HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

 

 

TAR Basilicata: Eni responsabile dei danni per lo sversamento di petrolio

22/06/2014



La Ola, Organizzazione lucana ambientalista rende noto che il TAR Basilicata ha riconosciuto infondato, rigettandolo, il ricorso di ENI contro l'Ordinanza sindacale del Comune di Viggiano n.5 del 22/1/2000; che intimava alla compagnia petrolifera l'intervento e la bonifica del sito poi attuato dal comune di Viggiano¡ nonostante il TAR affermi nella stessa sentenza che la bonifica dei siti inquinati debbano provvedere i reali responsabili della condizione di inquinamento per cui, come anche emerge dalla giurisprudenza formatasi in tema abbandono dei rifiuti!. Eni sull'episodio si è sempre dichiarata estranea ai fatti che hanno portato alla situazione di inquinamento descritta nel provvedimento sindacale recante l'ordine di disinquinamento e risanamento ambientale per grave sversamento di petrolio. I fatti risalgono al 2000. Lo si apprende sempre dalla lettura della sentenza del TAR Basilicata.
Il 21 gennaio alle ore 9.00 circa, si verificava un grave incidente stradale lungo la strada provinciale n.54, al km. 1,600 che vedeva coinvolte due autocisterne che trasportavano petrolio greggio dal pozzo petrolifero Monte Enoc alla raffineria AGIP di Taranto. In particolare, nello scendere a pieno carico da monte a valle, una autocisterna si scontrava con un'altra autocisterna che procedeva in senso inverso, risalendo da valle a monte. In conseguenza dell'urto, nel quale perdeva la vita il conducente della prima autocisterna si verificava la dispersione di circa 25.000 litri di petrolio greggio sull'asfalto e nel terreno circostante, con infiltrazione in un pozzo di acqua sorgiva e con compromissione della relativa falda di cui solo dalla sentenza del TAR n.400 del 21 Giugno scorso si apprende la notizia.
Eni ha impugnato l'ordinanza sindacale dopo una ¡°rocambolesca ricerca dei soggetti destinatari della notifica dell'ordinanza sindacale. Dettagli di cui il TAR ne rileva i particolari nella sentenza n.440 del 21/6/2014. Sempre secondo ENI inoltre il sindaco di Viggiano era incompetente ad adottare l'ordinanza impugnata in base alla giurisprudenza.
La sentenza del TAR invece imputa ad ENI SpA la responsabilità riconducibile ad AGIP in quanto gli unici soggetti cui potrebbe ascriversi la responsabilità per l'incidente considerato che il petrolio sversato era di proprietà dell'AGIP e veniva trasportato dal pozzo sito in Val d'Agri alla Raffineria AGIP di Taranto. Oltretutto, si aggiunge, il rapporto fra l'AGIP e il Superconsorzio Trasporti Lucani (del quale facevano parte i mezzi coinvolti nel sinistro del 21/1/00) era dettagliatamente disciplinato da un accordo con relative condizioni generali che prevedeva che il vettore avrebbe risposto in proprio di qualsiasi perdita, mancanza o alterazione della merce trasportata e di qualsiasi danno e spesa che possa arrecare a cose e/o persone oltre che durante il viaggio anche durante lo scarico presso il destinatario della merce (art. 8).
Sulle operazioni di bonifica nel 2013 la Regione Basilicata ha concesso al comune di Viggiano le anticipazioni delle spese pari a circa 20mila euro per la rimozione dei teli e di tombatura dei piezometri posizionati per monitorare l'inquinamento.
[Fonte: Ola - Organizzazione lucana ambientalista]



ALTRE NEWS

CRONACA

23/04/2018 - GdF Matera:evasione fiscale nel commercio di oro e preziosi
22/04/2018 - Colobraro: muore precipitando con parapendio
22/04/2018 - Due arresti sulla Jonica per droga
22/04/2018 - Basilicata.A Policoro grande partecipazione per il Consiglio su emergenza idrica

SPORT

23/04/2018 - Gara individuale della Bocciofila Montereale: Nocera e Bolzano sul podio
23/04/2018 -  Olimpia Matera vince e va ai Playoff
22/04/2018 - Il Matera reagisce alle penalizzazioni e batte l’Andria
22/04/2018 - La Geosat Geovertical resta nell’olimpo del volley

Sommario Cronaca                                  Sommario Sport

NEWS BREVI

23/04/2018 Sospensioni Erogazioni Idriche

San Fele: per consentire il ripristino del livello dei serbatoi, l'erogazione dell'acqua potabile in località Pierno e Mantra resterà sospesa fino al recupero del livello.

Montemilone: per consentire lavori di collegamento sulla rete idrica, l'erogazione dell'acqua potabile in via Pagano, via Diaz, via Flacco e zone limitrofe resterà sospesa dalle ore 9 fino alle ore 19 di oggi.

22/04/2018 Calcio 1^ Ctg./B: risultati 27^ giornata

RAF Vejanum – Roccanova 1-0 – giocata sabato
L.Montescaglioso – Atletico Lauria 1-3
Montemurro – Castelluccio 2-5
Polis.Tramutola – Policoro 3-2
Salandra – Polis. Sarconi 2-0
Tursi – Lu Tito 1-2
Viggianello – A.Montalbano 1-1
Riposa Pro Loco Spinoso

22/04/2018 Promozione: risultati 26^ giornata

Avigliano – Paternicum 3-2
Bella – Anzi 1-2
Brienza – Rotunda Maris 0-2
Ferrandina – Santarcangiolese 6-0
Fortuna Potentia – Pomarico 2-0
Miglionico – CandidaMelfi 2-2
Oraziana Venosa – Ruoti 3-0

Dice che era un bel torrente ma non andava più al mare
di Mariapaola Vergallito

“Dice che era un bel progetto e serviva a creare/ la deviazione di un torrente per distrarlo dal mare; ma dall’idea alla realizzazione passarono 40 anni, giusto il tempo di essere deviata e l’acqua cominciò a far danni”.

Scusate, non ho resistito. E’ 4 marzo, del resto, e chiedo scusa a Lucio Dalla per questa scapestrata citazione. C’è qualcun altro, però, che dovrebbe chiedere scusa, oggi. Proprio oggi che il torrente Sarmento, deviato in parte dal...-->continua



 



Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo