HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

 

 

Senise: genitori sul piede di guerra per la sicurezza della Villa Comunale

21/05/2013



Una richiesta di rimozione immediata dei giochi pericolosi che si trovano nella Villa Comunale indirizzata al sindaco del comune di Senise e, per conoscenza, alla locale caserma. E’ l’esposto che un gruppo di genitori senisesi ha inviato per segnalare la pericolosità di alcuni punti della Villa Comunale, soprattutto quelli nei quali sono ospitati i giochi dei bambini, ormai fatiscenti e oggettivamente pericolosi. “Piacerebbe a noi genitori avere a disposizione uno spazio idoneo al gioco e alle attività ludiche dei nostri figli, ma se ciò non è possibile, pretendiamo , e lo faremo ricorrendo anche ad altre autorità, che venga salvaguardata l’incolumità dei nostri bambini. Nel caso in cui la rimozione o la messa in sicurezza dei giochi presenti nella Villa Comunale non avvenisse in tempi repentini chiederemo alle autorità giudiziarie di competenza e alle Forze dell’Ordine, la chiusura forzata della villa comunale, onde prevenire ed evitare che i Nostri figli incorrano in gravi incidenti”.
Già un anno fa (luglio 2012) La Siritidee la Gazzetta del Mezzogiorno avevano segnalato lo stato di forte disagio della Villa. All’epoca l’unico problema poi risolto fu quello riguardante il sistema di illuminazione che aveva lasciato praticamente l’intero spazio al buio.
“La società che gestisce l’area- ci aveva detto all’epoca il sindaco Giuseppe Castronuovo- ha la gestione dell’intera area ma solo per quella collocata nella parte inferiore ha la competenza e la responsabilità della manutenzione degli impianti”. E, infatti, è la sola parte attualmente funzionante. “Della parte, diciamo così, alta- continua il sindaco- quella dove ci sono anche le altalene e lo scivolo, la società ha la sola competenza di mantenere pulito il manto erboso. Della manutenzione straordinaria, come nel caso dell’impiantistica elettrica, ha competenza il Comune”. E, infatti, proprio il Comune dovrà provvedere a risolvere i guasti e il degrado esistenti.
“Abbiamo trasferito alcuni fondi per effettuare i dovuti interventi- spiega il sindaco- si tratta di circa 14mila euro che, in parte, serviranno per ripristinare l’energia elettrica, in parte per mettere in sicurezza e riqualificare l’area giochi”. Interventi sacrosanti e, se è possibile, da realizzarsi con celerità.
ARTICOLO LUGLIO 2012

lasiritide.it



ALTRE NEWS

CRONACA

16/02/2019 - Esplosione Francavilla: gravissimo un ferito, il racconto di un soccorritore
16/02/2019 - Ladri baresi arrestati a Matera dopo un inseguimento
16/02/2019 - Regione Basilicata chiederà risarcimento ad Eni per sversamento Cova
15/02/2019 - Tentò di aggredire il sindaco: arrestato

SPORT

17/02/2019 - Eccellenza: allungo del Grumentum
17/02/2019 - Serie D, G/H: il Francavilla crolla nella ripresa contro la Gelbison
17/02/2019 - Pasquale Larocca ad Anchorage, in Alaska, in attesa della gara - VIDEO
16/02/2019 - Futsal C1: il Senise batte il Lavello e continua la rincorsa in classifica

Sommario Cronaca                                  Sommario Sport

NEWS BREVI

17/02/2019 Eccellenza: risultati 23^ giornata

Pomarico – Ferrandina 3-1
Latronico – Moliterno 1-2
Real Metapontino Montescaglioso 2-1
Lavello – Murese 4-0
Melfi – Policoro 1-0
Avigliano – Real Senise 1-0 Grumentum Val d'Agri – Real Tolve 3-0
Vultur – Ripacandida 0-0

17/02/2019 Promozione: risultati 20^ giornata

Possidente-AtleticoLauria 0-1
Virtus Bella- Brienza 1-5
Anzi- Miglionico 4-1
Raf Vejanum- Oppido 1-0 Castelluccio–Oraziana Venosa 5-2
Paternicum- Santarcangiolese 2-1
Lu Tito- San Cataldo 1-3

17/02/2019 Calcio 1^ Ctg./B: risultati 18^ giornata

Tursi -Elettra Marconia 0-2 Peppino Campagna - Bernalda Irsina 6-1
Atletico Montalbano -Montemurro 5-0
Castelsaraceno -Salandra 2-1
V. R.Episcopia Calcio -Tricarico Pozzo Sicar 1-4
Libertas Montescaglioso -Viggianello 1-3

Noi e quella sacrosanta ''cultura del territorio''
di Mariapaola Vergallito

“I lucani conoscono la frana. I contadini lucani sono vissuti da sempre con la frana, l’orecchio teso a quel fremito oscuro, l’occhio attento a scrutare le rughe della terra. Ma un tempo nessuno la violentava la terra. La temevano, la rispettavano. Istintivamente si tramandavano quella che modernamente si è poi chiamata “cultura del territorio”. Oggi, nell’era della scienza, è proprio quella cultura che è venuta meno. Dalle paure ancestrali si è passati al s...-->continua



 



Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo