HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

 

 

Presentato il piano forestale territoriale di indirizzo del Parco del’Appennino

16/04/2014



È stato presentato nei giorni scorsi il Piano Forestale Territoriale di Indirizzo dell’area P.O. Val d’Agri e Parco Nazionale dell’Appennino Lucano-Val d’Agri-Lagonegrese. All’incontro tenutosi presso la sede dell’Ente Parco a Marsico Nuovo, hanno preso parte oltre a tecnici e operatori privati interessati sindaci, e amministratori, i cui territori ricoperti di superfici boscate, sono direttamente interessati dalla pianificazione di questo innovativo strumento di area vasta, che ha lo scopo di delineare gli indirizzi gestionali del bosco e del territorio localizzando funzioni, priorità e tipologie di intervento. Il Piano è stato realizzato dall’INEA-Basilicata con la collaborazione del CRA, dell’IMAA-CNR, e dell’ufficio natura dell’Ente Parco dell’Appennino.
Sul territorio il progetto si è avvalso della collaborazione del CTA del Corpo Forestale dello Stato del Parco. Hanno svolto le relazioni tecniche per l’INEA Mauro Fratteggiani, Silvia De Carlo e Giusi Costastini e per il CNR Fabrizio Ferretti e Tiziana Simmoniello.
Gli esperti hanno illustrato le varie fasi dell’elaborazione del Piano, mettendo in luce l’aspetto partecipativo della stesura dello stesso, svolto seguendo il metodo della consultazione delle diverse componenti del territorio, della modularità e della raccolta di dati confrontabili, che fanno del Piano uno strumento che di per se stesso non certifica ma che è di ausilio per giungere alla certificazione, e che raccoglie una banca dati importante per la redazione di altri strumenti di pianificazione per altri soggetti pubblici , quali il PO val d’Agri, i Comuni del Parco e per progettazioni di interventi di natura privatistica.
Il Piano del Parco dell’Appennino Lucano in fase di partenza, come ha sostenuto il presidente Domenico Totaro, trova nel PFTI un valido strumento di supporto che contribuirà alla redazione finale dello stesso in tempi relativamente brevi. Quanto ai risultati emersi dalla fase di conoscenza e di indagine del territorio, colpisce l’elevato indice di boscosità delle aree prese in esame. Se per i 35 comuni del PO Val d’Agri l’indice è pari al 55%, per i 29 comuni del Parco lo stesso si attesta al 72%, ad indicare quanto sia importante il bosco nell’ecosistema del territorio dell’area protetta. Un dato che è stato sottolineato dal presidente Totaro, che ha evidenziato l’importanza della conoscenza di questi indicatori, che risulteranno estremamente utili in vista della nuova programmazione del PSR per il periodo 2014-2020.
Ulteriori validi contributi al convegno sono venuti da parte del presidente dell’Area Programma Val d’Agri Claudio Cantiani, del dirigente della struttura di progetto del PO Val d’Agri Francesco Pesce, e Carmela De Vivo di INEA Basilicata. Tutti hanno sottolineato l’utilità del PFTI, uno dei pochi esempi nel panorama italiano della gestione della risorsa forestale, patrimonio fondamentale da tutelare e salvaguardare per l’equilibrio naturale del presente e per il benessere delle generazioni future.



ALTRE NEWS

CRONACA

21/02/2019 - Maltrattamenti ed estorsione nei confronti della madre, arrestato
21/02/2019 - Senise: danneggiato il telone della nuova piscina all’aperto
21/02/2019 - Droga. A Viggiano un 69enne arrestato per spaccio e 2 giovani segnalati
21/02/2019 - Matera. Truffa un rivenditore di orologi Rolex, arrestato

SPORT

21/02/2019 - Bisignano- Bernalda Futsal.Patron Plati:“assisteremo a un match di alto livello"
21/02/2019 - Passione, sport e montagna: vi raccontiamo Pasquale Larocca
21/02/2019 - Recuperi Eccellenza: pari a Pomarico
21/02/2019 - Promozione: vincono Anzi e Raf

Sommario Cronaca                                  Sommario Sport

NEWS BREVI

21/02/2019 Comunicazione acquedotto lucano SOSPENSIONE idrica

Melfi, Rionero in Vulture, Atella, Barile, Ginestra, Ripacandida, Filiano, San Fele: in considerazione dell’andamento dei lavori condotti da Acquedotto Pugliese Spa, si comunica che la sospensione dell’erogazione idrica nei comuni di Melfi (tranne centro storico e zona industriale di San Nicola), Rionero in Vulture, Atella, Barile, Ginestra, Ripacandida, Filiano e nelle zone rurali Monteserico e Insertafumo di San Fele, si verificherà dalle ore 20:00 di oggi (anziché dalle ore 14:00) alle ore 7:00 di domani 22 febbraio 2019.
Senise: a causa di un guasto improvviso l'erogazione idrica in via Tufarelli sarà sospesa dalle ore 10:00 di oggi fino al termine dei lavori di riparazione.
Barile: il ripristino dell'erogazione idrica, inizialmente previsto per le ore 7,00, avverrà alle ore 11:00, di oggi salvo imprevisti.
Marsico Nuovo: a causa di un guasto improvviso, l'erogazione idrica sarà sospesa nelle contrade Fontanelle, Cappuccini, Mandaresi e zone limitrofe dalle ore 11:00 fino ad ultimazione lavori

20/02/2019 Pallavolo maschile serie D, rinviata la gara tra Volley Academy Matera e Venosa

A causa della indisponibilità della squadra ospite, è stata rinviata la gara casalinga della Volley Academy Matera contro il Venosa valida per il recupero della prima giornata di ritorno del campionato di pallavolo maschile di serie D ed in programma nella serata di mercoledì alle 19:30. L’incontro è stato rinviato al prossimo 19 marzo alle 20:30.

20/02/2019 Conferito incarico di Direttore Sanitario F.F. dell’AOR San Carlo

Il Direttore Generale dell’Azienda Ospedaliera Regionale San Carlo di Potenza, Dottor. Massimo Barresi, ha affidato in via temporanea le funzioni di Direttore Sanitario F.F., alla Dottoressa Angela Bellettieri, Dirigente medico della stessa Direzione. Tali funzioni saranno esercitate fino alla nomina del nuovo Direttore Sanitario.
La Dottoressa Bellettieri subentra al Dottor Antonio Picerno, che ha rassegnato le dimissioni dall’incarico per motivi personali.
L’Azienda lo ringrazia per il contributo dato negli anni in cui ha ricoperto l’incarico di Direttore Sanitario.

Noi e quella sacrosanta ''cultura del territorio''
di Mariapaola Vergallito

“I lucani conoscono la frana. I contadini lucani sono vissuti da sempre con la frana, l’orecchio teso a quel fremito oscuro, l’occhio attento a scrutare le rughe della terra. Ma un tempo nessuno la violentava la terra. La temevano, la rispettavano. Istintivamente si tramandavano quella che modernamente si è poi chiamata “cultura del territorio”. Oggi, nell’era della scienza, è proprio quella cultura che è venuta meno. Dalle paure ancestrali si è passati al s...-->continua



 



Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo