HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

 

 

la Chiesa che è in Tursi-Lagonegro, si arricchisce di sei nuovi Presbiteri

20/06/2013



Fervide lodi a Dio, assieme al Vescovo e al Presbiterio diocesano, elevano le Parrocchie di origine dei giovani che, a partire da sabato 29 giugno e fino a sabato 24 agosto 2013, per l’imposizione delle mani e la preghiera consacratoria di Sua Eccellenza Reverendissima monsignor Francesco Nolè, riceveranno l’ordinazione presbiterale. Un evento di grazia per la Chiesa lucana e una benedizione particolare per la Diocesi che è in Tursi-Lagonegro. La stessa Diocesi ha annunciato l’evento attraverso un comunicato stampa dell’Ufficio delle Comunicazioni Sociali che riportiamo integralmente:

Concluso l’iter formativo presso il Seminario Maggiore di Basilicata “Giovanni Paolo II” con il conseguimento del Baccellierato in Teologia, presso l’Istituto Teologico Lucano affiliato alla Pontificia Facoltà Teologica dell’Italia Meridionale (Napoli), la Diocesi di Tursi-Lagonegro annuncia che nei prossimi due mesi ci saranno sei ordinazioni presbiterali. Un grande evento di grazia per la Chiesa diocesana che si inserisce nell’Anno della Fede e nel periodo in cui i giovani di tutto il mondo si preparano alla GMG di Rio de Janeiro con Papa Francesco e la Basilicata si da appuntamento a Maratea (PZ) il 27 e 28 luglio per vivere la Giornata a livello locale.
Due mesi in cui, attraverso la preparazione e le ordinazioni che avverranno nelle Comunità parrocchiali di origine (Nemoli, Senise, Sant’Arcangelo, Lauria e Latronico), si vivranno periodi intensi di meditazione, riflessione e preghiera sul “sacerdozio”, con una speciale attenzione in termini di proposta vocazionale.
Un periodo, quello estivo, che permette al Vescovo diocesano, Monsignor Francesco Nolè, di ripetere con forza le parole del Messaggio per la GMG: “Cari giovani, lasciatevi attrarre dal Cristo Redentore… Lasciatevi amare da Lui e sarete i testimoni di cui il mondo ha bisogno”.
“Siamo consapevoli – afferma ancora il Vescovo – che la generosità di questi giovani non sia da leggere come un merito ma come un compito. Tocca infatti ai chiamati, che hanno risposto il loro “eccomi” al Signore, mostrare che non c’è fedeltà che non preveda la missione, non c’è gioia più grande di quella che viene dal raccontare che la felicità viene dall’aver incontrato la fonte della gioia… e questo non si può tenere stretto per sé”.
La parrocchia di Senise per l’ordinazione di don Giovanni e don Michelangelo del 6 luglio prossimo è in grande fermento già da qualche mese. Settimana importante quella che precederà l’ordinazione. Infatti, dal 1 al 5 luglio, oltre alla messa quotidiana, ci saranno delle veglie di preghiera che si svolgeranno dalle 21,00 nella Chiesa di S. Francesco. Il 5 luglio solenne liturgia eucaristica per la ricorrenza del 70° anniversario dell’ordinazione sacerdotale di don Egidio Guerriero e a concludere un musical nello scenario del nuovo sito dietro la chiesa di S. Francesco. Conosciamo meglio i sei prossimi sacerdoti della Diocesi di Tursi-Lagonegro:

Michelangelo Crocco, originario della parrocchia “Maria SS. della Visitazione” in Senise (PZ), è nato il 19 febbraio 1979. Dopo il diploma di ragioneria a Senise, va a Viterbo per gli studi, dove si laurea in Conservazione dei beni artistici e biblioteconomia. Qualche esperienza lavorativa nel Centro Italia poi, dopo il periodo di discernimento, è al Seminario di Viterbo e dal 3° anno ha continuato la formazione a Potenza. Ha svolto il proprio ministero diaconale a Chiaromonte.

Antonio Donadio, della parrocchia “Sant’Egidio Abate” in Latronico, è nato il 1° agosto 1987. Maturità scientifica a Latronico, ha vissuto gli anni della formazione nel Seminario di Basilicata. Servizio diaconale a Viggianello. Sacerdote il 24 agosto.

Luciano Labanca, della parrocchia “San Nicola di Bari” in Lauria, è nato il 5 luglio 1987. Maturità classica a Lauria, esperienze parrocchiali, poi formazione presso il Seminario di Basilicata. Servizio diaconale presso “S. Maria del Ponte” in Policoro e ospedale cittadino. Sacerdote il 10 agosto.

Giovanni Messuti, della parrocchia “Maria SS. della Visitazione” in Senise, è nato il 12 febbraio 1987. Ha frequentato il Liceo scientifico-linguistico a Sant’Arcangelo, esperienze parrocchiali. Formazione presso il Seminario di Basilicata. Servizio diaconale a Roccanova.

Giuseppe Viggiani, della parrocchia “San Nicola di Bari” in Sant’Arcangelo, è nato il 18 giugno 1985. Dopo la maturità scientifico-linguistica a Sant’Arcangelo, avendo vissuto varie esperienze parrocchiali, inizia un discernimento vocazionale in Diocesi. Poi fa un’esperienza di alcuni anni nella fraternità dei Frati Minori della Provincia salernitano-lucana, dove inizia il proprio cammino di formazione al sacerdozio. Questo percorso è continuato presso il Seminario di Basilicata. Ministero diaconale a Maratea. Sacerdote il 2 agosto.
Antonio Zaccara, della parrocchia “Maria SS. delle Grazie” in Nemoli, è nato il 6 maggio 1987. Dopo la maturità presso l’Istituto per geometri di Lagonegro, vivendo l’esperienza parrocchiale a Nemoli, inizia la formazione presso il Seminario Maggiore di Basilicata. Servizio diaconale a Tursi. Sarà ordinato sacerdote il 29 giugno.


Vincenzo diac. Terracina




ALTRE NEWS

CRONACA

21/05/2019 - Agenzia entrate. Matera, arriva il ''prenota ticket''
21/05/2019 - Sinnica: riapertura attesa per giovedì
21/05/2019 - Basilicata. Hascisc, una 38enne arrestata a Matera
21/05/2019 - Terremoto: due scosse nel Nordbarese, avvertito anche a Matera

SPORT

21/05/2019 - Serie D, Poule Scudetto: il Picerno deve battere l’Avellino
21/05/2019 - Lo Monaco (Catania ) risponde a patron Caiata ( Potenza Calcio )
21/05/2019 - Rotonda: ieri il “Memorial Domenico Attilio Cavaliere – Walter Bloise”
20/05/2019 - Potenza Calcio,analisi del tecnico Raffaele nel post partita con il Catania

Sommario Cronaca                                  Sommario Sport

NEWS BREVI

21/05/2019 Sospensione idrica oggi 21 Maggio in Basilicata

Pignola: per consentire il ripristino del livello dei serbatoi, l'erogazione dell'acqua potabile in contrada Rifreddo e nelle zone limitrofe sarà sospesa dalle ore 09:00 alle ore 19:00 di oggi salvo imprevisti.

20/05/2019 Sospensioni idriche 20 maggio 2019

Senise: a causa di un guasto improvviso, l'erogazione idrica sarà sospesa in località Pettirosso dalle ore 08:30 di domani mattina fino al termine dei lavori.
Rionero in Vulture: a causa di un guasto improvviso l'erogazione idrica in via Rigilo e nelle strade limitrofe resterà sospesa fino al termine dei lavori di riparazione.
Muro Lucano: per consentire il ripristino del livello dei serbatoi, l'erogazione dell'acqua potabile sarà sospesa dalle ore 18:00 di oggi alle ore 07:00 di domani mattina salvo imprevisti, nelle seguenti contrade: Cappuccini, Belvedere, San Antuono, Sopra Maddalena e Conserva.
Rionero: per consentire l'esecuzione di lavori di riparazione, l'erogazione dell'acqua potabile sarà sospesa in via E. Alessandrini, via G. Rossa, via M. Rigillo e sue traverse, via M. Miradio della Provvidenza, via Padre Pio e contrada Fontana Maruggia dalle ore 08:30 alle ore 14:00 del giorno 23 maggio 2019, salvo imprevisti.

17/05/2019 Sospensione idrica San martino

Palazzo San Gervasio: a causa di un guasto improvviso, l'erogazione idrica sarà sospesa in via Roma dalle ore 13:30 alle ore 17:30, salvo imprevisti
Armento: per consentire il ripristino del livello dei serbatoi, l'erogazione dell'acqua potabile sarà sospesa in contrada Barone dalle ore 21:00 di oggi alle ore 08:00 di domani mattina, salvo imprevisti.
San Martino d'Agri: per consentire il ripristino del livello dei serbatoi, l'erogazione dell'acqua potabile sarà sospesa dalle ore 22:30 di oggi alle ore 08:00 di domani mattina salvo imprevisti.
Venosa: a causa di un guasto improvviso l'erogazione idrica sarà sospesa dalle ore 09:00 alle ore 12:00, salvo imprevisti, nell'intero centro storico: via Garibaldi, corso Vittorio Emanuele II, via Frusci, via Annunziata, via Roma e strade limitrofe.

La pesante leggerezza dell'ipocrisia. Dedicato ai fatti di Manduria
di Giovanni Paolo Ferrari

Incubi riaffiorano alla memoria e con loro alcune delle molte vittime del bullismo e dell’omertà nei nostri paesini... Tra tutti due donne povere e anziane che non avevano mai fatto del male a nessuno: Lucia detta “a Vertel” a Nemoli e un’altra “povera crista” che viveva in Piazza Plebiscito a Sapri e della quale pur sforzandomi non ricordo il soprannome (il nome non l’ho mai saputo...). Unica colpa delle due poverette? Aver perso un po’ il senno durante la ...-->continua



 



Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo