato. In particolar modo si ringraziano i tecnici, eccellenza delle materie che rappresentano, per aver relazionato senza accettare alcun compenso economico. È proprio vero, “nulla è più come prima”. Tito, Valle del Serrapotamo, Sant’ancangelo, Tursi, Gorgoglione, Scanzano, Valle del Mercure, una regione intera unita in piazza Vittorio Emanuele a Senise. Con orgoglio abbiamo constatato che davvero tutti hanno a cuore le sorti della nostra terra, che da troppi anni è depredata e, della nostra gente calpestata, ormai spettatrice e vittima di politiche scellerate e inappropriate. Ringraziamo a quanti hanno accolto il nostro grido di aiuto e l’hanno fatto proprio, a tutti coloro che hanno saputo mettere da parte le ideologie politiche, gli antichi contrasti e forse rancori, riuscendo a collaborare al fine di raggiungere l’obiettivo rappresentato dal bene comune, a quanti si spogliano delle proprie vesti e delle proprie bandiere, alzandone una soltanto: NO RIFIUTI nella nostra terra. Grazie ai numerosissimi giovani che sono la parte attiva nonché l’anima dei comitati stessi, i quali hanno deciso di battersi in prima fila, per ricostruire una terra migliore partendo dai ruderi che le precedenti generazioni hanno consegnato. A chi dà il proprio contributo restando nell’anonimato per scelta o per costrizione. Grazie ai vari comitati e alle associazioni, che da sempre sono il nostro sostegno, nonché amici fedeli. Grazie a tutti voi che continuate a credere in noi, ma soprattutto a chi nell’intento di distruggerci in realtà ci ha uniti! La nostra battaglia non è finalizzata a difendere solo il territorio senisese, bensì quello regionale, a riaccendere le coscienze spente, a dar voce a chi ormai stanco e deluso tace e a chi quella voce non l’ha mai tirata fuori. A tal fine continuiamo a chiedere il vostro appoggio, la vostra presenza per dare alla Basilicata, oltre che a Senise, ancora una speranza per credere in un futuro migliore e ancora una volta chiediamo al nostro Sindaco Giuseppe Castronuovo di schierarsi dalla nostra parte occupando il primo posto in questo movimento di protesta.



ALTRE NEWS

CRONACA

19/02/2019 - Elezioni Basilicata, si ritira Carmen Lasorella: ‘Ci fermiamo qui’
19/02/2019 - ASM sindacati proclamano lo stato di Agitazione
19/02/2019 - Pomarico: sorpresi a rubare rame ed attrezzi in un deposito, denunciano 4 minori
19/02/2019 - Pisticci, sequestrata area per smaltimento illecito reflui

SPORT

19/02/2019 - Sul Pollino ritorna 'Ciapsolando verso sud'
18/02/2019 - Brutto stop per la Pegasus Matera ad Ariano Irpino
18/02/2019 - Hockey su pista serie B – girone E, Molfetta – HP Matera 6-5
18/02/2019 - Promozione: Olivieri regala i 3 punti alla capolista

Sommario Cronaca                                  Sommario Sport

NEWS BREVI

19/02/2019 Francavilla in Sinni: iban per solidarietà

Su iniziativa dell’Amministrazione Comunale e della Parrocchia di Francavilla in Sinni è stato istituito un conto corrente bancario per offrire sostegno e un aiuto concreto alla Famiglia Genovese.
IBAN: IT27R0815441990000000135735
Intestato a Parrocchia Sant’Andrea Avellino
Causale: DONAZIONE PRO FAMIGLIA GENOVESE

19/02/2019 Sospensioni idriche 19 febbraio 2019

Potenza: a causa di un nuovo ed improvviso guasto l'erogazione idrica in via Cerreta e zona Masseria Monaco resterà sospesa fino al termine dei lavori di riparazione Irsina: a causa di un guasto improvviso l'erogazione idrica sarà sospesa dalle ore 09:30 di oggi fino al termine dei lavori, in contrada Notargiacomo e zone limitrofe
Potenza: a causa del protrarsi dei lavori di riparazione che interessano contrada Cerreta e le zone limitrofe, Acquedotto Lucano ha attivato il servizio sostitutivo mediante autobotte, che stazionerà sulla strada provinciale nei pressi della contrada Masseria Monaco.
Trecchina: a causa di un guasto improvviso alla condotta distributrice, è in corso la sospensione dell'erogazione idrica in località Piano dei Peri. Il ripristino è previsto al termine dei lavori di riparazione.

18/02/2019 Comunicazione di sospensione idrica per oggi 18 febbraio

Avigliano, Filiano: a causa di un guasto improvviso, l'erogazione idrica sara sospesa dalle ore 20.00 di oggi alle ore 08.00 di domani, salvo imprevisti, ad AVIGLIANO nelle frazioni Stagliuzzo, Mandria Nuova, Monte Alto, Bozzelli e Lacciola; a FILIANO nella frazione Carpini
Pisticci: a causa di un guasto improvviso l'erogazione idrica nelle località San Teodoro, Casinello e Lido 48 resterà sospesa fino al termine dei lavori di riparazione.
Lavello, Venosa, Montemilone: in considerazione del programma di interruzione idrica comunicato dal Consorzio Di Bonifica Terre D’Apulia, l’erogazione dell'acqua potabile sarà sospesa nei giorni 18-19-20-21-22 febbraio, dalle ore 15:30 alle ore 08:30 del mattino successivo, salvo imprevisti, nelle seguenti zone LAVELLO: contrade Finocchiaro, Santa Lucia e zone limitrofe; VENOSA: contrade Rendina, Inviso, Boreano, Sant’Angelo, Grotta Piana e zone limitrofe; MONTEMILONE: contrada Macinali e zone limitrofe.
Genzano di Lucania, Banzi, Palazzo San Gervasio: in considerazione del programma di interruzione idrica comunicato dal Consorzio Di Bonifica Terre D’Apulia, l’erogazione dell'acqua sarà sospesa nei giorni 18-19-20-21-22 febbraio, dalle ore 15:30 alle ore 08:30 del mattino successivo, salvo imprevisti, nelle seguenti zone GENZANO DI LUCANIA: contrade Basentello, Masseria Mastronicola, Spada, Monte Pote e Terre D’Apulia, Li Cugni, Cerreto e zone limitrofe; BANZI: contrade Mattina Grande, Masseria dell’Agli, Silos Mancusi, Parco Cassano, Carrera della Regina e zone limitrofe; PALAZZO SAN GERVASIO: contrada Piani, Terzo di Capo, e zone limitrofe.

Noi e quella sacrosanta ''cultura del territorio''
di Mariapaola Vergallito

“I lucani conoscono la frana. I contadini lucani sono vissuti da sempre con la frana, l’orecchio teso a quel fremito oscuro, l’occhio attento a scrutare le rughe della terra. Ma un tempo nessuno la violentava la terra. La temevano, la rispettavano. Istintivamente si tramandavano quella che modernamente si è poi chiamata “cultura del territorio”. Oggi, nell’era della scienza, è proprio quella cultura che è venuta meno. Dalle paure ancestrali si è passati al s...-->continua



 



Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo