HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

 

 

Le pesti di oggi nell'omelia di don Cesare.'Non delegate il vostro pensiero'

22/08/2014



È meglio essere cristiano senza dirlo, che proclamarlo senza esserlo.
Lo affermava S. Ignazio di Antiochia, successore di San Pietro, morto verso il 107 d. C. sbranato dalle belve durante la persecuzione di quel tempo.
San Rocco avrà saputo di essere santo quando si sarà sentito dire da Dio: “Vieni benedetto ricevi l’eredità preparata per te”.
Era cristiano di nome e di fatto per questo interruppe il suo pellegrinaggio verso i luoghi santi della cristianità per prestare soccorso agli appestati del suo tempo.
Peste che dilagava in Europa e contro la quale non vi era alcun rimedio, ma erano i tempi e le condizioni igieniche che portavano questo flagello.
Vi è una pagina del Manzoni di una liricità stupenda che parla della peste di Milano, è il racconto della Madre di Cecilia. Una bambina che viene sopraffatta dalla morte e che la madre porta sul carro dei monatti e che vuole sistemare lei raccomandando di non toglierle nulla di dosso anzi dando un compenso a quell’uomo truce che voleva strappargliela di mano.

[…] Scendeva dalla soglia d’uno di quegli usci, e veniva verso il convoglio, una donna, il cui aspetto annunziava una giovinezza avanzata, ma non trascorsa; e vi traspariva una bellezza velata e offuscata, ma non guasta, da una gran passione, e da un languor mortale: quella bellezza molle a un tempo e maestosa, che brilla nel sangue lombardo. La sua andatura era affaticata, ma non cascante; gli occhi non davan lacrime, ma portavan segno d’averne sparse tante; c’era in quel dolore un non so che di pacato e di profondo, che attestava un’anima tutta consapevole e presente a sentirlo. Ma non era il solo suo aspetto che, tra tante miserie, la indicasse così particolarmente alla pietà e ravvivasse per lei quel sentimento ormai stracco e ammortito ne’ cuori. Portava essa in collo una bambina di forse nov’anni, morta; ma tutta ben accomodata, co’ capelli divisi sulla fronte, con un vestito bianchissimo, come se quelle mani l’avessero adornata per una festa promessa da tanto tempo, e data per premio. Nè la teneva a giacere, ma sorretta, a sedere sur un braccio, col petto appoggiato al petto, come se fosse stata viva; se non che una manina bianca a guisa di cera spenzolava da una parte, con una certa inanimata gravezza, e il capo posava sul l’omero della madre, con un abbandono più forte del sonno.[…]
Un turpe monatto andò per levarle la bambina dalle braccia, con una specie però d’insolito rispetto, con un’esitazione involontaria. Ma quella, tirandosi indietro, senza però mostrare sdegno né disprezzo, «no!» disse: «non me la toccate per ora; devo metterla io su quel carro: prendete». Così dicendo, aprì una mano, fece vedere una borsa, e la lasciò cadere in quella che il monatto le tese. Poi continuò: «promettetemi di non levarle un filo d’intorno, né di lasciar che altri ardisca di farlo, e di metterla sotto terra così». […]e disse l’ultime parole: «addio Cecilia! riposa in pace! Stasera verremo anche noi, per restar sempre insieme. Prega intanto per noi; ch’io pregherò per te e per gli altri». Poi voltatasi di nuovo al monatto, «voi», disse, «passando di qui verso sera, salirete a prendere anche me, e non me sola».


Quante pesti nel nostro tempo che conosce ben altre condizioni culturali, sanitarie, di comportamento a tutti i livelli ecc.
A numerarle tutte queste forme ci vorrebbe del tempo, e quello dell’omelia è alquanto breve.
- Pensate però all’egoismo, che uccide l’amore nel cuore dell’uomo.
- Pensate al prevaricare dell’uno sull’altro riuscendo a vedere solo il proprio interesse e ostacolando la crescita delle persone.
- Pensate al potere vissuto come ricerca del proprio tornaconto e non come forma eminente di servizio. (E NON PARLO DEL PECCATO DI CUI L’UOMO SI MACCHIA).
- Pensate, pensate e non delegate a nessuno il compito di pensare per voi.
Sempre nei Promessi sposi si parla degli UNTORI di coloro che venivano ritenuti responsabili del propagarsi della peste, perché con indumenti appartenenti agli appestati cercavano di indurre al contagio le persone sane.
Ci sono oggi le pesti che ci angosciano e che nascono dal propagarsi dei cimiteri dei rifiuti, la cui natura ci sfugge.
Non sfugge però il pianto delle mamme che vedono morire figli giovani.
Penso al sacerdote mio alunno morto a 37 anni in poco meno di un mese.
Penso a tanti nostri fratelli e sorelle di Sant’Arcangelo e dintorni.
Che ci sia una peste anche oggi e non ce ne rendiamo conto?
San Rocco interceda per noi presso Dio, ma noi non abbassiamo la guardia e facciamo sentire la nostra voce. Se non pensiamo a noi stessi guardiamo almeno a chi ci segue ed è più giovane e forse più esposti a queste pesti.
Una festa non può essere solo momento di evasione, deve essere spazio per la riflessione e per una ripresa della propria identità umana e cristiana.
Sia così per noi. Amen.

don Cesare Lauria, parroco di Sant'Arcangelo
omelia nel giorno di San Rocco



ALTRE NEWS

CRONACA

16/02/2019 - Esplosione Francavilla: gravissimo un ferito, il racconto di un soccorritore
16/02/2019 - Ladri baresi arrestati a Matera dopo un inseguimento
16/02/2019 - Regione Basilicata chiederà risarcimento ad Eni per sversamento Cova
15/02/2019 - Tentò di aggredire il sindaco: arrestato

SPORT

16/02/2019 - Futsal C1: il Senise batte il Lavello e continua la rincorsa in classifica
16/02/2019 - Bernalda Futsal-Real Team Matera,10-10.I rossoblu agguantano il pari nel finale
16/02/2019 - Serie D, G/H: il Picerno va a Nardò alla ricerca dei 3 punti
16/02/2019 - La PM Asci Potenza ospita la Security Fire Castellaneta

Sommario Cronaca                                  Sommario Sport

NEWS BREVI

16/02/2019 Calcio a 5 –C1/gUNICO: risultati 16^ giornata

Comp.Sport Pisticci – Real Potenza 4-4
Futsal Marsico – EssediSport 4-4
Maschito – Castrum Byanelli Calcio 3-2
Senise – Atletico Lavello 8-2
Shaolin Soccer – San Gerardo Potenza 3-6
Amici Del Borgo Matera – Futsal Potenza 4-4

15/02/2019 Sospensione idrica a Grottole

Grottole: per consentire il ripristino del livello dei serbatoi, l'erogazione dell'acqua potabile sarà sospesa dalle ore 17:00 di oggi alle ore 08:00 di domani mattina salvo imprevisti.

13/02/2019 Sospensione idrica Vulture-Melfese 18-21 febbraio 2019

Per consentire l’esecuzione di lavori da parte di Acquedotto Pugliese che interesseranno la galleria Santa Maria dei Santi dell’Acquedotto del Sele, l’erogazione idrica nei comuni di Melfi (tranne centro storico e zona industriale di San Nicola), Rionero in Vulture, Atella, Barile, Ginestra, Ripacandida, Filiano e nelle zone rurali Monteserico e Insertafumo di San Fele sarà sospesa secondo le seguenti modalità: il 18 febbraio, dalle ore 21 alle ore 7 del mattino successivo; nei giorni 19-20-21 febbraio, dalle ore 14 alle ore 7 del mattino successivo, salvo imprevisti.

Nei comuni di Lavello, Montemilone e Palazzo San Gervasio, dal 19 al 21 febbraio prossimi, l’erogazione idrica potrebbe subire cali di pressione o essere sospesa dalle ore 21 alle ore 7 del mattino successivo, salvo imprevisti.

Considerata la complessità dell’intervento, il ritorno alla normalità dell’erogazione idrica potrebbe subire variazioni rispetto al programma previsto, che è pertanto da considerare indicativo.

Noi e quella sacrosanta ''cultura del territorio''
di Mariapaola Vergallito

“I lucani conoscono la frana. I contadini lucani sono vissuti da sempre con la frana, l’orecchio teso a quel fremito oscuro, l’occhio attento a scrutare le rughe della terra. Ma un tempo nessuno la violentava la terra. La temevano, la rispettavano. Istintivamente si tramandavano quella che modernamente si è poi chiamata “cultura del territorio”. Oggi, nell’era della scienza, è proprio quella cultura che è venuta meno. Dalle paure ancestrali si è passati al s...-->continua



 



Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo