HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

 

 

Elicottero su diga del Pertusillo: 'scaricava acqua'

12/06/2014



Un elicottero in volo sul lago artificiale del Pertusillo in Val d’Agri; una scia di un elemento da lontano poco identificabile che dall’elicottero cade in acqua. Basta qualche scatto fotografico di un cittadino e la pubblicazione sui social network delle foto per far partire, sulla rete, punti di domanda su cosa potesse essere quella sostanza scaricata in acqua. Perché, si sa, il Pertusillo in particolare è giustamente sotto la lente di ingrandimento, al centro di vicende ben note alla cronaca regionale e non solo. E poi, quelli che spesso ingiustamente vengono chiamati allarmisti, sono cittadini che si trovano al posto giusto nel momento giusto e vogliono sapere. E visto che il ruolo dei giornalisti è anche quello di informarsi per informare, abbiamo provato a capire da fonti ufficiali il motivo di quel volo. Abbiamo chiesto informazioni anche all’Ente Parco Nazionale Appennino Lucano. Proprio dall’Ente abbiamo saputo che si tratterebbe di prove tecniche per il funzionamento del carrello che carica e scarica l’acqua per il servizio antincendio. Abbiamo interpellato direttamente il Corpo Forestale dello Stato, tramite l’ufficio stampa, dal quale abbiamo avuto delle precisazioni sui nuovi elicotteri del Corpo Forestale che “saranno in Basilicata dal 15 giugno, presso la base di Pisticci e dal 1 luglio 2014, presso la base di Grumento Nova. Gli elicotteri CFS di stanza in Basilicata, sono del tipo AB 412, la sagoma di velivolo che si vede nella foto potrebbe somigliare di più ad un’altra tipologia (Erikson) che non è di quest’anno”.

MpVerg



ALTRE NEWS

CRONACA

21/04/2019 - Viggianello: una strada comunale interrotta per una frana - VIDEO
21/04/2019 - Senise: atti vandalici davanti a un bar
21/04/2019 - A Metaponto sequestrato un camping
21/04/2019 - Droga.Ferrandina: controllo antidroga in circolo privato. Arrestato un 27enne

SPORT

20/04/2019 - Ritorna alla vittoria il Potenza Calcio
20/04/2019 - P2M En&Gas Potenza,ipoteca sul titolo regionale di Serie D maschile
20/04/2019 - Futsal Senise: i Giovanissimi bissano il primato regionale
20/04/2019 - Rotonda: entra nella prima squadra di calcio amputati del sud

Sommario Cronaca                                  Sommario Sport

NEWS BREVI

21/04/2019 Riaperta al traffico la Strada Provinciale 5 (ex SS 176) nei pressi di Craco

È stata riaperta al transito la Strada Provinciale 5 (ex SS 176), all’altezza del km 4+100, lungo il tratto Pisticci - Craco.
Dopo l’immediata ordinanza di chiusura della strada disposta tre giorni fa a seguito di controlli che evidenziavano un cedimento di un muro andatore sui cui poggia la rampa di accesso al noto ponte Bailey, la Provincia di Matera si è tempestivamente adoperata per mettere in sicurezza quella zona e garantire così la pubblica incolumità degli utenti.
Già ieri mattina, infatti, dopo l’intervento di somma urgenza effettuato, si è proceduto alla riapertura della strada provinciale al transito dei mezzi.

20/04/2019 Sospensione idrica oggi 20 Aprile in Basilicata

Potenza: a causa deld protrarsi dei lavori di riparazione, l'erogazione idrica in contrada Poggio Cavallo, contrada Rossellino, via Rifreddo e via De Nicola resterà sospesa fino alla mezzanotte.

19/04/2019 Sospensione idrica a Rionero In Vulture

Rionero in Vulture: per consentire lavori di manutenzione straordinaria del serbatoio cittadino, martedì 23 aprile l’erogazione idrica sarà sospesa dalle ore 14 alle ore 7 del mattino successivo, salvo imprevisti. La sospensione riguarderà l’intero abitato ad eccezione delle frazioni di Monticchio e delle seguenti zone: contrada Scascione, contrada Ventaruolo, contrada Colonnello, via del Brigantaggio, via Padre Tortorella, viale della Bramea, via della Ninfea Bianca, via Alborella Vulturina, via Fontana Castagno e strade limitrofe.

Noi e quella sacrosanta ''cultura del territorio''
di Mariapaola Vergallito

“I lucani conoscono la frana. I contadini lucani sono vissuti da sempre con la frana, l’orecchio teso a quel fremito oscuro, l’occhio attento a scrutare le rughe della terra. Ma un tempo nessuno la violentava la terra. La temevano, la rispettavano. Istintivamente si tramandavano quella che modernamente si è poi chiamata “cultura del territorio”. Oggi, nell’era della scienza, è proprio quella cultura che è venuta meno. Dalle paure ancestrali si è passati al s...-->continua



 



Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo