HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

 

 

Il presidente dell'Ente Parco del Pollino in visita a Cersosimo

14/02/2014



E’ stato un incontro cordiale quello tra il presidente dell’Ente Parco Domenico Pappaterra e il sindaco di Cersosimo Pietro Gulmì. Un faccia a faccia atteso da molto, alla presenza del direttore Annibale Formica, del presidente della comunità del parco Sandro Berardone, di tecnici e di alcuni consiglieri dell’antico comune della Valle del Sarmeto. Una visita attesa, dalle importanti aspettative, visti i progetti che si vogliono portare avanti.“ La visita a Cersosimo si è dimostrata di grande interesse perché ho avuto modo di conoscere e di apprezzare alcuni simboli significativi che rievocano un importante identità che accompagna la vita della comunità”. Questo il primo commento a caldo del presidente Pappaterra, che ha poi così continuato: “Nell’ottimo sindaco Pietro Gulmì e nella sua squadra di governo ho avuto modo di riscontrare un grande senso di appartenenza e la voglia di costruire sul piano amministrativo scelte qualificanti. Il sito archeologico non c’è dubbio rappresenta un grande punto di riferimento non solo per Cersosimo o per il Parco ma per tutta la comunità lucana, e l’obbligo delle istituzioni deve essere quello di valorizzarlo al meglio”. Parole precise, che aprono le porte a un impegno atteso che oltre a garantire un futuro agli scavi, mette un tassello importante anche per il potenziamento e il futuro dello stesso museo: “ ricco di importanti reperti ma che va potenziato e ancor più qualificato”. Forma e sostanza, dunque, hanno accompagnato la delegazione guidata da Pappaterra, che ha parlato di “ una forte azione di solidarietà istituzionale che dovrà coinvolgere non solo il Comune e l’Ente Parco ma anche altri soggetti come la soprintendenza e la regione Basilicata”. Parole che lasciano ben sperare, anche perché il presidente del Parco si farà carico di sollecitare, come ha dichiarato, il presidente Pittella a tenere in considerazione nella predisposizione del POR 2014-2020 il progetto “parco archeologico Castello e museo didattico multimediale”. Il primo cittadino di Cersosimo si è detto soddisfatto, anche perché l’intesa è sembrata totale. “Gli interventi proposti -ha precisato- hanno lo scopo di migliorare l’area d’ingresso al sito degli scavi archeologici, ma allo stesso tempo di completare sia l’area esterna già parzialmente allestita ed adibita allo svolgimento di spettacoli e manifestazioni all’aperto, sia l’area coperta con l’installazione di un osservatorio archeologico multimediale a scopi informativi e didattici, guidato dalla Soprintendenza. Con l’impegno del presidente Pappaterra, che ringrazio per l’interesse e l’attenzione dimostrata, a conferma della centralità del territorio come risorsa fondamentale per il futuro economico e sociale della nostra comunità, favoriremo – ha sottolineato Gulmì- la continuazione di questo nuovo percorso che non dovrà rappresentare solo la capitalizzazione di finanziamenti, ma dovrà avere l’ambizioso obiettivo di proporre una serie di attività capaci di attrarre risorse e di valorizzare il più possibile tutto il lavoro fin qui fatto”.
Vincenzo Diego



ALTRE NEWS

CRONACA

21/02/2019 - Maltrattamenti ed estorsione nei confronti della madre, arrestato
21/02/2019 - Senise: danneggiato il telone della nuova piscina all’aperto
21/02/2019 - Droga. A Viggiano un 69enne arrestato per spaccio e 2 giovani segnalati
21/02/2019 - Matera. Truffa un rivenditore di orologi Rolex, arrestato

SPORT

21/02/2019 - Bisignano- Bernalda Futsal.Patron Plati:“assisteremo a un match di alto livello"
21/02/2019 - Passione, sport e montagna: vi raccontiamo Pasquale Larocca
21/02/2019 - Recuperi Eccellenza: pari a Pomarico
21/02/2019 - Promozione: vincono Anzi e Raf

Sommario Cronaca                                  Sommario Sport

NEWS BREVI

21/02/2019 Comunicazione acquedotto lucano SOSPENSIONE idrica

Melfi, Rionero in Vulture, Atella, Barile, Ginestra, Ripacandida, Filiano, San Fele: in considerazione dell’andamento dei lavori condotti da Acquedotto Pugliese Spa, si comunica che la sospensione dell’erogazione idrica nei comuni di Melfi (tranne centro storico e zona industriale di San Nicola), Rionero in Vulture, Atella, Barile, Ginestra, Ripacandida, Filiano e nelle zone rurali Monteserico e Insertafumo di San Fele, si verificherà dalle ore 20:00 di oggi (anziché dalle ore 14:00) alle ore 7:00 di domani 22 febbraio 2019.
Senise: a causa di un guasto improvviso l'erogazione idrica in via Tufarelli sarà sospesa dalle ore 10:00 di oggi fino al termine dei lavori di riparazione.
Barile: il ripristino dell'erogazione idrica, inizialmente previsto per le ore 7,00, avverrà alle ore 11:00, di oggi salvo imprevisti.
Marsico Nuovo: a causa di un guasto improvviso, l'erogazione idrica sarà sospesa nelle contrade Fontanelle, Cappuccini, Mandaresi e zone limitrofe dalle ore 11:00 fino ad ultimazione lavori

20/02/2019 Pallavolo maschile serie D, rinviata la gara tra Volley Academy Matera e Venosa

A causa della indisponibilità della squadra ospite, è stata rinviata la gara casalinga della Volley Academy Matera contro il Venosa valida per il recupero della prima giornata di ritorno del campionato di pallavolo maschile di serie D ed in programma nella serata di mercoledì alle 19:30. L’incontro è stato rinviato al prossimo 19 marzo alle 20:30.

20/02/2019 Conferito incarico di Direttore Sanitario F.F. dell’AOR San Carlo

Il Direttore Generale dell’Azienda Ospedaliera Regionale San Carlo di Potenza, Dottor. Massimo Barresi, ha affidato in via temporanea le funzioni di Direttore Sanitario F.F., alla Dottoressa Angela Bellettieri, Dirigente medico della stessa Direzione. Tali funzioni saranno esercitate fino alla nomina del nuovo Direttore Sanitario.
La Dottoressa Bellettieri subentra al Dottor Antonio Picerno, che ha rassegnato le dimissioni dall’incarico per motivi personali.
L’Azienda lo ringrazia per il contributo dato negli anni in cui ha ricoperto l’incarico di Direttore Sanitario.

Noi e quella sacrosanta ''cultura del territorio''
di Mariapaola Vergallito

“I lucani conoscono la frana. I contadini lucani sono vissuti da sempre con la frana, l’orecchio teso a quel fremito oscuro, l’occhio attento a scrutare le rughe della terra. Ma un tempo nessuno la violentava la terra. La temevano, la rispettavano. Istintivamente si tramandavano quella che modernamente si è poi chiamata “cultura del territorio”. Oggi, nell’era della scienza, è proprio quella cultura che è venuta meno. Dalle paure ancestrali si è passati al s...-->continua



 



Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo