HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

 

 

Gallicchio, non è buona l’aria che tira

19/06/2014



Sembra non ci sia pace a Gallicchio. Qualcosa o qualcuno deve essersi impossessato delle chiavi della città e soprattutto ha nascosto quelle del cassetto delle menti. E’ d’obbligo rendere consapevole chi legge che chi scrive è cittadino gallicchiese e perciò al pari degli altri del momento ne risente e non può chiamarsi fuori. Se si continua a digitare sulla tastiera nonostante una voce dal profondo suggerisce di restare distaccati beh, credo che danno vi sia. Anche perchè sì è pur sempre un cronista. Forse la maledizione principale per una comunità, alcuni ne sono convinti, è quella di ritrovarsi un pubblicista tra i suoi abitanti. E forse hanno anche ragione. Ciò farà sì di ritrovarsi spesso sui giornali e poco importa se alcune volte sarà per raccontare storie di traguardi e successi di singoli o dell’intera comunità. Perché alla fine quello che rimane e fa notizia è sempre il fatto increscioso. Di cose buone si è raccontato in questi ultimi anni e per riscoprirle basta fare un salto negli archivi. Le sgradite. Quelle che hanno conquistato “tagli alti”, sono state le notizie dei continui tagli di pneumatici a malcapitati cittadini; storie di bimbi autistici esclusi da prove di evacuazione a scuola o come quando diverse quantità di aiuti alimentari furono ritrovate in un bosco. Solo per citarne alcuni e prima del grande salto degli ultimi giorni, dove tocca registrare che nel dopo elezioni amministrative la ripicca di una delle parti sconfitte trova sfogo in richieste di sfratti, agli eredi, per defunti da oltre quarant'anni ospitati in cappelle gentilizie. L’ultima, quella che prima di questo intervento si trovava solo su un Social è la madre di tutte. Quella dopo la quale si ritiene necessario debba scattare la richiesta d’aiuto. Un cittadino entra nella chiesa di San Giuseppe interessata dai lavori e si accorge, secondo la sua interpretazione e con immagini fotografiche a supporto, che si stia procedendo alla pitturazione degli interni senza le giuste precauzioni per un dipinto già recuperato dalla Cappella del Carmine e a suo tempo restaurato. Ritenendo la cosa imperdonabile la segnala con un post sulla piazza virtuale. Apriti cielo. Ai commenti dei tanti, preoccupati per il rischio di danni al dipinto, si aggiunge quello del parroco il quale, dopo aver assicurato che "Le cautele sono usate costantemente", si preoccupa di intimare all’autore del post la rimozione della fotografia non autorizzata: "Non puoi né entrare né fotografare senza il mio permesso. Ti invito a rimuovere". Da cittadino, prima ancora che da cronista e da ex membro del Consiglio Pastorale, lascio lo spazio virtuale e mi porto nella realtà dell’ingresso della chiesa. Mentre cerco di raggiungere al telefono il parroco, una persona, forse il titolare della ditta esecutrice dei lavori, al quale ho detto di essere lì anche come giornalista, riferisce che da qualche ora, su indicazione del prete, è scattato il divieto assoluto per chiunque di entrare in chiesa. Un altro signore spiega il perché: "In questo paese la gente è strana, entra ,fotografa…" E’ vero! In questo paese siamo strani. Ormai l’ha capito anche chi ci viene per lavoro, non frequenta luoghi e rimane 9 ore in una chiesa chiusa. Un tempo, dopo che per anni avevamo condiviso il prete con i vicini di Missanello, ci venne assegnato un parroco tutto nostro che seppe afferrarci per mano e condurci sin dove non eravamo forse mai stati. Ci reinsegnò l’umiltà, la tolleranza, il rispetto reciproco e la capacità dell’ascolto. Ecco sarà stata la caduta da quelle Altezze a ridurci come i più siamo oggi. Don Marco Volpe è un buon sacerdote ma forse soffre dell’ombra di quel suo predecessore, volendo stare a quanto riferisce in un post successivo dove ne critica le scelte, condivise dal Consiglio Pastorale che lo affiancava e di cui faceva parte l’autore dello scatto in questione. Quando dopo le mie numerose telefonate a vuoto è lui a chiamarmi, alla richiesta di un giro in chiesa utile magari a placare le polemiche, mi dice che: "Sì il giro lo faremo, ma solo a lavori ultimati". Bene ne prendo atto e faccio notare al parroco che la foto rubata del parrocchiano e la capatina del cronista qualche effetto hanno sortito perché: "Mentre cercavo di parlarti, dal cantiere qualcuno si è precipitato ad acquistare dei teli che evidentemente la ditta non aveva previsto!" E meno male che nelle piccole botteghe del paese si trova sempre tutto! Per le chiavi del senno ci affidiamo anche a preghiere e gesti della nostra guida spirituale.


Paolo Sinisgalli



ALTRE NEWS

CRONACA

15/10/2018 - Le offre stanza poi la violenta, arrestato 41enne originario di Melfi
15/10/2018 - Elezioni in Basilicata forse il 20 gennaio
15/10/2018 - Basilicata. Nove ristoranti su 13 irregolari
15/10/2018 - Maltempo: allerta arancione su Basilicata

SPORT

15/10/2018 - Matera Calcio:Lamberti nuovo socio di maggioranza.Colucci dg
15/10/2018 - 5^ giornata campionati regionali U17 e U15
15/10/2018 - Fine settimana negativo per il settore giovanile del Matera Calcio
15/10/2018 - Prima Ctg/B: il Viggianello cade in casa sconfitto dal Montalbano

Sommario Cronaca                                  Sommario Sport

NEWS BREVI

15/10/2018 16 ottobre 2018: riapertura studio medico Salam c/o Ce.St.Ri.M. Potenza

Lo studio medico Salam – Salute e Pace, attivo presso il Ce.St.Ri.M di Potenza dall’aprile 2017, grazie alla collaborazione di diverse figure professionali volontarie (medici, infermieri, ostetriche, psicologi…) ha avviato un’attività di medicina sociale, indirizzata primariamente (ma non esclusivamente) all’assistenza dei migranti irregolari. Dopo la chiusura estiva l'Ambulatorio riapre domani 16 Ottobre con nuove modalità operative. È possibile prenotare una visita specialistica gratuita chiamando il numero 324 89 69 439 dal lunedì al venerdì dalle 10 alle 13 e dalle 16.00 alle 20.00 e consultando il sito Internet www.cestrim.org e la pagina Facebook del Ce.St.Ri.M. sui quali saranno pubblicate le date e i nomi degli specialisti disponibili. Le visite di medicina generale, al contrario, non richiederanno alcuna prenotazione. Per il mese di ottobre il calendario degli appuntamenti è il seguente: Visite specialistiche (richiesta prenotazione) Martedì 16 Otorinolaringoiatria – dott.ssa Langone Martedì 23 Odontoiatria – dott. Di Trana Mercoledì 24 Neurologia – dott.ssa Acquistapace Visite di medicina generale (senza prenotazione) Giovedì 18 Medicina Interna – dott. Pennacchio ore 11.00-13.0 Venerdì 26 Medicina Generale – dott. Buchicchio ore 16.00-18.00

15/10/2018 Sospensione idrica a Ginestra

Ginestra: a causa di un guasto improvviso, nell'intero abitato potrebbe verificarsi cali di pressione e o mancanza di erogazione idrica dalle ore 09:30 alle ore 16:00 circa di oggi, salvo imprevisti.

14/10/2018 Calcio 1^ Ctg./B:risultati 3^ giornata

Elettra Marconia – Città Dei Sassi Matera 2-1
L.Montescaglioso – Tursi 1-3
Montemurro – VR Episcopia Calcio 2-6
Salandra – Irsina 1-3
Tramutola – Peppino Campagna Bernalda 0-1
Tricarico Pozzo Sicar – Castelsaraceno 2-0
Viggianello – A.Montalbano 0-2

L'eredità di Angela
di Mariapaola Vergallito

Angela Ferrara viveva in un paese, Cersosimo, che siamo abituati a raccontare soltanto spulciando le colonnine infinite dei dati sullo spopolamento. Un paese incastonato tra le montagne del Pollino, in una valle bellissima; uno di quei borghi che non vedi da lontano, ma solo quando esci dalla statale per aggrapparti nei tornanti che collegano l’entroterra lucano a quello calabrese. Negli anni saranno stati tanti i giovani che hanno guardato questo paese con...-->continua



 



Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo