HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

 

 

Medico notturno Calvera-Carbone,ripristinato il servizio ma resta alta la guardia

16/07/2014



Ha rischiato di far scatenare una vera e propria guerra il trasferimento, per quindici giorni, del servizio di guardia medica nel comune di Calvera. L’assaggio si è avuto nella serata di lunedi 14 luglio quando, decine e decine di persone, si sono presentate davanti all’ambulatorio (molte, per la verità, erano già dentro per effettuare le consuete visite) con l’intento di manifestare tutto il loro disappunto per la decisione dell’Asp. Fino al 30 luglio la guardia medica si sposta a Carbone, comune neanche troppo lontano se non fosse per le difficoltà oggettive legate, soprattutto, al numero di anziani presenti in queste comunità e alle spesso difficili condizioni delle strade. Il trasferimento è dovuto al fatto che il medico presente a Carbone non c’è per tutto il mese di luglio e così, invece di sostituirlo, la guardia medica, in questo mese, è rimasta a Calvera per i primi 15 giorni e sarà a Carbone per i prossimi. Mercoledi sera apprendiamo che l’Asp ha inviato un altro medico a coprire il servizio di guardia medica a Carbone, in modo che entrambi i paesi abbiano il servizio notturno. Situazione risolta? Per ora sì, ma i cittadini non abbassano la guardia. “Quello che temiamo- dicono i cittadini- è che questi quindici giorni rappresentino un esperimento per un trasferimento definitivo dall’autunno in poi, quando il medico di Carbone, da quello che sappiamo, potrebbe andare in pensione”. “Il diritto alla salute va garantito sempre- dicono i cittadini- ma qui ci devono dire chi deve morire prima tra i cittadini di Calvera e quelli di Carbone e perché i tagli riguardano sempre i servizi essenziali da garantire alla povera gente e non ai capi”. I cittadini temono qualcosa che, già qualche anno fa si era verificata. “Pochi anni fa avevano proposto l’accorpamento a coppie di comuni ma Carbone e Calvera si rifiutarono di firmare un verbale che già aveva previsto la guardia medica unica- spiega il sindaco di Carbone Mario Chiorazzo- ci rifiutammo sbattendo i pugni e dicendo che l’accorpamento poteva esserci qualora avessero dimostrato che non c’era altro da poter tagliare. Ma non mi pare sia così”.

Mariapaola Vergallito

il video della protesta di Lunedi 14-07-2014



ALTRE NEWS

CRONACA

19/02/2019 - Elezioni Basilicata, si ritira Carmen Lasorella: ‘Ci fermiamo qui’
19/02/2019 - ASM sindacati proclamano lo stato di Agitazione
19/02/2019 - Pomarico: sorpresi a rubare rame ed attrezzi in un deposito, denunciano 4 minori
19/02/2019 - Pisticci, sequestrata area per smaltimento illecito reflui

SPORT

19/02/2019 - Sul Pollino ritorna 'Ciapsolando verso sud'
18/02/2019 - Brutto stop per la Pegasus Matera ad Ariano Irpino
18/02/2019 - Hockey su pista serie B – girone E, Molfetta – HP Matera 6-5
18/02/2019 - Promozione: Olivieri regala i 3 punti alla capolista

Sommario Cronaca                                  Sommario Sport

NEWS BREVI

19/02/2019 Francavilla in Sinni: iban per solidarietà

Su iniziativa dell’Amministrazione Comunale e della Parrocchia di Francavilla in Sinni è stato istituito un conto corrente bancario per offrire sostegno e un aiuto concreto alla Famiglia Genovese.
IBAN: IT27R0815441990000000135735
Intestato a Parrocchia Sant’Andrea Avellino
Causale: DONAZIONE PRO FAMIGLIA GENOVESE

19/02/2019 Sospensioni idriche 19 febbraio 2019

Potenza: a causa di un nuovo ed improvviso guasto l'erogazione idrica in via Cerreta e zona Masseria Monaco resterà sospesa fino al termine dei lavori di riparazione Irsina: a causa di un guasto improvviso l'erogazione idrica sarà sospesa dalle ore 09:30 di oggi fino al termine dei lavori, in contrada Notargiacomo e zone limitrofe
Potenza: a causa del protrarsi dei lavori di riparazione che interessano contrada Cerreta e le zone limitrofe, Acquedotto Lucano ha attivato il servizio sostitutivo mediante autobotte, che stazionerà sulla strada provinciale nei pressi della contrada Masseria Monaco.
Trecchina: a causa di un guasto improvviso alla condotta distributrice, è in corso la sospensione dell'erogazione idrica in località Piano dei Peri. Il ripristino è previsto al termine dei lavori di riparazione.

18/02/2019 Comunicazione di sospensione idrica per oggi 18 febbraio

Avigliano, Filiano: a causa di un guasto improvviso, l'erogazione idrica sara sospesa dalle ore 20.00 di oggi alle ore 08.00 di domani, salvo imprevisti, ad AVIGLIANO nelle frazioni Stagliuzzo, Mandria Nuova, Monte Alto, Bozzelli e Lacciola; a FILIANO nella frazione Carpini
Pisticci: a causa di un guasto improvviso l'erogazione idrica nelle località San Teodoro, Casinello e Lido 48 resterà sospesa fino al termine dei lavori di riparazione.
Lavello, Venosa, Montemilone: in considerazione del programma di interruzione idrica comunicato dal Consorzio Di Bonifica Terre D’Apulia, l’erogazione dell'acqua potabile sarà sospesa nei giorni 18-19-20-21-22 febbraio, dalle ore 15:30 alle ore 08:30 del mattino successivo, salvo imprevisti, nelle seguenti zone LAVELLO: contrade Finocchiaro, Santa Lucia e zone limitrofe; VENOSA: contrade Rendina, Inviso, Boreano, Sant’Angelo, Grotta Piana e zone limitrofe; MONTEMILONE: contrada Macinali e zone limitrofe.
Genzano di Lucania, Banzi, Palazzo San Gervasio: in considerazione del programma di interruzione idrica comunicato dal Consorzio Di Bonifica Terre D’Apulia, l’erogazione dell'acqua sarà sospesa nei giorni 18-19-20-21-22 febbraio, dalle ore 15:30 alle ore 08:30 del mattino successivo, salvo imprevisti, nelle seguenti zone GENZANO DI LUCANIA: contrade Basentello, Masseria Mastronicola, Spada, Monte Pote e Terre D’Apulia, Li Cugni, Cerreto e zone limitrofe; BANZI: contrade Mattina Grande, Masseria dell’Agli, Silos Mancusi, Parco Cassano, Carrera della Regina e zone limitrofe; PALAZZO SAN GERVASIO: contrada Piani, Terzo di Capo, e zone limitrofe.

Noi e quella sacrosanta ''cultura del territorio''
di Mariapaola Vergallito

“I lucani conoscono la frana. I contadini lucani sono vissuti da sempre con la frana, l’orecchio teso a quel fremito oscuro, l’occhio attento a scrutare le rughe della terra. Ma un tempo nessuno la violentava la terra. La temevano, la rispettavano. Istintivamente si tramandavano quella che modernamente si è poi chiamata “cultura del territorio”. Oggi, nell’era della scienza, è proprio quella cultura che è venuta meno. Dalle paure ancestrali si è passati al s...-->continua



 



Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo