HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

 

 

Opificio Senise,'nessun atto ufficiale '.Domani presidio davanti al Comune

29/07/2014



Il Comitato “Per Senise: Rifiuto!” rende noto di aver ricevuto, in data odierna, una lettera a firma del Responsabile del Settore Tecnico del Comune di Senise, Arch. Berardino Filardi. La lettera arriva in risposta alle richieste, da parte del presidente dello stesso Comitato, Serafino Di Sanzo, di documentazione eventualmente presente negli uffici comunali riguardante la realizzazione dell’impianto di trattamento e valorizzazione dei rifiuti che si intenderebbe costruire a Senise. Filardi ha dichiarato che “agli atti di questo ufficio non esiste alcun documento amministrativo alla realizzazione di un opificio industriale”.
Inoltre, il presidente del Comitato rende noto di aver ricevuto, per posta elettronica, una comunicazione a firma del sindaco Giuseppe Castronuovo che, sempre in data odierna, comunica che “si conferma la disponibilità della società NepItalysrl ad incontrare una delegazione del comitato per il giorno 30 luglio alle ore 16.30 presso il Comune” e che “per eventuali delucidazioni in merito all’incontro, potete contattare l’avv. Badalamenti (legale della società)”.
“Ringraziando il sindaco per averci evidenziato la disponibilità della società ad incontrare una delegazione del Comitato- spiega il presidente Di Sanzo- ribadiamo la necessità, espressa più volte, di un incontro pubblico al quale tutti i cittadini possano partecipare per esprimere e ascoltare le posizioni rispetto al progetto dell’opificio di rifiuti, previa acquisizione degli atti. Sia il sindaco Castronuovo sia il legale della società avevano dichiarato la fattibilità di tale incontro (in una data, tra l’altro, che non avrebbe dovuto superare la prima metà del mese di luglio) durante il quale sarebbe stato esposto, in maniera trasparente e per favorire il confronto, il progetto esecutivo e la documentazione che, ad oggi, apprendiamo non esistere negli uffici comunali. Per domani pomeriggio, comunque, è previsto un sit-in davanti al municipio senisese a partire dalle ore 15:00. I cittadini sono invitati a partecipare”.



ALTRE NEWS

CRONACA

23/03/2019 - Aliano. Coltelli e armi nello zaino, denunciato
23/03/2019 - Irsina: sorpresi a rubare rame. Arrestato 20enne e denunciato un minorenne
23/03/2019 - Lavello: Arrestati autori di un furto ai danni di una azienda agricola in Puglia
23/03/2019 - Le poesie di Cascini alla Casa circondariale di Potenza

SPORT

23/03/2019 - Futsal Senise: vittoria casalinga contro lo Shaolin
23/03/2019 - Bernalda Futsal vs Futsal Altamura:10-4. I rossoblu emergono nella ripresa
23/03/2019 - La PM Asci Potenza sarà di scena a Molfetta per la sfida contro Asdam Pegaso 93
23/03/2019 - Serie D, G/H: il Francavilla sconfitto in casa dal Sorrento

Sommario Cronaca                                  Sommario Sport

NEWS BREVI

23/03/2019 Calcio a 5-C1/g.UNICO: risultati 20^ giornata

Comp.Sport Pisticci-Futsal Marsico 5-2
Futsal Potenza – Real Potenza 11-4
Castrum Byanelli – San Gerardo 3-8
Maschito – Essedisport 11-5
Senise – Shaolin Soccer 11-4

23/03/2019 Basilicata: insediati i seggi elettorali

Sono stati insediati alle ore 16 i seggi elettorali in vista delle elezioni Regionali di domani in Basilicata. Nei seggi si provvederà quindi alla autenticazione delle schede per la votazione, mediante apposizione della firma dello scrutatore, alla apertura del plico contenente il bollo della sezione ed all'apposizione del timbro nell'apposito spazio. Sono 573.970 gli elettori che domani voteranno in 681 sezioni, dalle ore 7 alle 23.Ansa

23/03/2019 Sospensioni idriche 23 marzo 2019

Francavilla in Sinni: a causa di un guasto improvviso l'erogazione idrica sarà sospesa dalle ore 10:00 di oggi fino al termine dei lavori.

Noi e quella sacrosanta ''cultura del territorio''
di Mariapaola Vergallito

“I lucani conoscono la frana. I contadini lucani sono vissuti da sempre con la frana, l’orecchio teso a quel fremito oscuro, l’occhio attento a scrutare le rughe della terra. Ma un tempo nessuno la violentava la terra. La temevano, la rispettavano. Istintivamente si tramandavano quella che modernamente si è poi chiamata “cultura del territorio”. Oggi, nell’era della scienza, è proprio quella cultura che è venuta meno. Dalle paure ancestrali si è passati al s...-->continua



 



Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo