HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

 

 

'Verità sulla morte di mio figlio':la lettera del padre di Antonio Rossi

11/06/2014



Riceviamo e pubblichiamo la lettera aperta che il signor Vincenzo Rossi, padre di Antonio, un ragazzo lucano ucciso un anno fa in Brasile e di cui abbiamo più volte raccontato, ha inviato alle Istituzioni e alla stampa. E’ ormai trascorso più di un anno e mezzo da quel tragico giorno (era il 21 Marzo 2013) in cui ha perso la vita mio figlio Antonio: un giovane come tanti altri di questa nostra amata Regione che un po’ per scelta un po’ per necessità e per seguire le orme paterne, si era ormai praticamente trasferito in via definitiva nella fiorente città di Curitiba, capitale dello Stato del Paranà in Brasile, dove appunto ha trovato la morte.

Un anno e mezzo fatto di silenzi: silenzi delle Istituzioni locali, silenzi degli Organi di Stampa, silenzi degli Organismi internazionali: un silenzio talmente assordante che mi ha costretto come padre a prendere l’iniziativa a scrivere questa lettera a cuore aperto, affinché mio figlio Antonio non venga dimenticato, ed affinché vengano assicurati alla giustizia i colpevoli di questo scellerato delitto.

Un anno e mezzo che mi ha purtroppo regalato solo due certezze: la prima più scontata che mio figlio non c’è più e la seconda ( forse altrettanto scontata) che la morte non è uguale per tutti: che ci sono morti di serie A e morti di serie B; che forse se questo tragico fatto di cronaca avesse interessato qualche notabile locale, avrebbe avuto ben altro risaldo mediatico e forse, quel che più conta, avrebbe doverosamente obbligato tutte le Autorità a cimentarsi con il caso, ad affrontarlo ed a risolverlo.

Nulla di tutto ciò è accaduto sino ad oggi: i colpevoli della morte di mio figlio sono ancora liberi, benché, come dirò a breve, si sappia chi siano e dove si trovino.

La colpevole latitanza delle istituzioni mi ha fatto assumere personalmente le vesti di un inquirente, costringendomi nuovamente a recarmi in Brasile, per cercare di fare luce il più possibile in questa assurda vicenda.

Ecco che nel gennaio di questo anno mi sono recato in Brasile, convinto ovviamente che la morte di Antonio non fosse il frutto di una maldestra rapina, ma fosse solo il risultato di un piano criminoso architettato da mandati e portato a termine da vili esecutori, ben conosciuti al mandante.




1
Recatomi quindi in Brasile, prendevo contezza che tutti gli elementi in mano agli inquirenti brasiliani avrebbero dovuto traghettarli naturalmente verso la soluzione del caso. Da qualche anno mio figlio Antonio si era ben inserito nel contesto lavorativo e sociale di Curitiba, gestendo in qualità di amministratore un “ Super condominio” occupato da centinaia di famiglie. Sono rimasto trenta giorni in Brasile e leggendo le carte in mano agli inquirenti locali, ho avuto modo di leggere con attenzione le circa 300 pagine di risultati investigativi.

Nel fascicolo di Antonio aperto per omicidio, si ricostruisce con assoluta precisione la dinamica del delitto, il suo mandante, e l’architettura complessiva dell’intento criminoso.

Tre risultano chiaramente essere i protagonisti morali e materiali dell’effettato omicidio:
Il primo è il “ finto rapinatore” che si è avvicinato ai miei figli Antonio e Carmine e che ha sparato freddamente prima ad Antonio uccidendolo e cercando di colpire Carmine che per pura fortuna si è sottratto alla furia del Killer.
Il secondo era il palo rimasto in piedi e che ha dato l’Ok all’esecuzione materiale per colpire ed il terzo ( fratello del finto rapinatore) il complice in macchina che ha facilitato la fuga servendosi di una golf nera.

Nelle sommarie informazioni acquisite dagli inquirenti emergono molte contraddizioni: ad esempio, prima un teste riferisce che la Golf nera usata dai Killer fosse rimasta quel giorno in officina;
poi invece usata dai malviventi viene dichiarato dall’autista della moglie del presunto mandante, che quel giorno era ferma sotto casa sua. Dichiarazione, successivamente, smentita dallo zio del sig. Alexandro dichiarando che la golf usata dal nipote non e’ stata mai parcheggiata sotto casa sua.

La dichiarazione esposta dal parcheggiatore che ha venduto il grattino che per una settimana parcheggiavano sempre alla stessa ora ( 12.30 / 13.30) mentre il giorno 21/03/2013 alle 13.15 notando che il conducente della Golf nera era agitato ed ansioso, preoccupandosi addirittura di coprire con la propria persona la targa dell’autovettura.

Risultano agli atti anche le minacce telefoniche e per via telematica, subite da mio figlio dal mandante dell’omicidio e poi confermate per mezzo mail dal Sig. Marcus dell’Ufficio per l’impiego del Lavoro di Curitiba

La complessa ma per me chiara genealogia dell’omicidio, si colora in seguito di ulteriori precise ed univoche circostanze: viene ucciso in circostanze misteriose lo stesso killer di Antonio e soprattutto il presunto mandante dell’omicidio dopo pochi mesi e precisamente l’11/06/2013 lascia impunito il Brasile, insieme alla sua famiglia, per fare retta su Monaco in Germania, dove tutt’oggi vive indisturbato.

Una copia del fascicolo della polizia brasiliana è stata da me consegnate presso l’Ambasciata brasiliana in Roma, nelle mani del Sig. JOAN PAULO TAVARES ( Segretario dell’ambasciatore) il quale è stato uno dei pochi personaggi delle Istituzioni a starci vicino ed a cercare di risolvere definitivamente tutta la situazione, al fine di scoprire la verità, saziando la legittima sete di giustizia del sottoscritto e di tutta la mia famiglia.




2
Per ovvie ragioni in questa sede non posso nominare per ovvie ragioni il vero responsabile dell’omicidio di Antonio, il mandante: ma tutte le indagini si orientano in un’unica direzione; non si può sbagliare: basterebbe solo leggere il fascicolo ed attivarsi. E’ proprio questo che chiedo a tutte le autorità: di attivarsi prontamente, di accelerare le indagini, di catturare ed assicurare alla giustizia questo losco individuo.

Voglio precisare, inoltre, che mio figlio Carmine il giorno 22/03/2013, presso la stazione dei Carabinieri di Villa d’Agri, ha fatto il riconoscimento fotografico del killer e del conducente dell’autovettura ( che troverete in allegato). Vorrei sapere e capire dove sta fermo questo verbale.

Inoltre Vi informo che mio figlio Carmine, si è recato direttamente nella polizia omicida dove ha riconfermato che il giorno 21/03/2013 i veri killer individuati sono quelli in quanto al momento dell’aggressione erano a viso scoperto.

Io ovviamente, rimango a disposizione di tutti: della Magistratura, degli Organi di stampa, delle istituzioni: mi sta a cuore solo e soltanto una cosa ormai, non potendo più abbracciare e baciare mio figlio: che si faccia giustizia e che il mandante insieme all’organizzazione messa in piedi, di un delitto tanto vigliacco, quanto feroce, passino il resto della loro vita in galera.




ALTRE NEWS

CRONACA

18/05/2019 - Bolognetti: ‘Non si risparmia su pluralismo e conoscenza’
18/05/2019 - Parco del Pollino in credito di 282 mila euro con la Regione Basilicata
18/05/2019 - Criticità settore agricolo metapontino: riunione in prefettura
17/05/2019 - Un lucano in corsa per la Casa Bianca

SPORT

18/05/2019 - PM Asci Potenza,la salvezza affidata alla gara di spareggio
18/05/2019 - Potenza vs Catania,presentazione del tecnico Raffaele
17/05/2019 - Play-out. PM Asci Potenza: basta un'altra vittoria per la salvezza
16/05/2019 - Bernalda Futsal, verso la finale play off.Do Amaral:“Metteremo il cuore in campo

Sommario Cronaca                                  Sommario Sport

NEWS BREVI

17/05/2019 Sospensione idrica San martino

Palazzo San Gervasio: a causa di un guasto improvviso, l'erogazione idrica sarà sospesa in via Roma dalle ore 13:30 alle ore 17:30, salvo imprevisti
Armento: per consentire il ripristino del livello dei serbatoi, l'erogazione dell'acqua potabile sarà sospesa in contrada Barone dalle ore 21:00 di oggi alle ore 08:00 di domani mattina, salvo imprevisti.
San Martino d'Agri: per consentire il ripristino del livello dei serbatoi, l'erogazione dell'acqua potabile sarà sospesa dalle ore 22:30 di oggi alle ore 08:00 di domani mattina salvo imprevisti.
Venosa: a causa di un guasto improvviso l'erogazione idrica sarà sospesa dalle ore 09:00 alle ore 12:00, salvo imprevisti, nell'intero centro storico: via Garibaldi, corso Vittorio Emanuele II, via Frusci, via Annunziata, via Roma e strade limitrofe.

16/05/2019 Nel 2019 i reati sono in calo del 14/7%

(ANSA) - POTENZA, 16 MAG - In Basilicata, nel 2019, i reati sono "in calo del 14,7 per cento rispetto al primo trimestre di un anno fa. In particolare, a Matera il calo è del 14,4%, a Potenza del 14,9%": Lo ha reso noto stamani il Ministero dell'Interno.
"Si riducono - è stato precisato - anche gli stranieri ospiti delle strutture di accoglienza. In tutta la regione erano 2.377 al 13 maggio 2018, diventati 1.696 al 13 maggio 2019 ( calo del 28,65%): a Matera il calo è del 33,28%, a Potenza del 26,88%".
"Con il Decreto Sicurezza Bis - è scritto nella nota - il Viminale individua nuove misure per potenziare la lotta alla immigrazione clandestina e tutelare le Forze dell'ordine".
"Vogliamo fare sempre di più e meglio - ha spiegato il ministro dell'Interno Matteo Salvini - i numeri sono rassicuranti ma non ci accontentiamo. Abbiamo segnalato agli amministratori locali nuovi strumenti, in collaborazione con le prefetture, per aggredire le grandi piazze di spaccio, isolare balordi e sbandati, per effettuare sgomberi".

14/05/2019 Comunicazione di sospensione idrica oggi 14 Maggio in Basilicata

Senise: a causa di un guasto improvviso l'erogazione idrica in via Donnaperna, via Cairoli e via Rinaldi sarà sospesa dalle ore 09:30 di oggi fino al termine dei lavori di riparazione.
Lagonegro: a causa di un guasto improvviso l'erogazione idrica in viale Colombo e nelle località Verneta e Cappella resterà sospesa fino alle ore 11:00 di oggi, salvo imprevisti.

La pesante leggerezza dell'ipocrisia. Dedicato ai fatti di Manduria
di Giovanni Paolo Ferrari

Incubi riaffiorano alla memoria e con loro alcune delle molte vittime del bullismo e dell’omertà nei nostri paesini... Tra tutti due donne povere e anziane che non avevano mai fatto del male a nessuno: Lucia detta “a Vertel” a Nemoli e un’altra “povera crista” che viveva in Piazza Plebiscito a Sapri e della quale pur sforzandomi non ricordo il soprannome (il nome non l’ho mai saputo...). Unica colpa delle due poverette? Aver perso un po’ il senno durante la ...-->continua



 



Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo