HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

 

 

Senise e quel monolito di terra simbolo di due disatri annunciati

28/01/2014



A vederlo lì, quel monolito di terra, solitario al centro del vuoto creato dallo smottamento, è impossibile non pensarci. Nei giorni successivi al crollo della palazzina di Vico Piave a Matera, lo avevamo ricordato. Ora ci tocca riparlare proprio di Senise per ricordare la frana, terribile, del 1986, a monte dell’abitato, su collina Timpone. In molti lo hanno detto anche attraverso le pagine dei social network. Doveva succedere di nuovo. Un altro disastro annunciato. E la notizia viene alleviata solo in parte dalla fortuna di non dover piangere i morti o seri danni alle persone. Ma questa circostanza deve, comunque, contribuire a rendere la mente più lucida fin da subito per capire cosa fare e scovare eventuali responsabilità. La Gazzetta si era già occupata, qualche anno fa, della vicenda dell’area di servizio. Lo aveva fatto pubblicando un esposto a firma del signor Pasquale Spaltro, che ha un terreno dall’altro lato della strada lungo la quale si trova l’area di servizio. Nel febbraio del 2009, con tanto di documentazione fotografica, Spaltro aveva indirizzato le sue lettere a ufficio tecnico comunale e polizia municipale, chiedendo interventi urgenti e controlli rispetto ad un primo cedimento di terreno che aveva interessato la parte sinistra della collina, nella parte opposta rispetto a quello di domenica. Ancora, infatti, non era presente il muro di consolidamento costruito a posteriori. Quello di Spaltro era solo una delle diverse segnalazioni che altri cittadini, tra cui i proprietari del terreno ceduto a monte, avevano fatto. In particolare, la comunicazione indirizzata agli uffici della Protezione Civile Nazionale, i proprietari del terreno esordivano proprio ricordando il terribile smottamento del 1986 e scongiurando che, drammi del genere, accadessero di nuovo. Perché tra l’allarmismo e la Memoria esiste un confine che poi tanto sottile non è. Almeno non quanto quello tra il mero ricordo e la pratica quotidiana.


A Senise resta interrotta al traffico veicolare, in via precauzionale, la strada a monte dello smottamento che nel pomeriggio di domenica ha interessato un’area di servizio in contrada Mercato, all’ingresso dell’abitato. La strada chiusa al traffico si trova in contrada Cappuccini: qui, a pochi metri dalla properietà che ha subìto lo scivolamento del terreno, si trova il complesso dell’ex convento dei Cappuccini, dove ci sono alcune abitazioni e, qualche metro più avanti, le palazzine popolari di recente costruzione che ospitano decine di famiglie, comunque lontane dalla zona franata. Lo smottamento, ricordiamolo, che ha praticamente fatto scivolare a valle un'ampia area composta soprattutto da uliveti, si trova in un luogo che era stato già ampiamente oggetto di esposti, a partire dal 2006, da parte di privati cittadini che lamentavano la realizzazione dei lavori in scarsa ottemperanza delle norme di sicurezza rispetto, soprattutto, allo sbancamento che era stato realizzato per costruire l'area di servizio. Circa tre anni fa, dopo uno smottamento più lieve, la società proprietaria dell’area di servizio aveva fatto costruire un muro che si trova nella parte sinistra della collina. Intervento che, evidentemente, non è stato sufficiente a scongiurare lo smottamento nella parte opposta della collina.Questa mattina si attende a Senise il sopralluogo dei tecnici dell’ufficio Difesa del Suolo della Regione Basilicata. Il sindaco Giuseppe Castronuovo, in qualità di responsabile alla Pubblica Sicurezza, oltre alla chiusura delle strutture presenti nell’area di servizio, ha emesso nella giornata di ieri un’altra ordinanza per invitare i proprietari e, dunque, i responsabili dell’area a prendere eventuali iniziative volte a mettere in sicurezza i luoghi effettuando, naturalmente, le dovute indagini da un punto di vista tecnico.

Mariapaola Vergallito



ALTRE NEWS

CRONACA

24/06/2018 - Billie Joe Armstrong ai viggianesi: ''vi prometto che tornerò''
24/06/2018 - Rotonda, caso maltrattamenti: disposta collocazione in struttura
23/06/2018 - Gorgoglione: a una donna anziana rubati bancoposta e oltre 5 mila euro
23/06/2018 - Rotonda: il Comune non restituirà 92mila € e ne incasserà 654 mila per lo stadio

SPORT

24/06/2018 -  La Rinascita Lagonegro conferma per il secondo anno il libero Simone Sardanelli
24/06/2018 - Anche l'ASD Albatros a 'Un Assist per il Powerchair football'
24/06/2018 - Eccellenza, Mario Grande ce l’ha fatta: fumata bianca per la nuova Vultur
23/06/2018 - FCI Basilicata. Su il sipario all’edizione numero 18 della Pollino Bike Marathon

Sommario Cronaca                                  Sommario Sport

NEWS BREVI

22/06/2018 Sospensioni idriche 22 giugno 2018

Lauria: a causa di un guasto improvviso l'erogazione idrica sarà sospesa dalle ore 09:00 alle ore 13:00 di oggi salvo imprevisti in Via Rocco Scotellaro dal civico n.143 al civico n.155 e dal civico n.116 al civico n.140 - Via Carlo Alberto dal civico n.1 al civico n.26 - Via Nazionale - C/da Cona (altezza palazzo Forastieri 3F)

21/06/2018 Sospensione idrica oggi 21 giugno 2018

Maschito: a causa di un guasto improvviso l'erogazione idrica sarà sospesa, nell'intero abitato, dalle ore 10:45 di oggi fino al termine dei lavori.

21/06/2018 Matera, domani al via XV edizione "500 km della Basilicata"

Domani, venerdì 22 giugno, con partenza da Matera (via XX Settembre) alle ore 18.30, avrà inizio la XV edizione della "500 km della Basilicata", raduno di precisione dedicato ad auto storiche, che durerà l'intero fine settimana. La partenza della seconda tappa, da Potenza (piazza Del Sedile), è prevista sabato 23 giugno alle ore 10.30. La premiazione si terrà domenica 24 giugno, alle ore 11.30, presso Villa Nitti in località Acquafredda di Maratea. La manifestazione è organizzata dall’associazione Historical Motoring Organization 678 Scuderia di Potenza con Automobile Club Potenza e Aci Storico, e con il patrocinio morale di Regione Basilicata, APT Basilicata, UNPLI Basilicata, Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, e di tutti i Comuni interessati dall’evento.

Dice che era un bel torrente ma non andava più al mare
di Mariapaola Vergallito

“Dice che era un bel progetto e serviva a creare/ la deviazione di un torrente per distrarlo dal mare; ma dall’idea alla realizzazione passarono 40 anni, giusto il tempo di essere deviata e l’acqua cominciò a far danni”.

Scusate, non ho resistito. E’ 4 marzo, del resto, e chiedo scusa a Lucio Dalla per questa scapestrata citazione. C’è qualcun altro, però, che dovrebbe chiedere scusa, oggi. Proprio oggi che il torrente Sarmento, deviato in parte dal...-->continua



 



Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo