HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

 

 

Senise e quel monolito di terra simbolo di due disatri annunciati

28/01/2014



A vederlo lì, quel monolito di terra, solitario al centro del vuoto creato dallo smottamento, è impossibile non pensarci. Nei giorni successivi al crollo della palazzina di Vico Piave a Matera, lo avevamo ricordato. Ora ci tocca riparlare proprio di Senise per ricordare la frana, terribile, del 1986, a monte dell’abitato, su collina Timpone. In molti lo hanno detto anche attraverso le pagine dei social network. Doveva succedere di nuovo. Un altro disastro annunciato. E la notizia viene alleviata solo in parte dalla fortuna di non dover piangere i morti o seri danni alle persone. Ma questa circostanza deve, comunque, contribuire a rendere la mente più lucida fin da subito per capire cosa fare e scovare eventuali responsabilità. La Gazzetta si era già occupata, qualche anno fa, della vicenda dell’area di servizio. Lo aveva fatto pubblicando un esposto a firma del signor Pasquale Spaltro, che ha un terreno dall’altro lato della strada lungo la quale si trova l’area di servizio. Nel febbraio del 2009, con tanto di documentazione fotografica, Spaltro aveva indirizzato le sue lettere a ufficio tecnico comunale e polizia municipale, chiedendo interventi urgenti e controlli rispetto ad un primo cedimento di terreno che aveva interessato la parte sinistra della collina, nella parte opposta rispetto a quello di domenica. Ancora, infatti, non era presente il muro di consolidamento costruito a posteriori. Quello di Spaltro era solo una delle diverse segnalazioni che altri cittadini, tra cui i proprietari del terreno ceduto a monte, avevano fatto. In particolare, la comunicazione indirizzata agli uffici della Protezione Civile Nazionale, i proprietari del terreno esordivano proprio ricordando il terribile smottamento del 1986 e scongiurando che, drammi del genere, accadessero di nuovo. Perché tra l’allarmismo e la Memoria esiste un confine che poi tanto sottile non è. Almeno non quanto quello tra il mero ricordo e la pratica quotidiana.


A Senise resta interrotta al traffico veicolare, in via precauzionale, la strada a monte dello smottamento che nel pomeriggio di domenica ha interessato un’area di servizio in contrada Mercato, all’ingresso dell’abitato. La strada chiusa al traffico si trova in contrada Cappuccini: qui, a pochi metri dalla properietà che ha subìto lo scivolamento del terreno, si trova il complesso dell’ex convento dei Cappuccini, dove ci sono alcune abitazioni e, qualche metro più avanti, le palazzine popolari di recente costruzione che ospitano decine di famiglie, comunque lontane dalla zona franata. Lo smottamento, ricordiamolo, che ha praticamente fatto scivolare a valle un'ampia area composta soprattutto da uliveti, si trova in un luogo che era stato già ampiamente oggetto di esposti, a partire dal 2006, da parte di privati cittadini che lamentavano la realizzazione dei lavori in scarsa ottemperanza delle norme di sicurezza rispetto, soprattutto, allo sbancamento che era stato realizzato per costruire l'area di servizio. Circa tre anni fa, dopo uno smottamento più lieve, la società proprietaria dell’area di servizio aveva fatto costruire un muro che si trova nella parte sinistra della collina. Intervento che, evidentemente, non è stato sufficiente a scongiurare lo smottamento nella parte opposta della collina.Questa mattina si attende a Senise il sopralluogo dei tecnici dell’ufficio Difesa del Suolo della Regione Basilicata. Il sindaco Giuseppe Castronuovo, in qualità di responsabile alla Pubblica Sicurezza, oltre alla chiusura delle strutture presenti nell’area di servizio, ha emesso nella giornata di ieri un’altra ordinanza per invitare i proprietari e, dunque, i responsabili dell’area a prendere eventuali iniziative volte a mettere in sicurezza i luoghi effettuando, naturalmente, le dovute indagini da un punto di vista tecnico.

Mariapaola Vergallito



ALTRE NEWS

CRONACA

21/02/2018 - Viggianello: chiarimenti su bando per le assunzioni alla San Benedetto
21/02/2018 - Marconia: rifiuti abbandonati sulla Provinciale
21/02/2018 - Agli esami per la patente con uno Smartwatch con telecamera
21/02/2018 - Intervista ad Antoci, icona antimafia rimosso da Musumeci, escluso da Renzi

SPORT

20/02/2018 - La Geosat Geovertical si prepara per la trasferta di La Spezia
20/02/2018 - Futsal B: l'Or.Sa. sconfitta a Salerno ma resta terz'ultima
20/02/2018 - Sci Club Montenero vince la 23^ coppa Terranova - memorial Riccardi
20/02/2018 - Anno nuovo,squadra nuova per Domenico Pozzovivo

Sommario Cronaca                                  Sommario Sport

NEWS BREVI

20/02/2018 Sospensione idrica Basilicata 21-2-2018

San Fele: per l'impossibilità di effettuare il previsto intervento di riparazione a causa delle condizioni meteorologiche, l'erogazione idrica sarà sospesa dalle ore 21:00 di oggi alle ore 07:00 di domani mattina, salvo imprevisti, nelle seguenti zone: via Faggella, via De Jacobis, corso Umberto I, via Nocicchio, via Canosa, strada comunale Pergola.

19/02/2018 "Operazione coriandolo",20 lavoratori irregolari

"Ben 20" lavoratori "completamente in nero" sono stati scoperti dall'Ispettorato del lavoro durante controlli effettuati negli ultimi giorni di carnevale e in occasione di San Valentino in ristoranti, pub e locali notturni, in diversi centri della Basilicata. Funzionari dell'Ispettorato e Carabinieri hanno controllato 18 attività, 13 in provincia di Potenza e cinque in quella di Matera: solo quattro sono risultate regolari.Ansa

19/02/2018 Sospensione idrica Basilicata 19 Febbraio

San Fele: a causa di un guasto improvviso l'erogazione idrica sarà sospesa dalle ore 21:00 di oggi alle ore 07:00 di domani mattina, salvo imprevisti, nelle seguenti zone: via Faggella, via De Jacobs, corso Umberto I , via Nocicchio, via Canosa, strada comunale Pergola.

Se la tecnologia aumenta il baratro tra le generazioni
di Mariapaola Vergallito

Poco tempo fa mi ha fatto riflettere lo slogan usato a chiosa di una pubblicità della Samsung sulla realtà virtuale. Per intenderci: quello spot (molto bello, per la verità) in cui si vedono alcuni studenti correre su una pianura in mezzo ai dinosauri ma, in realtà, sono nella loro classe. Alla fine di quello spot lo slogan recitava più o meno così: quello che per la generazione precedente era impossibile, la generazione successiva lo ha già realizzato. Vero...-->continua



 



Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo