HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

 

 

Da Acquedotto Lucano 26 milioni di euro alle imprese

30/07/2014



Le imprese di manutenzione, servizi e forniture di Acquedotto Lucano nei giorni scorsi hanno potuto beneficiare di immediata liquidità, per un ammontare di 18 milioni di euro, mentre altri 8 milioni di euro, destinati alle imprese appaltatrici, saranno erogati nella prima settimana di agosto.
Ossigeno puro per 170 imprese, la maggior parte delle quali sono lucane, che, a causa del Patto di stabilità, sono costrette a subire gravi ritardi nei pagamenti.
Acquedotto Lucano, che a sua volta vanta consistenti crediti anche nei confronti di Regione Basilicata, consorzi di bonifica e industriali, si è voluta far carico della grave situazione di crisi economica che attanaglia l’economia locale, andando incontro alle imprese e assumendosi gli oneri finanziari di una complessa operazione di anticipazione del credito effettuata con Sace Factoring (società controllata dalla Cassa depositi e presiti).

L’operazione è stata possibile grazie al riconoscimento, da parte della Regione Basilicata, dei debiti maturati verso Acquedotto Lucano per la gestione dei grandi adduttori nel corso del 2013: a garanzia dell’anticipazione versata da Sace Factoring, la Regione, con proprio determina, ha certificato il credito vantato da AL.

Una seconda operazione di anticipazione del credito, per un ammontare di 8 milioni di euro, sarà perfezionata entro la prossima settimana, e servirà, questa volta, al pagamento delle aziende appaltatrici di 17 opere già eseguite con i fondi dell’Accordo di programma quadro sulle opere idriche

Complessivamente, quindi, si tratta di 26 milioni di euro che Acquedotto Lucano immette nel sistema economico locale, grazie ai quali l’azienda potrà sanare gran parte del suo debito verso le imprese per le forniture e, presto, anche per i lavori eseguiti, riducendo a soli 150 giorni lo scaduto dell’azienda.

“Abbiamo inteso portare avanti questa complessa attività che libera 26 milioni di euro nel giro di pochissimi giorni, nella consapevolezza del ruolo rilevante che Acquedotto Lucano svolge nel tessuto economico lucano – ha dichiarato il presidente Rosa Gentile-. E’ stato così possibile onorare il 60 per cento dell’intero scaduto maturato nei confronti delle imprese (di cui il 70 per cento lucane) che stanno accompagnando l’azienda in questo delicato momento e che hanno mantenuto gli impegni assunti, nonostante le difficoltà di liquidità di AL a sua volta creditrice nei confronti di molti enti pubblici e privati”.

“Un risultato – ha proseguito il presidente Gentile - che è, soprattutto, frutto di una intensa collaborazione fra consiglio di amministrazione di AL, Regione Basilicata e Conferenza interistituzionale idrica. Con loro, per non interrompere questo processo positivo, occorrerà sottoscrivere quanto prima la Convenzione di gestione che disciplina gli aspetti economici e finanziari della gestione del servizio dei grandi adduttori: in questo modo – ha concluso Gentile -, Acquedotto Lucano e l’intero indotto economico che produce, potranno avere la garanzia di un costante equilibrio”.




ALTRE NEWS

CRONACA

21/05/2019 - Agenzia entrate. Matera, arriva il ''prenota ticket''
21/05/2019 - Sinnica: riapertura attesa per giovedì
21/05/2019 - Basilicata. Hascisc, una 38enne arrestata a Matera
21/05/2019 - Terremoto: due scosse nel Nordbarese, avvertito anche a Matera

SPORT

21/05/2019 - Serie D, Poule Scudetto: il Picerno deve battere l’Avellino
21/05/2019 - Lo Monaco (Catania ) risponde a patron Caiata ( Potenza Calcio )
21/05/2019 - Rotonda: ieri il “Memorial Domenico Attilio Cavaliere – Walter Bloise”
20/05/2019 - Potenza Calcio,analisi del tecnico Raffaele nel post partita con il Catania

Sommario Cronaca                                  Sommario Sport

NEWS BREVI

21/05/2019 Sospensione idrica oggi 21 Maggio in Basilicata

Pignola: per consentire il ripristino del livello dei serbatoi, l'erogazione dell'acqua potabile in contrada Rifreddo e nelle zone limitrofe sarà sospesa dalle ore 09:00 alle ore 19:00 di oggi salvo imprevisti.

20/05/2019 Sospensioni idriche 20 maggio 2019

Senise: a causa di un guasto improvviso, l'erogazione idrica sarà sospesa in località Pettirosso dalle ore 08:30 di domani mattina fino al termine dei lavori.
Rionero in Vulture: a causa di un guasto improvviso l'erogazione idrica in via Rigilo e nelle strade limitrofe resterà sospesa fino al termine dei lavori di riparazione.
Muro Lucano: per consentire il ripristino del livello dei serbatoi, l'erogazione dell'acqua potabile sarà sospesa dalle ore 18:00 di oggi alle ore 07:00 di domani mattina salvo imprevisti, nelle seguenti contrade: Cappuccini, Belvedere, San Antuono, Sopra Maddalena e Conserva.
Rionero: per consentire l'esecuzione di lavori di riparazione, l'erogazione dell'acqua potabile sarà sospesa in via E. Alessandrini, via G. Rossa, via M. Rigillo e sue traverse, via M. Miradio della Provvidenza, via Padre Pio e contrada Fontana Maruggia dalle ore 08:30 alle ore 14:00 del giorno 23 maggio 2019, salvo imprevisti.

17/05/2019 Sospensione idrica San martino

Palazzo San Gervasio: a causa di un guasto improvviso, l'erogazione idrica sarà sospesa in via Roma dalle ore 13:30 alle ore 17:30, salvo imprevisti
Armento: per consentire il ripristino del livello dei serbatoi, l'erogazione dell'acqua potabile sarà sospesa in contrada Barone dalle ore 21:00 di oggi alle ore 08:00 di domani mattina, salvo imprevisti.
San Martino d'Agri: per consentire il ripristino del livello dei serbatoi, l'erogazione dell'acqua potabile sarà sospesa dalle ore 22:30 di oggi alle ore 08:00 di domani mattina salvo imprevisti.
Venosa: a causa di un guasto improvviso l'erogazione idrica sarà sospesa dalle ore 09:00 alle ore 12:00, salvo imprevisti, nell'intero centro storico: via Garibaldi, corso Vittorio Emanuele II, via Frusci, via Annunziata, via Roma e strade limitrofe.

La pesante leggerezza dell'ipocrisia. Dedicato ai fatti di Manduria
di Giovanni Paolo Ferrari

Incubi riaffiorano alla memoria e con loro alcune delle molte vittime del bullismo e dell’omertà nei nostri paesini... Tra tutti due donne povere e anziane che non avevano mai fatto del male a nessuno: Lucia detta “a Vertel” a Nemoli e un’altra “povera crista” che viveva in Piazza Plebiscito a Sapri e della quale pur sforzandomi non ricordo il soprannome (il nome non l’ho mai saputo...). Unica colpa delle due poverette? Aver perso un po’ il senno durante la ...-->continua



 



Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo