HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

 

 

Il Rettore Fiorentino rinuncia alla proroga: "Scelta personale e irrevocabile"

14/05/2014



Il Rettore dell’Università degli studi della Basilicata, Mauro Fiorentino, ha rinunciato alla possibilità di proroga di due anni (prevista dalla legge 240 del 2010) dell’attuale mandato: lo ha comunicato in una nota inviata ai componenti del Senato Accademico, del cda e ai docenti che hanno presentato la candidatura per il sessennio 2014-2020, precisando che si tratta di una “decisione, personale e irrevocabile”, e di “non aver posto personalmente la questione dell’applicabilità” della proroga.
“Non avevo mai pensato di dover gestire, al termine del mio mandato, una situazione come questa - ha detto Fiorentino nella nota - per di più in un contesto generale e locale che ha mostrato ancora una volta come sia possibile che, improvvisamente, si concretizzino situazioni la cui soluzione diventa di esclusiva responsabilità del Rettore, con chiavi di lettura del suo operato che si alimentano, ahimè, più nella superficialità e nella faziosità che nel tentativo di condividerne il peso in un’analisi rigorosa e accademicamente laica”.
Il Rettore ha poi voluto aggiungere di aver assunto “questa decisione come inequivocabile gesto di servizio alla comunità accademica e ai territori più direttamente interessati, con la motivazione principale che essa mi sembra l’unica scelta che possa consentire, oggi e nell’immediato futuro, un governo della nostra Università sereno ed efficace; in quel clima di pacificazione interna, o almeno di grande rispetto tra le parti, che la stragrande maggioranza dell’Ateneo riconosce essersi raggiunto, forse per la prima volta da almeno venti anni a questa parte, con il mio rettorato”.
L'applicazione della legge è stata chiesta da "una parte della nostra comunità, vasta e qualificata", che ha "colto, nell’occasione determinatasi, un’opportunità per non esporre l’Ateneo al rischio di pericolosi contraccolpi, in una fase, certamente delicata, nella quale esso è chiamato a concretizzare le strategie per rispondere alle sempre più stringenti procedure nazionali di valutazione e accreditamento, avviate in questi anni di grandi cambiamenti del sistema universitario, ma non ancora ultimate”.
“D’altro canto – ha proseguito - un’altra parte della nostra comunità, anch’essa vasta e qualificata, ha manifestato il timore che ricorrere alla legge del 2010, a procedure elettorali in corso, rappresentasse un elemento di perturbazione troppo forte, foriero di lacerazioni interne difficilmente rimarginabili”. Per Fiorentino, inoltre, “autonomia e rigoroso rispetto di ruoli e funzioni, ai vari livelli, sono un bene prezioso per il nostro Ateneo e per tutti noi”. L'ipotesi della proroga è stata verificata nei dettagli e sotto ogni profilo normativo, rientrando quindi nel concetto di autonomia dell'Ateneo: "E' ovvio - secondo il Rettore - che è nostra responsabilità applicare le leggi dello Stato e che, nella nostra autonomia, detta responsabilità dobbiamo assumercela tutta, anche quando queste sono di non semplice interpretazione, penso che sia necessario sottolineare che, in tal senso, l’assunzione di responsabilità è anche garanzia di autonomia nei confronti, ad esempio, dei Ministeri che, tra i loro mille compiti importanti, non hanno certo quello di interpretare le leggi. Siano di insegnamento, a tal riguardo, i contenziosi aperti sulla questione dei punti organico, tra il Miur ed alcuni atenei, o quelli che si stanno generando sull’abilitazione scientifica nazionale. Ovviamente, altra cosa è che si mantenga sempre viva e collaborativa l’interlocuzione con le Istituzioni su ogni tema di reciproca pertinenza e interesse".

Un’eventuale applicazione della proroga avrebbe, nei fatti, rimandato di due anni le elezioni per il rinnovo della carica: con la rinuncia alla possibilità offerta dall’articolo 2 (comma 9) della legge 240 del 2010, le elezioni si svolgeranno regolarmente e nei tempi previsti dai decreti.
La prima votazione si svolgerà il 28 maggio, dalle ore 9 alle ore 18. Nel caso in cui non si raggiunga la partecipazione al voto della maggioranza assoluta degli aventi diritto, o se nessuno dei candidati abbia ottenuto almeno la maggioranza assoluta delle preferenze nelle prime tre date (28 maggio, 10 giugno e 24 giugno) alla quarta convocazione (25 giugno, detta “terza votazione ripetuta”) i due candidati con il maggior numero di voti saranno ammessi al ballottaggio (26 giugno). Sono candidati fino a questo momento i docenti Antonio Sergio De Franchi (Dipartimento delle Culture Europee e del Mediterraneo), Giovanni Carlo Di Renzo (Scuola di Scienze Agrarie, Forestali, Alimentari ed Ambientali), Carmine Serio (Scuola di Ingegneria) e Aurelia Sole (Scuola di Ingegneria). Sono elettori tutti i professori di ruolo, i ricercatori a tempo indeterminato e determinato, il personale dirigente e tecnico-amministrativo a tempo indeterminato e i componenti del consiglio degli studenti. I voti dei ricercatori a tempo determinato e quelli del personale tecnico-amministrativo sono calcolati nella misura del 15 per cento di quelli validamente espressi da ogni categoria.

I decreti sule elezioni sono stati pubblicati al link:

http://portale.unibas.it/site/home/archivio-news/articolo1455.html




ALTRE NEWS

CRONACA

27/05/2019 - San Giorgio lucano: quorum per le Europee ma non per le Comunali
27/05/2019 - Elezioni Europee. In Basilicata il M5S si conferma primo partito. Crollo del PD
27/05/2019 - Elezioni in Basilicata: affluenza al 46,98%
26/05/2019 - Elezioni in Basilicata: alle 19 affluenza al 34,45%

SPORT

27/05/2019 - Il Mito del Grande Torino raccontato a Melfi
26/05/2019 - I fratelli D'Onofrio in auge ai Campionati Nazionali Universitari
26/05/2019 - La PM Asci Potenza ottiene la meritata salvezza
25/05/2019 - Giro d’Italia 2019.Domenico Pozzovivo ,il gregario di lusso

Sommario Cronaca                                  Sommario Sport

NEWS BREVI

25/05/2019 Comunicazione di sospensione idrica oggi 25 Maggio in Basilicata

Rapolla: a causa di un guasto improvviso l'erogazione idrica reVia Biagio Guarnaccio, Via Caprini, Via Ventiquattro Maggio e zone limitrofe
Rapolla: a causa di un guasto improvviso l'erogazione resterà sospesa fino al termine dei lavori di riparazione nelle seguenti zone: via Biagio Guarnaccio, via Caprini, via Ventiquattro Maggio e strade limitrofe.

24/05/2019 Comunicazione di sospensione idrica oggi 24 Maggio in Basilicata

Acerenza: per consentire l'esecuzione di lavori di riparazione, l'erogazione dell'acqua potabile nelle contrade San Germano e Macchione e nelle zone limitrofe sarà sospesa dalle ore 16:30 alle ore 19:30, salvo imprevisti.
Maschito: per consentire l'esecuzione di lavori di riparazione, l'erogazione dell'acqua potabile sarà sospesa in via Parini, via U. Foscolo, Via Calvario, via A. Moro, via Nitti, via IV° Novembre e via XXIV Maggio dalle ore 08:00 di domani mattina fino al termine dei lavori.
Muro Lucano: per consentire il ripristino del livello dei serbatoi, l'erogazione dell'acqua potabile sarà sospesa dalle ore 18:30 di oggi alle ore 07:00 di domani mattina, salvo imprevisti, nelle seguenti zone : contrada Cappuccini, contrada Belvedere, contrada Sant'Antuono, via Maddalena, via Conserva.

23/05/2019 Comunicazione di sospensione idrica oggi 23 Maggio in Basilicata

Rionero in Vulture: a causa del protrarsi dei tempi necessari all'esecuzione dei lavori di riparazione, l'erogazione idrica in via E. Alessandrini, via G. Rossa, via M. Rigillo e sue traverse, via M. Miradio della Provvidenza, via Padre Pio e contrada Fontana Maruggia, resterà sospesa fino alle ore 16:00 circa di oggi, salvo imprevisti.

La pesante leggerezza dell'ipocrisia. Dedicato ai fatti di Manduria
di Giovanni Paolo Ferrari

Incubi riaffiorano alla memoria e con loro alcune delle molte vittime del bullismo e dell’omertà nei nostri paesini... Tra tutti due donne povere e anziane che non avevano mai fatto del male a nessuno: Lucia detta “a Vertel” a Nemoli e un’altra “povera crista” che viveva in Piazza Plebiscito a Sapri e della quale pur sforzandomi non ricordo il soprannome (il nome non l’ho mai saputo...). Unica colpa delle due poverette? Aver perso un po’ il senno durante la ...-->continua



 



Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo