HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

 

 

Nidi di Grifone nel Parco del Pollino e Val d'Agri - Lagonegrese

30/05/2014



La primavera 2014 ha portato buone notizie per il nucleo di grifoni reintrodotti nel Parco Nazionale del Pollino e attualmente gravitanti in un’area più ampia posta a cavallo tra Calabria e Basilicata.
Grazie agli sforzi profusi nel corso degli anni da parte del Parco Nazionale del Pollino, infatti, sono attualmente monitorati 4 siti di nidificazione di grifone: due a Civita (CS), nell’area di rilascio, e due a San Martino d’Agri (PZ), nel territorio del Parco Nazionale dell’Appennino Lucano Val d’Agri Lagonegrese.
Il progetto di reintroduzione nel Parco Nazionale del Pollino ebbe inizio nel 2002 con l'arrivo del primo nucleo di Grifoni provenienti dalla Spagna (GREFA); contestualmente iniziarono le attività di monitoraggio ed alimentazione, condotte con cadenza settimanale per oltre dieci anni (ed ancora in corso). Solo nel 2012, nel corso di queste attività di routine, i ricercatori dell’Ufficio Conservazione del Parco osservavano le prime nidificazioni in due siti posti sulle pareti del Torrente Raganello (Civita). Nello stesso anno, grazie all'ausilio della radiotelemetria, si iniziavano a registrare movimenti di Grifoni tra l'area di rilascio e il Parco Nazionale dell'Appennino Lucano, dove successivamente veniva segnalato un tentativo di nidificazione.
Passando per il 2013, in cui al Pollino si ripeteva sostanzialmente lo stesso scenario dell’anno precedente, nel 2014, oltre alle consuete attività di monitoraggio nell'area del Raganello, si è ritenuto opportuno, in accordo con alcuni ricercatori volontari operanti nel Parco Nazionale dell’Appennino Lucano, il Dott. Remo Bartolomei ed il Dott. Antonio Luca Conte, indagare in modo più approfondito, sulle ormai sistematiche escursioni (circa 50 km. in linea d'aria) di alcuni individui nel Parco confinante. È proprio grazie a questa collaborazione che è stata accertata la presenza di quattro pulcini, due per area protetta (e attualmente in stadi di sviluppo diversi), in un ampio contesto ambientale, difficile da prevedere all’origine, ma apparentemente considerato da questi avvoltoi come un’unica area in cui alimentarsi e riprodursi. Infatti, attraverso osservazioni dirette, fototrappolaggio e radiotelemetria si è constatato che i singoli componenti delle coppie nidificanti in Val d’Agri si alimentano regolarmente e a turno al carnaio del Pollino.
Il consolidamento del nucleo reintrodotto a Civita, la colonizzazione di territori limitrofi e la presenza di individui provenienti da altre aree di reintroduzione (ad esempio Abruzzo e Sicilia) e da altri paesi d’Europa (come la Spagna, la Francia e la Croazia) ripaga gli sforzi effettuati nel corso degli anni e suggerisce l’adozione, da parte dei due parchi lucani, di una strategia comune di gestione finalizzata a garantire la permanenza nell’area di questi preziosi spazzini dell’ambiente.



foto di Roberto Fittipaldi



ALTRE NEWS

CRONACA

20/04/2018 - Nella sua casa un 30enne morì per overdose: Riesame annulla misura cautelare
20/04/2018 - Basilicata. Matera: sorpreso in casa con quasi mezzo chilo di droga
20/04/2018 - Tempa rossa, firmato accordo tra Comune di Taranto e imprese
20/04/2018 - Rotonda: vince causa contro l’Inps per la restituzione di 159 mila euro

SPORT

20/04/2018 - Baseball FIBS,esordio dei Kings Rivello
20/04/2018 - Promozione: presidente e allenatore raccontano l’impresa del Rotunda Maris
20/04/2018 - Basket: Olimpia Matera, obbligatorio vincere
19/04/2018 - Eccellenza: Senè, il goleador che sta trascinando il Rotonda in Serie D

Sommario Cronaca                                  Sommario Sport

NEWS BREVI

20/04/2018 "Welfare aziendale: un premio alla produttività aziendale"

Oggi 20 Aprile presso il Comincenter in Piazza Matteotti a Matera a partire dalle ore 15.30 si terrà il Workshop dal tema:

"Welfare aziendale: un premio alla produttività aziendale"

L'evento è una tappa di avvicinamento al Convegno Nazionale AIDP che si terrà a Napoli il 25 e 26 Maggio e vede la presenza dei Presidenti di Confindustria Basilicata, Federmanager Basilicata e AIF Basilicata oltre la partecipazione della Presidente Nazionale di AIDP Isabella Covili Faggioli. La tavola rotonda sarà poi un momento di confronto con esperti del settore e la presentazione di due case history aziendali: Brecav Srl e Calia Trade Spa.
A seguire ci sarà l'aperitivo conviviale e di networking.
Questo convegno rappresenta il primo di una serie d'incontri che come AIDP Basilicata inizieremo a promuovere sul territorio.
Vi aspettiamo numerosi e per ogni info potete contattare direttamente la Segreteria


18/04/2018 Comunicazione sospensione idrica Basilicata 18 Aprile 2018

Lauria: a causa di un guasto improvviso l'erogazione idrica sarà sospesa dalle ore 09:00 alle ore 15:00 di oggi salvo imprevisti, nelle seguenti contrade: Galdo, Mosella, Piano Menta, Melara, S. Crispino, Taverna del Postiere, S. Elia, Madama Angiolella, Montegaldo e Cesinelle.
Rapolla: a causa di un guasto improvviso l'erogazione idrica in contrada Marciano resterà sospesa fino alle ore 12:30, salvo imprevisti.
Potenza: a causa di un guasto improvviso l'erogazione idrica in Largo Pignataro, via Serrao, Largo Isabelli, vico Grippo e zone limitrofe del centro storico, resterà sospesa fino alle ore 19:00, salvo imprevisti.
Tito: per consentire l'esecuzione di lavori su condotte, l'erogazione dell'acqua potabile nella zona ex Asi di Tito Scalo potrebbe subire cali di pressione fino alle ore 15:00 di domani salvo imprevisti.

16/04/2018 Sospensioni idriche 17 aprile 2018

Nova Siri: per consentire l'esecuzione di lavori di riparazione in viale Europa, nella giornata di domani l'erogazione idrica a Nova Siri paese sarà sospesa dalle ore 10:00 alle ore 22:00, salvo imprevisti.

Dice che era un bel torrente ma non andava più al mare
di Mariapaola Vergallito

“Dice che era un bel progetto e serviva a creare/ la deviazione di un torrente per distrarlo dal mare; ma dall’idea alla realizzazione passarono 40 anni, giusto il tempo di essere deviata e l’acqua cominciò a far danni”.

Scusate, non ho resistito. E’ 4 marzo, del resto, e chiedo scusa a Lucio Dalla per questa scapestrata citazione. C’è qualcun altro, però, che dovrebbe chiedere scusa, oggi. Proprio oggi che il torrente Sarmento, deviato in parte dal...-->continua



 



Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo