HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

 

 

Nep Italy:‘Rifiuti da problema a risorsa,non una utopia ma una realtà’

2/08/2014



Riceviamo e pubblichiamo il comunicato stampa che segue a firma della Nep Italy srl, la società che intende realizzare un impianto per il trattamento dei rifiuti a Senise. Come con altre testate giornalistiche anche noi siamo stati contattati dalla società per dedicare, a pagamento, uno spazio per la pubblicazione del testo. Evidenziamo, però, la nostra decisione di pubblicare il comunicato gratuitamente e senza percepire alcun compenso nel nome del dovere di informare rispetto ad un tema così delicato e importante come la realizzazione di questo progetto nel nostro territorio.
La NepItalysrl ,costituita da due importanti realtà imprenditoriali, la Bonaventurasrl e la Pellicano Verde s.pa., leader nel settore dei rifiuti da oltre 20 anni, intende realizzare nel Comune di Senise una iniziativa imprenditoriale che prevede il superamento della discarica in quanto tale, così come previsto dalle normative nazionali e europee, attraverso la realizzazione di un impianto di trattamento e recupero di rifiuti solidi urbani. La mission imprenditoriale consiste nella valorizzazione e trasformazione del rifiuto in una vera e propria risorsa, il C.S.S. (combustibile solido secondario) che esce dalla qualifica dei rifiuti e diventa una fonte di calore. L’incremento della produzione dei rifiuti oggi fa sì che, in quelle nazioni in cui lo sviluppo d’impianti e tecnologie è in ritardo (Italia Meridionale), i costi per lo smaltimento diventino più alti. La gestione dei rifiuti è una delle voci di costo più pesanti nei bilanci delle amministrazioni pubbliche. Il trattamento del rifiuto e l’adeguamento alle normative nazionali ed europee ci impongono, come cittadini, e come Società di dover affrontare con coscienza e sapienza il problema. L’impianto proposto dalla Nep a Senise rispecchia questi requisiti ed è già una realtà sperimentata in altri siti sul territorio nazionale. La società sta vagliando in questi giorni con i propri esperti ulteriori migliorie tecnologiche confrontandosi anche con realtà europee consolidate. La Società ad oggi ha ottemperato a tutte le prescrizioni previste dal bando Regionale (D.G.R.n.272/2013) per la quale risulta essere aggiudicataria, ha individuato in primis il miglior processo produttivo, l’area di collocamento dell’impianto, tenendo ben presente i vincoli urbanistici e ambientali, ed ha ottenuto il nulla osta rispetto alla pianificazione di settore L.R. n. 17/2011 e s.m.i. Fin da subito, ben comprendendo e legittimando l’impatto sociale del progetto, si è resa disponibile ad incontri pubblici con la cittadinanza, i comitati e l’amministrazione comunale instaurando un confronto aperto libero e costruttivo. L’obiettivo della Società è quello di coinvolgere la cittadinanza di Senise creando con la stessa una sinergia proficua, al fine di far ben comprendere gli aspetti positivi, a medio e lungo termine, del processo produttivo innovativo, l’impatto ambientale ed economico nonché la ricaduta occupazionale non solo dell’impianto (54 unità da assumere) ma anche di tutto l’indotto terziario. L’Amministrazione Comunale, nella persona del Sindaco di Senise Giuseppe Castronuovo, ha sempre avuto un atteggiamento prudente, e non ha mai espresso un parere favorevole all’iniziativa, ma, nei vari incontri, ha sempre voluto ben comprendere il processo produttivo, l’impatto ambientale e sociale, anteponendo a priori la difesa e la tuteladegli interessi della comunità che rappresenta. Per dare informazioni dettagliate e trasparenti alla cittadinanza riguardo all'impianto di trattamento dei rifiuti, la Società accoglie la richiesta di un incontro pubblico rivoltagli dalla cittadinanza, dai comitati e dalle delegazioni di partito e si dichiara disponibile a confrontarsi democraticamente con tutti gli abitanti di Senise, in un incontro pubblico il6 Agosto alle 19.00 in Piazza V. Emanuele a Senise. I rifiuti sono spesso un problema, ma attraverso il buon senso civico e una corretta tecnologia posso diventare una risorsa per il nostro paese.

Per la società NEP ItalySrl
Il legale
Avv. Anna Badalamenti



ALTRE NEWS

CRONACA

19/02/2019 - ASM sindacati proclamano lo stato di Agitazione
19/02/2019 - Pomarico: sorpresi a rubare rame ed attrezzi in un deposito, denunciano 4 minori
19/02/2019 - Pisticci, sequestrata area per smaltimento illecito reflui
19/02/2019 - Sant’Arcangelo: i carabinieri a scuola per diffondere la cultura della legalità

SPORT

19/02/2019 - Sul Pollino ritorna 'Ciapsolando verso sud'
18/02/2019 - Brutto stop per la Pegasus Matera ad Ariano Irpino
18/02/2019 - Hockey su pista serie B – girone E, Molfetta – HP Matera 6-5
18/02/2019 - Promozione: Olivieri regala i 3 punti alla capolista

Sommario Cronaca                                  Sommario Sport

NEWS BREVI

19/02/2019 Francavilla in Sinni: iban per solidarietà

Su iniziativa dell’Amministrazione Comunale e della Parrocchia di Francavilla in Sinni è stato istituito un conto corrente bancario per offrire sostegno e un aiuto concreto alla Famiglia Genovese.
IBAN: IT27R0815441990000000135735
Intestato a Parrocchia Sant’Andrea Avellino
Causale: DONAZIONE PRO FAMIGLIA GENOVESE

19/02/2019 Sospensioni idriche 19 febbraio 2019

Potenza: a causa di un nuovo ed improvviso guasto l'erogazione idrica in via Cerreta e zona Masseria Monaco resterà sospesa fino al termine dei lavori di riparazione Irsina: a causa di un guasto improvviso l'erogazione idrica sarà sospesa dalle ore 09:30 di oggi fino al termine dei lavori, in contrada Notargiacomo e zone limitrofe
Potenza: a causa del protrarsi dei lavori di riparazione che interessano contrada Cerreta e le zone limitrofe, Acquedotto Lucano ha attivato il servizio sostitutivo mediante autobotte, che stazionerà sulla strada provinciale nei pressi della contrada Masseria Monaco.
Trecchina: a causa di un guasto improvviso alla condotta distributrice, è in corso la sospensione dell'erogazione idrica in località Piano dei Peri. Il ripristino è previsto al termine dei lavori di riparazione.

18/02/2019 Comunicazione di sospensione idrica per oggi 18 febbraio

Avigliano, Filiano: a causa di un guasto improvviso, l'erogazione idrica sara sospesa dalle ore 20.00 di oggi alle ore 08.00 di domani, salvo imprevisti, ad AVIGLIANO nelle frazioni Stagliuzzo, Mandria Nuova, Monte Alto, Bozzelli e Lacciola; a FILIANO nella frazione Carpini
Pisticci: a causa di un guasto improvviso l'erogazione idrica nelle località San Teodoro, Casinello e Lido 48 resterà sospesa fino al termine dei lavori di riparazione.
Lavello, Venosa, Montemilone: in considerazione del programma di interruzione idrica comunicato dal Consorzio Di Bonifica Terre D’Apulia, l’erogazione dell'acqua potabile sarà sospesa nei giorni 18-19-20-21-22 febbraio, dalle ore 15:30 alle ore 08:30 del mattino successivo, salvo imprevisti, nelle seguenti zone LAVELLO: contrade Finocchiaro, Santa Lucia e zone limitrofe; VENOSA: contrade Rendina, Inviso, Boreano, Sant’Angelo, Grotta Piana e zone limitrofe; MONTEMILONE: contrada Macinali e zone limitrofe.
Genzano di Lucania, Banzi, Palazzo San Gervasio: in considerazione del programma di interruzione idrica comunicato dal Consorzio Di Bonifica Terre D’Apulia, l’erogazione dell'acqua sarà sospesa nei giorni 18-19-20-21-22 febbraio, dalle ore 15:30 alle ore 08:30 del mattino successivo, salvo imprevisti, nelle seguenti zone GENZANO DI LUCANIA: contrade Basentello, Masseria Mastronicola, Spada, Monte Pote e Terre D’Apulia, Li Cugni, Cerreto e zone limitrofe; BANZI: contrade Mattina Grande, Masseria dell’Agli, Silos Mancusi, Parco Cassano, Carrera della Regina e zone limitrofe; PALAZZO SAN GERVASIO: contrada Piani, Terzo di Capo, e zone limitrofe.

Noi e quella sacrosanta ''cultura del territorio''
di Mariapaola Vergallito

“I lucani conoscono la frana. I contadini lucani sono vissuti da sempre con la frana, l’orecchio teso a quel fremito oscuro, l’occhio attento a scrutare le rughe della terra. Ma un tempo nessuno la violentava la terra. La temevano, la rispettavano. Istintivamente si tramandavano quella che modernamente si è poi chiamata “cultura del territorio”. Oggi, nell’era della scienza, è proprio quella cultura che è venuta meno. Dalle paure ancestrali si è passati al s...-->continua



 



Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo