HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

 

 

Coordinamento 4 giugno: le ragioni della protesta

6/06/2014



Mercoledì 4 giugno, fuori dai cancelli della Regione Basilicata, mentre era in corso l’incontro tra il Governatore Marcello Pittella ed il Ministro dello Sviluppo Economico Federica Guidi, cinquantasei tra associazioni e comitati – unite nel “Coordinamento 4 giugno”, voce delle migliaia di cittadini lucani a queste aderenti – hanno manifestato il loro dissenso sulle scelte dell’uso del territorio centrato quasi esclusivamente sulle estrazioni petrolifere, sulle devastazione di impianti da fonti di energia alternative invasivi ed inceneritori. Insediamenti “industriali” che finora hanno favorito principalmente gli interessi delle lobby del petrolio, delle rinnovabili e delle discariche, non della popolazione che invece risulta scippata delle sue risorse naturali ed impoverita. Un uso ed un abuso non più tollerabile della Lucania, individuata come “panacea” dei mali della Nazione. Dopo il presidio dinanzi alle porte di Via Verrastro ed il successivo Forum delle associazioni, che pubblicamente hanno descritto le emergenze del territorio, escluse incomprensibilmente con le loro istanze dal tavolo istituzionale, due rappresentanti del Coordinamento hanno consegnato al portavoce del Governatore Pittella, il dott. Nino Grasso, un documento redatto ed approvato dall’intero “Coordinamento 4 Giugno”. Questo racchiude le aspettative della popolazione Lucana, che chiede di essere ascoltata e che non si riconosce nella passiva sottomissione al Governo centrale così come avvenuto durante l’incontro con il Ministro Guidi. È la gente della Lucania che orgogliosamente esprime la ferma volontà di tutela del territorio, che si attende dai vertici della Regione Basilicata e da quelli dello Stato un modello di sviluppo economico basato sul rispetto della vera e genuina identità di questa Regione, dove è possibile uno sviluppo alternativo fondato sui principi del riconoscimento della ricchezza umana e ambientale del territorio, della sua valorizzazione, puntando al rispetto delle peculiarità storiche e dell’accoglienza della sua gente. Beni posti a servizio dell’Uomo, nel rispetto della Vita. Il “manifesto” del Coordinamento delle associazioni, dopo essere stato depositato negli uffici della presidenza della Regione Basilicata, presto raggiungerà i vertici del Governo e soprattutto le città della Lucania per essere discusso con tutti i cittadini.
Seguono le sigle delle associazioni.

Coordinamento 4 giugno

Altragricoltura, Associazione Cova Contro, Associazione Intercomunale Lucania, Associazione Punto Zero, Associazione Torre Ardente, Collettivo 10 Maggio, Comitato Ariapulita Basilicata, Comitato No-Petrolio Picerno, Comitato No-Petrolio Vallo di Diano, Coordinamento No-Triv Basilicata, Coordinamento Regionale Acqua Pubblica, Associazione Futura, Gruppo di Coordinamento Vulture – Alto Bradano, Mediterraneo No-Triv, O.L.A., ITACA Basilicata, Onda Rosa, Coordinamento Regionale l’Altra Europa con Tsipras, Movimento Liberiamo la Basilicata, Radicali Lucani, F.I.O.M. Basilicata, Rifondazione Comunista di Basilicata, S.E.L. – Basilicata, Movimento Cinque Stelle, “Il sindacato è un’altra cosa-opposizione in Cgil”, Pisticci Scalo Pulita, WWF- Basilicata, Karakteria, Cantinando-Barile, Centro di Documentazione Associazione Michele Mancino - Osservatorio Migranti Basilicata, Cobas Scuola Potenza, USB Basilicata, Forum Ambientale – Pomarico, Associazione culturale "Oltre", Movimento Musicale di CulturAttiva: Abbondanza Frugale per Tutti, Partito Comunista dei Lavoratori, Arca Lucana x la Legalità, Associazione Equomondo Potenza, Circolo Arci Casa 28 di Rionero in Vulture, Movimento meridionalista Unione Mediterranea, il Grillaio, Comitato AcquaBeneComune Altamura, Comitato RifiutiZero Altamura, GAS Chiacchiereffrutt di Altamura e COBAS Scuola Altamura, FAP (Forum Ambientale Permanente) di Pisticci, Redazione Rivista "Valori" di Rionero in Vulture, CUB (Comitati Unitari di Base) di Basilicata, Azione Civile Ingroia Basilicata, Arci Laurenzana "Ricomincio da te", Ass. p.s. "La nuova Cittadella " di Bucaletto, Associazione Lucanapa, Comitato "Ferrandina Vuole Vivere", LIBERA Basilicata, Forum delle associazioni per la tutela della salute e della legalità "Stefano Gioia", Comitato Tito No Biomassa, Italia Nostra – sezione Vulture/Alto Bradano.



ALTRE NEWS

CRONACA

17/08/2018 - Senise: auto in fiamme sotto Sinnica. Statale bloccata
17/08/2018 - Il Parco Appennino Lucano delibera il piano di gestione del cinghiale 2018/2023
17/08/2018 - Metaponto: Polizia Ferroviaria denuncia tre giovani per droga
17/08/2018 - Variati e Valluzzi: ‘30 mila Ponti e gallerie da monitorare’

SPORT

17/08/2018 - Lagonegro. Coppa Avis: Kemboi da spettacolo
17/08/2018 - Matera,il portiere Ioime passa al Potenza
17/08/2018 - Maurizio Cosentino passa dal Picerno all’Ascoli in Serie B
17/08/2018 - Zaza:si allontana la Sampdoria,in vantaggio il Torino

Sommario Cronaca                                  Sommario Sport

NEWS BREVI

16/08/2018 Sospensioni idriche 16 agosto 2018

Lauria: per consentire il ripristino del livello dei serbatoi, l'erogazione dell'acqua potabile nelle contrade Parco Carroso e Piano Focara sarà sospesa dalle ore 23:30 di oggi alle ore 06:30 di domani mattina salvo imprevisti.
per consentire il ripristino del livello dei serbatoi, l'erogazione dell'acqua potabile nelle contrade Carroso e Timpa d'Elce sarà sospesa dalle ore 23:30 di oggi alle ore 06:30 di domani mattina salvo imprevisti.

16/08/2018 Sospensione idrica a Matera

Matera: a causa di un guasto improvviso l'erogazione idrica sarà sospesa dalle ore 09:30 di oggi fino al termine dei lavori, nelle seguenti zone: via Lucana (nei pressi della Milizia), via Verricelli, via Cappuccini.

14/08/2018 Sospensioni idriche

Salandra: per consentire il ripristino del livello dei serbatoi, l'erogazione dell'acqua potabile sarà sospesa dalle ore 22:00 di oggi alle ore 07:00 di domani mattina salvo imprevisti.

Dice che era un bel torrente ma non andava più al mare
di Mariapaola Vergallito

“Dice che era un bel progetto e serviva a creare/ la deviazione di un torrente per distrarlo dal mare; ma dall’idea alla realizzazione passarono 40 anni, giusto il tempo di essere deviata e l’acqua cominciò a far danni”.

Scusate, non ho resistito. E’ 4 marzo, del resto, e chiedo scusa a Lucio Dalla per questa scapestrata citazione. C’è qualcun altro, però, che dovrebbe chiedere scusa, oggi. Proprio oggi che il torrente Sarmento, deviato in parte dal...-->continua



 



Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo