HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

 

 

Il Rettore Fiorentino rinuncia alla proroga: "Scelta personale e irrevocabile"

14/05/2014



Il Rettore dell’Università degli studi della Basilicata, Mauro Fiorentino, ha rinunciato alla possibilità di proroga di due anni (prevista dalla legge 240 del 2010) dell’attuale mandato: lo ha comunicato in una nota inviata ai componenti del Senato Accademico, del cda e ai docenti che hanno presentato la candidatura per il sessennio 2014-2020, precisando che si tratta di una “decisione, personale e irrevocabile”, e di “non aver posto personalmente la questione dell’applicabilità” della proroga.
“Non avevo mai pensato di dover gestire, al termine del mio mandato, una situazione come questa - ha detto Fiorentino nella nota - per di più in un contesto generale e locale che ha mostrato ancora una volta come sia possibile che, improvvisamente, si concretizzino situazioni la cui soluzione diventa di esclusiva responsabilità del Rettore, con chiavi di lettura del suo operato che si alimentano, ahimè, più nella superficialità e nella faziosità che nel tentativo di condividerne il peso in un’analisi rigorosa e accademicamente laica”.
Il Rettore ha poi voluto aggiungere di aver assunto “questa decisione come inequivocabile gesto di servizio alla comunità accademica e ai territori più direttamente interessati, con la motivazione principale che essa mi sembra l’unica scelta che possa consentire, oggi e nell’immediato futuro, un governo della nostra Università sereno ed efficace; in quel clima di pacificazione interna, o almeno di grande rispetto tra le parti, che la stragrande maggioranza dell’Ateneo riconosce essersi raggiunto, forse per la prima volta da almeno venti anni a questa parte, con il mio rettorato”.
L'applicazione della legge è stata chiesta da "una parte della nostra comunità, vasta e qualificata", che ha "colto, nell’occasione determinatasi, un’opportunità per non esporre l’Ateneo al rischio di pericolosi contraccolpi, in una fase, certamente delicata, nella quale esso è chiamato a concretizzare le strategie per rispondere alle sempre più stringenti procedure nazionali di valutazione e accreditamento, avviate in questi anni di grandi cambiamenti del sistema universitario, ma non ancora ultimate”.
“D’altro canto – ha proseguito - un’altra parte della nostra comunità, anch’essa vasta e qualificata, ha manifestato il timore che ricorrere alla legge del 2010, a procedure elettorali in corso, rappresentasse un elemento di perturbazione troppo forte, foriero di lacerazioni interne difficilmente rimarginabili”. Per Fiorentino, inoltre, “autonomia e rigoroso rispetto di ruoli e funzioni, ai vari livelli, sono un bene prezioso per il nostro Ateneo e per tutti noi”. L'ipotesi della proroga è stata verificata nei dettagli e sotto ogni profilo normativo, rientrando quindi nel concetto di autonomia dell'Ateneo: "E' ovvio - secondo il Rettore - che è nostra responsabilità applicare le leggi dello Stato e che, nella nostra autonomia, detta responsabilità dobbiamo assumercela tutta, anche quando queste sono di non semplice interpretazione, penso che sia necessario sottolineare che, in tal senso, l’assunzione di responsabilità è anche garanzia di autonomia nei confronti, ad esempio, dei Ministeri che, tra i loro mille compiti importanti, non hanno certo quello di interpretare le leggi. Siano di insegnamento, a tal riguardo, i contenziosi aperti sulla questione dei punti organico, tra il Miur ed alcuni atenei, o quelli che si stanno generando sull’abilitazione scientifica nazionale. Ovviamente, altra cosa è che si mantenga sempre viva e collaborativa l’interlocuzione con le Istituzioni su ogni tema di reciproca pertinenza e interesse".

Un’eventuale applicazione della proroga avrebbe, nei fatti, rimandato di due anni le elezioni per il rinnovo della carica: con la rinuncia alla possibilità offerta dall’articolo 2 (comma 9) della legge 240 del 2010, le elezioni si svolgeranno regolarmente e nei tempi previsti dai decreti.
La prima votazione si svolgerà il 28 maggio, dalle ore 9 alle ore 18. Nel caso in cui non si raggiunga la partecipazione al voto della maggioranza assoluta degli aventi diritto, o se nessuno dei candidati abbia ottenuto almeno la maggioranza assoluta delle preferenze nelle prime tre date (28 maggio, 10 giugno e 24 giugno) alla quarta convocazione (25 giugno, detta “terza votazione ripetuta”) i due candidati con il maggior numero di voti saranno ammessi al ballottaggio (26 giugno). Sono candidati fino a questo momento i docenti Antonio Sergio De Franchi (Dipartimento delle Culture Europee e del Mediterraneo), Giovanni Carlo Di Renzo (Scuola di Scienze Agrarie, Forestali, Alimentari ed Ambientali), Carmine Serio (Scuola di Ingegneria) e Aurelia Sole (Scuola di Ingegneria). Sono elettori tutti i professori di ruolo, i ricercatori a tempo indeterminato e determinato, il personale dirigente e tecnico-amministrativo a tempo indeterminato e i componenti del consiglio degli studenti. I voti dei ricercatori a tempo determinato e quelli del personale tecnico-amministrativo sono calcolati nella misura del 15 per cento di quelli validamente espressi da ogni categoria.

I decreti sule elezioni sono stati pubblicati al link:

http://portale.unibas.it/site/home/archivio-news/articolo1455.html




ALTRE NEWS

CRONACA

20/04/2018 - Nella sua casa un 30enne morì per overdose: Riesame annulla misura cautelare
20/04/2018 - Basilicata. Matera: sorpreso in casa con quasi mezzo chilo di droga
20/04/2018 - Tempa rossa, firmato accordo tra Comune di Taranto e imprese
20/04/2018 - Rotonda: vince causa contro l’Inps per la restituzione di 159 mila euro

SPORT

20/04/2018 - Baseball FIBS,esordio dei Kings Rivello
20/04/2018 - Promozione: presidente e allenatore raccontano l’impresa del Rotunda Maris
20/04/2018 - Basket: Olimpia Matera, obbligatorio vincere
19/04/2018 - Eccellenza: Senè, il goleador che sta trascinando il Rotonda in Serie D

Sommario Cronaca                                  Sommario Sport

NEWS BREVI

20/04/2018 "Welfare aziendale: un premio alla produttività aziendale"

Oggi 20 Aprile presso il Comincenter in Piazza Matteotti a Matera a partire dalle ore 15.30 si terrà il Workshop dal tema:

"Welfare aziendale: un premio alla produttività aziendale"

L'evento è una tappa di avvicinamento al Convegno Nazionale AIDP che si terrà a Napoli il 25 e 26 Maggio e vede la presenza dei Presidenti di Confindustria Basilicata, Federmanager Basilicata e AIF Basilicata oltre la partecipazione della Presidente Nazionale di AIDP Isabella Covili Faggioli. La tavola rotonda sarà poi un momento di confronto con esperti del settore e la presentazione di due case history aziendali: Brecav Srl e Calia Trade Spa.
A seguire ci sarà l'aperitivo conviviale e di networking.
Questo convegno rappresenta il primo di una serie d'incontri che come AIDP Basilicata inizieremo a promuovere sul territorio.
Vi aspettiamo numerosi e per ogni info potete contattare direttamente la Segreteria


18/04/2018 Comunicazione sospensione idrica Basilicata 18 Aprile 2018

Lauria: a causa di un guasto improvviso l'erogazione idrica sarà sospesa dalle ore 09:00 alle ore 15:00 di oggi salvo imprevisti, nelle seguenti contrade: Galdo, Mosella, Piano Menta, Melara, S. Crispino, Taverna del Postiere, S. Elia, Madama Angiolella, Montegaldo e Cesinelle.
Rapolla: a causa di un guasto improvviso l'erogazione idrica in contrada Marciano resterà sospesa fino alle ore 12:30, salvo imprevisti.
Potenza: a causa di un guasto improvviso l'erogazione idrica in Largo Pignataro, via Serrao, Largo Isabelli, vico Grippo e zone limitrofe del centro storico, resterà sospesa fino alle ore 19:00, salvo imprevisti.
Tito: per consentire l'esecuzione di lavori su condotte, l'erogazione dell'acqua potabile nella zona ex Asi di Tito Scalo potrebbe subire cali di pressione fino alle ore 15:00 di domani salvo imprevisti.

16/04/2018 Sospensioni idriche 17 aprile 2018

Nova Siri: per consentire l'esecuzione di lavori di riparazione in viale Europa, nella giornata di domani l'erogazione idrica a Nova Siri paese sarà sospesa dalle ore 10:00 alle ore 22:00, salvo imprevisti.

Dice che era un bel torrente ma non andava più al mare
di Mariapaola Vergallito

“Dice che era un bel progetto e serviva a creare/ la deviazione di un torrente per distrarlo dal mare; ma dall’idea alla realizzazione passarono 40 anni, giusto il tempo di essere deviata e l’acqua cominciò a far danni”.

Scusate, non ho resistito. E’ 4 marzo, del resto, e chiedo scusa a Lucio Dalla per questa scapestrata citazione. C’è qualcun altro, però, che dovrebbe chiedere scusa, oggi. Proprio oggi che il torrente Sarmento, deviato in parte dal...-->continua



 



Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo