HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

 

 

Chiaromonte: a marzo al via progetto di accoglienza famiglie siriane

10/02/2014



Partirà a marzo il progetto di accoglienza di nuclei familiari africani, composti da rifugiati politici, a Chiaromonte. Gli immigrati, probabilmente siriani, soggiorneranno per sei mesi nella struttura dell’ex ostello della gioventù, situato in località Pietrapica. Il progetto, finanziato con fondi europei su disposizione del Ministero degli Interni, in collaborazione con l’ANCI, è stato realizzato e presentato dal comune di Chiaromonte e dalla cooperativa ONLUS “Senis Hospes”, ente gestore.
Per portare a conoscenza del progetto i cittadini della popolosa frazione ed illustrare loro circa ciò che accadrà, il sindaco li ha convocati, ieri mattina, in una riunione pubblica, a cui ha preso parte anche Marcello Cervone, vicepresidente della cooperativa che gestirà il centro.
Il sindaco di Chiaromonte, Antonio Vozzi, ci ha così illustrato il progetto: “Queste persone che arriveranno, ci tengo a sottolinearlo, non sono immigrati di prima accoglienza, ma di seconda accoglienza. Si tratta di progetti per la ricomposizione di nuclei familiari. Arriveranno persone che sono già state in centri di prima accoglienza, che sono state sperimentate ed hanno dimostrato la volontà di voler restare in Italia. Per gran parte sono professionisti, lavoratori. Si tratta di quindici persone, sei nuclei familiari. Resteranno almeno sei mesi e saranno integrati nella nostra società. Posso garantire che non ci saranno problemi di ordine pubblico. I bambini, ad esempio, saranno portati a scuola. Il progetto prevede inoltre una serie di convenzioni con le strutture ed associazioni del posto, proprio per favorirne l’integrazione”. E i vantaggi che possiamo trarre da tutto ciò? “I nostri vantaggi sono: un fine umanitario, l’aumento della popolazione, un ritorno ed un recupero economico e se decideranno di restare, al termine dei sei mesi, sarà un bene per tutti noi. Oltre al fatto che saranno creati posti di lavoro per i locali; nel centro di accoglienza avremo, infatti, bisogno di un mediatore culturale, di uno psicologo e di altre figure professionali”.

Nicoletta Fanuele



ALTRE NEWS

CRONACA

23/05/2019 - Riesame accoglie ricorso della Procura: ai domiciliari due dirigenti Eni
23/05/2019 - GdF Potenza: contrasto al traffico di sostanze stupefacenti
22/05/2019 - Commissario Eipli su stato delle dighe lucane
22/05/2019 - GdF,scoperti cinque lavoratori in nero

SPORT

23/05/2019 - Bernalda Futsal,verso la finale play off. Fusco:“Non è finita,ci separano 2 gol"
23/05/2019 - Kart: in Calabria terzo posto per De Fina
22/05/2019 - Catania Vs Potenza,il commento a caldo di patron Caiata
22/05/2019 - Play-off nazionali, un altro pari manda a casa il Potenza

Sommario Cronaca                                  Sommario Sport

NEWS BREVI

23/05/2019 Comunicazione di sospensione idrica oggi 23 Maggio in Basilicata

Rionero in Vulture: a causa del protrarsi dei tempi necessari all'esecuzione dei lavori di riparazione, l'erogazione idrica in via E. Alessandrini, via G. Rossa, via M. Rigillo e sue traverse, via M. Miradio della Provvidenza, via Padre Pio e contrada Fontana Maruggia, resterà sospesa fino alle ore 16:00 circa di oggi, salvo imprevisti.

22/05/2019 Sospensioni idriche 22 maggio 2019

Rapolla: per consentire l'esecuzione di lavori di riparazione, l'erogazione dell'acqua potabile sarà sospesa in parte di via Melfi e contrada Marciano dalle ore 15:30 alle ore 18:00 circa, salvo imprevisti
Acerenza: per consentire il ripristino del livello dei serbatoi, l'erogazione dell'acqua potabile in contrada Finocchiaro sarà sospesa dalle ore 17:00 di oggi alle ore 08:00 di domani mattina, salvo imprevisti.

21/05/2019 Sospensione idrica oggi 21 Maggio in Basilicata

Pignola: per consentire il ripristino del livello dei serbatoi, l'erogazione dell'acqua potabile in contrada Rifreddo e nelle zone limitrofe sarà sospesa dalle ore 09:00 alle ore 19:00 di oggi salvo imprevisti.

La pesante leggerezza dell'ipocrisia. Dedicato ai fatti di Manduria
di Giovanni Paolo Ferrari

Incubi riaffiorano alla memoria e con loro alcune delle molte vittime del bullismo e dell’omertà nei nostri paesini... Tra tutti due donne povere e anziane che non avevano mai fatto del male a nessuno: Lucia detta “a Vertel” a Nemoli e un’altra “povera crista” che viveva in Piazza Plebiscito a Sapri e della quale pur sforzandomi non ricordo il soprannome (il nome non l’ho mai saputo...). Unica colpa delle due poverette? Aver perso un po’ il senno durante la ...-->continua



 



Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo