HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

 

 

Un impianto di trattamento e valorizzazione RSU a Senise?

1/06/2014



Quasi 20 milioni di euro: è l’investimento previsto dall’accordo base sottoscritto lo scorso 12 maggio a Potenza alla presenza, tra gli altri, di Cgil, Cisl e Uil, del sindaco di Senise Giuseppe Castronuovo, di Michele Martino di Confindustria Basilicata e del legale rappresentante di Nep Italy Srl, Ruggero Bonaventura. L’accordo riguarda il programma di reindustrializzazione dei siti produttivi inattivi e, nel caso particolare, quello della Me.Com. srl di Senise. Tra i progetti di reindustrializzazione, al primo posto c’è proprio quello della Nep Italy srl. Ne ha parlato, per la prima volta in pubblico, il sindaco di Senise nel corso dell’ultimo consiglio comunale (29 maggio) arrivando al punto dell’ordine del giorno “Comunicazioni del Sindaco”(nella convocazione del Consiglio il punto relativo all'impianto non compariva nello specifico). La Nep Italy ha presentato un progetto di realizzazione di un “impianto multifunzionale per il trattamento dei rifiuti solidi urbani con 3 linee di produzione: quella di CSS (combustibili solidi secondari) a partire da RSU (rifiuti solidi urbani) e altri rifiuti secchi; la valorizzazione dei rifiuti provenienti dalla Raccolta Differenziata; l’Impianto Mobile di recupero degli inerti”.

L’occupazione prevista è pari a “53 unità lavorative tra cui 22 unità dalla cessata attività della Me.Com. srl”.

L’impianto, come si legge nel progetto, è dimensionato “per trattare circa 85mila tonnellate di RSU indifferenziato, pari a circa 270 tonnellate al giorno”.

Il SitoLa società si impegna a trovare un sito diverso da quello degli stabilimenti dell’azienda individuata per il progetto di reindustrializzazione (sita nell’area industriale senisese, ad un passo dall’invaso di Montecotugno e in mezzo a centro commerciale, strutture ricettive e altre aziende di varia natura). Ancora non è stata ufficialmente individuata la zona, che, da programma, non deve essere al di là di un perimetro di 50 chilometri dal territorio senisese. Da notizie non ufficiali apprese dalla nostra redazione uno dei luoghi potrebbe trovarsi in un’area (Santa Lucia) non molto distante dalla vecchia discarica di Senise, ora dismessa. Ma, anche in quel caso, si verificherebbe la vicinanza con un ramo dell’invaso di Montecotugno.

Trattamento di quali rifiuti?Tecnicamente, come letto nel progetto, l’impianto dovrebbe trattare, annualmente, 85mila tonnellate di RSU indifferenziato, vale a dire quella parte di immondizia che, appunto, non differenziamo come plastica, carta o altro. C’è, però, già chi storce il naso di fronte a questa misura, vista come troppo alta rispetto alle quantità di indifferenziato prodotte in Basilicata, in considerazione alla speranza e al lavoro che si sta facendo per fare crescere le percentuali di raccolta differenziata.

I codici Ateco Il sito della Nep Italy srl (non siamo riusciti a capire, da una prima ricerca in rete, la provenienza e il domicilio giuridico della società neanche dopo aver contattato l’assessore comunale alle politiche ambientali Antonio Uccelli) svolgerà attività per i “seguenti codici Ateco 2007 (che rigradano la tipologia di rifiuti trattati): 38.32.00 (recupero e cernita materiali); 38.32.10 (recupero e preparazione per il riciclaggio di cascami e rottami metallici); 38.32.20 (recupero e preparazione per il riciclaggio del materiale plastico per la produzione di materie prime); 38.32.30 (recupero e preparazione per il riciclaggio di solidi urbani, industriali e biomasse plastiche, resine sintetiche). Infine: 38.21.09 (trattamento e smaltimento di altri rifiuti non pericolosi).
Rispetto a quest’ultimo punto, nell’accordo si precisa che “l’azienda si impegna a definire in dettaglio i materiali da trattare al momento della presentazione del Business Plan.

Attraverso lettori ottici e diversi livelli di vagliatura i rifiuti vengono separati: i materiali ferrosi, l’alluminio, la carta e la plastica vanno “a recupero”. Nel progetto c’è un paragrafo dedicato al percolato, quello “prodotto dalle operazioni di trattamento RSU, dal lavaggio pavimentazioni industriali e dal biofiltro. Il percolato sarà raccolto in rete separata e avviato a stoccaggio temporaneo e quindi a smaltimento presso impianti terzi autorizzati”. Occorrerebbe specificare in quali impianti autorizzati.

Si auspica, comunque, che nel più breve tempo possibile possa essere organizzato un incontro pubblico adeguatamente divulgato affinchè partecipino quanti più cittadini possibile, per capire, soprattutto da un punto di vista tecnico, esatta tipologia e dimensioni di questo impianto. L’assessore comunale alle politiche ambientali Antonio Uccelli ci fa sapere che l’incontro sarà al più presto convocato specificando che non si tratta di un progetto esecutivo ma che "l'ultima parola spetterà all'amministrazione di Senise".

L’azienda si è impegnata a presentare documentazione entro e non oltre il 15 giugno.

Ma la Me.Com. srl non sa nulla del progetto Intanto, però, abbiamo contattato telefonicamente Carmelo Pangaro, titolare della Me.Com srl, l’azienda che dovrebbe essere il sito produttivo “inattivo” secondo quanto letto nell’accordo. “Ho sottoscritto, tempo fa, un protocollo d’intesa con la Regione Basilicata per eventualmente mettere a disposizione il mio sito per progetti di reindustrializzazione. Da allora non ho saputo più nulla”. Nell’accordo base sottoscritto a Potenza a maggio, infatti, non compare la firma di alcun rappresentante della Me.Com. srl. “E’ a dir poco strano, per non dire altro, che io venga a sapere non in maniera ufficiale ma da voci di corridoio e quasi per caso quello che sta accadendo. Come è improprio definire la mia azienda, nel documento sottoscritto, inattiva dando per scontato la mia attività come “cessata”. Per carità: i primi ai quali va garantito un futuro sono i lavoratori e se c’è la possibilità che vengano reintegrati bisogna farlo. Ma la mia azienda non chiude. Trovo, inoltre, anomalo che a mia insaputa e, da quello che mi risulta, da fonti non istituzionali, siano stati richiesti dati sensibili riguardanti proprio i lavoratori. Andrò a fondo di questa vicenda”.



Mariapaola Vergallito

foto di repertorio



ALTRE NEWS

CRONACA

21/04/2019 - Viggianello: una strada comunale interrotta per una frana - VIDEO
21/04/2019 - Senise: atti vandalici davanti a un bar
21/04/2019 - A Metaponto sequestrato un camping
21/04/2019 - Droga.Ferrandina: controllo antidroga in circolo privato. Arrestato un 27enne

SPORT

21/04/2019 - Karate: Pasqua d'oro a Rabat
20/04/2019 - Ritorna alla vittoria il Potenza Calcio
20/04/2019 - P2M En&Gas Potenza,ipoteca sul titolo regionale di Serie D maschile
20/04/2019 - Futsal Senise: i Giovanissimi bissano il primato regionale

Sommario Cronaca                                  Sommario Sport

NEWS BREVI

21/04/2019 Riaperta al traffico la Strada Provinciale 5 (ex SS 176) nei pressi di Craco

È stata riaperta al transito la Strada Provinciale 5 (ex SS 176), all’altezza del km 4+100, lungo il tratto Pisticci - Craco.
Dopo l’immediata ordinanza di chiusura della strada disposta tre giorni fa a seguito di controlli che evidenziavano un cedimento di un muro andatore sui cui poggia la rampa di accesso al noto ponte Bailey, la Provincia di Matera si è tempestivamente adoperata per mettere in sicurezza quella zona e garantire così la pubblica incolumità degli utenti.
Già ieri mattina, infatti, dopo l’intervento di somma urgenza effettuato, si è proceduto alla riapertura della strada provinciale al transito dei mezzi.

20/04/2019 Sospensione idrica oggi 20 Aprile in Basilicata

Potenza: a causa deld protrarsi dei lavori di riparazione, l'erogazione idrica in contrada Poggio Cavallo, contrada Rossellino, via Rifreddo e via De Nicola resterà sospesa fino alla mezzanotte.

19/04/2019 Sospensione idrica a Rionero In Vulture

Rionero in Vulture: per consentire lavori di manutenzione straordinaria del serbatoio cittadino, martedì 23 aprile l’erogazione idrica sarà sospesa dalle ore 14 alle ore 7 del mattino successivo, salvo imprevisti. La sospensione riguarderà l’intero abitato ad eccezione delle frazioni di Monticchio e delle seguenti zone: contrada Scascione, contrada Ventaruolo, contrada Colonnello, via del Brigantaggio, via Padre Tortorella, viale della Bramea, via della Ninfea Bianca, via Alborella Vulturina, via Fontana Castagno e strade limitrofe.

Noi e quella sacrosanta ''cultura del territorio''
di Mariapaola Vergallito

“I lucani conoscono la frana. I contadini lucani sono vissuti da sempre con la frana, l’orecchio teso a quel fremito oscuro, l’occhio attento a scrutare le rughe della terra. Ma un tempo nessuno la violentava la terra. La temevano, la rispettavano. Istintivamente si tramandavano quella che modernamente si è poi chiamata “cultura del territorio”. Oggi, nell’era della scienza, è proprio quella cultura che è venuta meno. Dalle paure ancestrali si è passati al s...-->continua



 



Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo