HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

 

 

Macroattrattore a Senise: giovedi la presentazione

14/01/2014



Sarà presentato giovedi 16 gennaio a Senise, a partire dalle 10.00, il progetto "La Magna Grecia. Il mito delle Origini – Il grande racconto dei Greci in Occidente". Si tratta di uno dei macroattrattori previsti nell’ambito del Programma Speciale Senisese e, in ordine di tempo, il secondo dopo “Il Volo dell’aquila” inaugurato l’estate scorsa a San Costantino Albanese.
Finanziato dalla Regione Basilicata, il progetto senisese prevede la realizzazione di un anfiteatro all’aperto che sorgerà a ridosso dell'invaso di Montecotugno. L'anfiteatro (che avrà una capienza di 2.500 posti), verrà realizzato utilizzando materiali locali, quali tufo e legno e prevede una grande cavea a geometria circolare.
I lavori per la realizzazione dell'anfiteatro cominceranno a gennaio 2014 e una volta completato, sono previste, per ogni stagione estiva, 25 repliche delle rappresentazioni spettacolari, dal titolo, appunto, "La Magna Grecia. Il mito delle Origini – Il grande racconto dei Greci in Occidente", con un cast internazionale.

Lo spettacolo gode della direzione artistica di Emir Kusturica e la sceneggiatura e messa in scena di Lorenzo Miglioli con la co-regia tecnica di Paolo Atzori.

L’evento di presentazione del progetto prevede la cerimonia di “posa della prima pietra”, che avverà sul sito prescelto in località Massanova; alle ore 11.00, presso la sala consiliare del Comune di Senise, si svolgerà l’incontro di presentazione alla presenza, tra gli altri, del Sindaco di Senise Giuseppe Castronuovo, di Monsignor Francesco Nolè, Vescovo della Diocesi di Tursi Lagonegro, Gianpiero Perri, Direttore Apt Basilicata, Vito De Filippo, già Presidente della Giunta Regionale e con le conclusioni affidate all’attuale Governatore della Regione Basilicata Marcello Pittella.

La storia
Lo spettacolo racconta la storia di Alexios che, attraverso la predizione dell'oracolo di Delfi, percorre il suo destino di fondatore di una nuova città nell'antica terra lucana della Basilicata, sfidando pericoli e mostri mitologici, passando tra guerre e amore in una metafora di valori validi ancora ai nostri giorni.
Lo spettacolo si sviluppa tra terra e acqua, effetti speciali e proiezioni spettacolari, luci e scenografie, navi e naviganti, con l'utilizzo della migliore tecnologia contemporanea.
Fra attori dal vivo e proiezioni su schermi d'acqua partecipano al progetto attori del calibro di Giancarlo Giannini, Claudio Santamaria (originario proprio di Senise), Sabrina Impacciatore, Donatella Finocchiaro, Giorgio Colangeli, Christo Jivkov e Giovanni Capalbo (anch'esso originario di Senise e che ha coordinato il gruppo di lavoro).
La scenografia è di Francesco Frigeri, l'ideazione dei costumi di Elisabetta Montaldo, le coreografie di Michele Abbondanza, le musiche di Alessandro Nidi e Dejan Sparavalo.

Le Aziende dietro al Progetto
Le aziende che formano l'A.T.I. che si è aggiudicata la gara d'appalto regionale sono:
Solares Fondazione delle Arti di Parma che è il Capogruppo dell'A.T.I. e si occuperà della produzione spettacolare ed artistica del progetto;
Limelite di Roma che si occuperò delle forniture tecnologiche dello spettacolo;
Impresa Calderaro Mario Ivo di Episcopia (Pz) che è il Capogruppo della costruzione;
Impresa Totaro Costruzioni S.r.l. di Senise (Pz) che con l'Impresa S. Giorgio Appalti di S.G.Lucano (Mt) si occuperanno della costruzione dell'anfiteatro;
T.I.B. Studio che ha realizzato la progettazione architettonica;
Ing. Caterina Favero e l'Ing. Giulio Vannucci di Roma che hanno progettato l’impiantistica della struttura, l’Ing Francesco Fucci e l’Arch. Egidio D’Aranno



ALTRE NEWS

CRONACA

21/04/2019 - Viggianello: una strada comunale interrotta per una frana - VIDEO
21/04/2019 - Senise: atti vandalici davanti a un bar
21/04/2019 - A Metaponto sequestrato un camping
21/04/2019 - Droga.Ferrandina: controllo antidroga in circolo privato. Arrestato un 27enne

SPORT

21/04/2019 - Karate: Pasqua d'oro a Rabat
20/04/2019 - Ritorna alla vittoria il Potenza Calcio
20/04/2019 - P2M En&Gas Potenza,ipoteca sul titolo regionale di Serie D maschile
20/04/2019 - Futsal Senise: i Giovanissimi bissano il primato regionale

Sommario Cronaca                                  Sommario Sport

NEWS BREVI

21/04/2019 Riaperta al traffico la Strada Provinciale 5 (ex SS 176) nei pressi di Craco

È stata riaperta al transito la Strada Provinciale 5 (ex SS 176), all’altezza del km 4+100, lungo il tratto Pisticci - Craco.
Dopo l’immediata ordinanza di chiusura della strada disposta tre giorni fa a seguito di controlli che evidenziavano un cedimento di un muro andatore sui cui poggia la rampa di accesso al noto ponte Bailey, la Provincia di Matera si è tempestivamente adoperata per mettere in sicurezza quella zona e garantire così la pubblica incolumità degli utenti.
Già ieri mattina, infatti, dopo l’intervento di somma urgenza effettuato, si è proceduto alla riapertura della strada provinciale al transito dei mezzi.

20/04/2019 Sospensione idrica oggi 20 Aprile in Basilicata

Potenza: a causa deld protrarsi dei lavori di riparazione, l'erogazione idrica in contrada Poggio Cavallo, contrada Rossellino, via Rifreddo e via De Nicola resterà sospesa fino alla mezzanotte.

19/04/2019 Sospensione idrica a Rionero In Vulture

Rionero in Vulture: per consentire lavori di manutenzione straordinaria del serbatoio cittadino, martedì 23 aprile l’erogazione idrica sarà sospesa dalle ore 14 alle ore 7 del mattino successivo, salvo imprevisti. La sospensione riguarderà l’intero abitato ad eccezione delle frazioni di Monticchio e delle seguenti zone: contrada Scascione, contrada Ventaruolo, contrada Colonnello, via del Brigantaggio, via Padre Tortorella, viale della Bramea, via della Ninfea Bianca, via Alborella Vulturina, via Fontana Castagno e strade limitrofe.

Noi e quella sacrosanta ''cultura del territorio''
di Mariapaola Vergallito

“I lucani conoscono la frana. I contadini lucani sono vissuti da sempre con la frana, l’orecchio teso a quel fremito oscuro, l’occhio attento a scrutare le rughe della terra. Ma un tempo nessuno la violentava la terra. La temevano, la rispettavano. Istintivamente si tramandavano quella che modernamente si è poi chiamata “cultura del territorio”. Oggi, nell’era della scienza, è proprio quella cultura che è venuta meno. Dalle paure ancestrali si è passati al s...-->continua



 



Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo