HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

 

 

Giunta regionale: progetto opificio tra i progetti finanziati

7/07/2014



Finanziati dalla Giunta regionale, nel corso dell’ultima seduta, 7 piani di sviluppo industriale per un totale di circa 40 milioni di euro,: 4 da scorrimento graduatoria ai sensi dell’Avviso pubblico Val Basento - Matera per la realizzazione di Piani di Sviluppo industriale e 3 dagli Avvisi pubblici per la realizzazione di Piani di reindustrializzazione per la salvaguardia dei livelli occupazionali di ex siti produttivi inattivi. Previsti, in totale 378 nuovi posti di lavoro.

Lo rende noto l’assessore alle Politiche di Sviluppo, Lavoro, Formazione e Ricerca, Raffaele Liberali, che così commenta: “Gli importantissimi provvedimenti approvati dal Governo regionale rientrano indubbiamente nella logica della politica del fare e delle risposte concrete alla crisi economica e industriale che coinvolge direttamente il tessuto produttivo della regione Basilicata. I numeri parlano da soli, sia in termini di risorse stanziate che di risposte occupazionali previste. Adesso dobbiamo sostenere e supportare celermente la realizzazione degli investimenti”.

Di seguito, l’elenco dettagliato dei provvedimenti approvati dall’esecutivo regionale guidato dal presidente Marcello Pittella:

DGR N. 2123/2009: Avviso Pubblico Val Basento – Matera per la realizzazione di Piani di Sviluppo Industriale:

contributo in conto capitale di € 4.450.000,00 alla ditta ORIENTA SRL a fronte di un investimento agevolabile di € 8.900.000,00 per nuovo impianto produttivo per la “Produzione di tapparelle orientabili, sistemi di schermatura solare per l’edilizia, componenti per infissi in alluminio” - nuovi occupati n.40;

contributo in conto capitale di € 5.158.166,79 alla ditta SIPREM SRL a fronte di un investimento agevolabile pari a € 10.316.333.57 per Recupero strutture inattive (ex RDB Matera) per la “Fabbricazione prodotti in calcestruzzo per l’edilizia (Blocchi alveolari per isolamento)” - nuovi occupati N. 16;

contributo in conto capitale di € 2.350.830,21 a fronte di un investimento agevolabile pari a € 5.877.075,52 alla ditta BNG SRL per nuovo impianto produttivo per il “Recupero Rifiuti Solidi, urbani, industriali e biomasse” - nuovi occupati n. 18;

contributo in conto capitale di € 3.837.672,03 a fronte di un investimento agevolabile pari a € 7.675.344,06 alla ditta TAGG ENERGY SRL per nuovo impianto produttivo per la “Fabbricazione di prodotti chimici” - nuovi occupati N. 18.

Dgr n. 1333/2013, 272/2013 e 273/2013Avvisi pubblici per la realizzazione di Piani di reindustrializzazione per la salvaguardia dei livelli occupazionali di siti produttivi inattivi:

concessione di contributo per la realizzazione di un Piano di Reindustrializzazione per la salvaguardia dei livelli occupazionali del sito produttivo inattivo EX CUTOLO Michele & Figli Atella (Pz) DGR 1333/2013 contributo in conto capitale di € 5.000.000,00 alla ditta DOC AIRCONCRETE SRL a fronte di un investimento agevolabile pari a € 12.957.816,96 con occupazione di n.35 di cui n. 33 unità provenienti dalla fallita EX CUTOLO, e di € 5.000.000,00 a fronte di un investimento agevolabile pari a € 12.514.114,00 alla ditta CMD Costruzioni Motori Diesel Spa con occupazione di n. 35 unità di cui N. 33 provenienti dalla Ex Cutolo;

concessione di contributo per la realizzazione di un Piano di Reindustrializzazione per la salvaguardia dei livelli occupazionali del sito produttivo inattivo EX ME.COM Srl Senise (Pz)

contributo in conto capitale di € 8.414.444,11 a fronte di un investimento agevolabile pari a € 16.828.888,22 alla ditta NEP ITALY SRL con una occupazione di N. 53 unità di cui n. 22 addetti provenienti dalla fallita ex Me.com;

concessione di contributo per la realizzazione di un Piano di Reindustrializzazione per la salvaguardia dei livelli occupazionali del sito produttivo inattivo Ex Lucania Calzature Srl Maratea (Pz) - contributo in conto capitale di € 5.086.772,76 a fronte di un investimento agevolabile pari a € 10.481.067,51 alla ditta ALTA SARTORIA ITALIANA SPA con una occupazione di n. 163 unità di cui 70 dalla ex Lucana Calzature.



ALTRE NEWS

CRONACA

22/03/2019 - Rionero in Vulture: un cinghiale da salvare
22/03/2019 - Carabinieri Forestali sequestrano stazione di servizio dismessa a Tolve
22/03/2019 - Furto in abitazione nel Materano, due arresti a Zagarolo
22/03/2019 - Il progetto di superamento de 'La Fellandina' ha l'ok delle parti sociali

SPORT

22/03/2019 - Matera,iI concentramento camp. hockey su pista femminile
22/03/2019 - Grumentum Val d'Agri: ad un passo dal sogno
22/03/2019 - Serie D, G/H: al Fittipaldi il Francavilla anticipa contro il Sorrento
22/03/2019 - Bernalda Futsal,verso l'Altamura. Il dg Mazzei:“attenzione alle loro ripartenze"

Sommario Cronaca                                  Sommario Sport

NEWS BREVI

22/03/2019 Sospensione idrica a Matera

Maratea: a causa di un guasto improvviso l'erogazione idrica in zona Fiumicello sarà sospesa dalle ore 14:30 di oggi fino al termine dei lavori.

21/03/2019 Basilicata: al voto 573.970 elettori

Sono 573.970 gli elettori che domenica prossima, 24 marzo, voteranno in Basilicata - in 681 sezioni, dalle ore 7 alle 23 - per eleggere il presidente della Regione e i 20 componenti del consiglio regionale. E' quanto emerge dai dati forniti dalle prefetture di Potenza e Matera. Il comune della provincia di Potenza dove vi sono meno elettori è San Paolo Albanese (310); in provincia di Matera il comune con meno elettori è Cirigliano (387).Ansa

20/03/2019 Vito Pace confermato presidente Consiglio Notarile

Il Consiglio Notarile Distrettuale di Potenza, Lagonegro, Melfi e Sala Consilina ha riconfermato, all'unanimità, per il triennio 2019/2021, quale Presidente il Notaio Vito Pace e quale Segretario il Notaio Francesco Carretta. Gli altri componenti sono i Notai : Adele De Bonis Cristalli (tesoriere); Antonio Di Lizia, Annamaria Racioppi, Angelo Pasquariello e Agostino Rizzo.

Noi e quella sacrosanta ''cultura del territorio''
di Mariapaola Vergallito

“I lucani conoscono la frana. I contadini lucani sono vissuti da sempre con la frana, l’orecchio teso a quel fremito oscuro, l’occhio attento a scrutare le rughe della terra. Ma un tempo nessuno la violentava la terra. La temevano, la rispettavano. Istintivamente si tramandavano quella che modernamente si è poi chiamata “cultura del territorio”. Oggi, nell’era della scienza, è proprio quella cultura che è venuta meno. Dalle paure ancestrali si è passati al s...-->continua



 



Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo