HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

 

 

“Romanzo Naturale”diretto da Ulderico Pesce, oggi in scena a San Paolo A.

11/05/2013



Lo spettacolo “Romanzo Naturale”, tratto dall’omonima opera di Georgi Gospodinov, tra i miglior romanzieri bulgari, in scena per la prima volta in Italia grazie al Nucleo Giovanile del Centro Mediterraneo delle Arti, sarà rappresentato questa sera, 11 maggio, presso il centro per la creatività di San Paolo Albanese alle ore 20,00,
Il protagonista del lavoro è uno scrittore alla ricerca di un nuovo stile compositivo strutturato su frammenti, su indizi, per lui la ricerca del “sublime” è da dirigere verso il “quotidiano”, verso la vita naturale.
In questa frammentarietà, un nucleo narrativo più forte è il fallimento del matrimonio tra lo scrittore ed Ema, una donna con un grande istinto materno insoddisfatto, che riversa in modo incondizionato, sulla gatta siamese Miza, nello spettacolo interpretata da un attrice, che lei tratta come una vera e propria figlia, dandole il biberon e vestendola con vestitini per neonati. Anche il marito scrittore si serve dell’aiuto di un gatto, Pazo, un randagio, che a suo modo cerca di colmare le insoddisfazioni stilistiche del padrone suggerendogli una modalità tradizionale della “scrittura alla Dickens” fatta di personaggi compiuti, caratterizzati da un preciso passato, che lui non accetta perché non vuole scrivere storie compiute che hanno un inizio e una fine ma vuole invece, tentare di raccontare per frammenti il quotidiano, fatto di tante storie da assemblare in un tutt’uno. Il rifiutare i canoni tradizionali della scrittura, significa per lui la non accettazione dell’idea di una composizione con un inizio e una fine. Anzi, strutturando la composizione sulla frammentarietà, si accorge dell’impossibilità di un finale, di un apocalisse. Si rende conto che la tragedia dello scrittore contemporaneo è l’impossibilità di scrivere e vivere un finale compiuto. La stessa tragedia la vive l’uomo moderno la cui vita è caratterizzata ormai da precarietà e frammentarietà assoluta senza alcuna possibilità di realizzare reali obiettivi. E’ proprio questa tragedia dell’impossibilità del vivere che muove il protagonista verso la ricerca di un nuovo stile. Così nella figura dello scrittore si concentrano due fallimenti, quello del suo matrimonio e quello del racconto tradizionale. Al fallimento del matrimonio segue una causa di separazione in tribunale, complicata dal fatto che, nel frattempo ha scoperto che la moglie è incinta di un altro. Il tribunale si trasforma in un luogo surreale dove nulla può essere deciso, dove la “giustizia non giudica”, un luogo dove affiorano solo i ricordi e dove il tragico dell’esistenza diventa l’assurdo comico e grottesco del vivere quotidiano.
La Natura allora diventa specchio riflesso dell’interiorità umana, il protagonista arriva a dire: “Quando i litigi con mia moglie sono diventati sempre più frequenti, le foglie del phicus in salotto hanno cominciato a ingiallire e cadere”, a sottolineare che il rapporto tra UOMO e NATURA si è fatto intimo e la natura diventa in qualche modo l’unico appiglio su cui aggrapparsi.

Se il testo portato in scena rifiuta le logiche tradizionali della narrazione, lo spettacolo teatrale, portato in scena presso il Centro per la Creatività di San Paolo Albanese, in provincia di Potenza, nato grazie al progetto “Visione Urbane” della Regione Basilicata, vuole essere una sfida alle logiche della rappresentazione tradizionale. E allora lo spazio scenico è concepito come un tutt’uno dove gli attori e i musicisti lavorano a stretto contatto con il pubblico. Assenza di palcoscenico, pubblico disposto a semicerchio attorno agli attori e ai musicisti, azioni sceniche eseguite su carrelli mobili, ai lati, due schermi dove vengono proiettate immagini relative a quegli elementi naturali che contraddistinguono l’area dove lo spettacolo debutterà: il letto del fiume Sarmento, sassi, alberi secolari, il massiccio del Pollino, i fiori, le zampogne e la loro musica suonata dal vivo. Musica popolare utilizzata nello spettacolo che è la caratterizzazione antropologica dell’ambiente dove si colloca il teatro. In questo modo si mette in evidenza anche una linea comune tra la stessa area, la Val Sarmento, e la Bulgaria, proprio per la presenza della cultura Balcanica arrivata nell’area grazie alle popolazioni arberesche che dal 1400 animano il territorio con la loro grande cultura. Lo spettacolo, che nasce grazie a un progetto europeo nato in collaborazione con l’Università Popolare del Pollino, vuole inserirsi in un contesto culturale che vede legate la Bulgaria e la Basilicata, Sophia e Matera, candidate a Capitale della cultura europea nel 2019. Nel contempo mira a creare e sviluppare incroci e rapporti culturali tra due aree geografiche europee che hanno caratteristiche antropologiche comuni.
ROMANZO NATURALE tratto dall’opera di Georgi Gospodinov
Adattamento e regia
Ulderico Pesce
con
MATTEO ARMENTANO, ANGELICA CESTARI, NUNZIA CRESCENZO, ILARIA DE FINA, MARIELLA DE FINA,
ROSSELLA DI GIROLAMO, SILVIA FARINA, NICOLA FERRARI, EMANUELA GIASI, ANNA ONORATI,
GIUSEPPE RICCARDI, ANTONELLA SOFIA, MARIANNA TOTARO, DOMENICO PAOLO VELTRI



ALTRE NEWS

CRONACA

24/06/2019 - Potenza. Minaccia di morte l'ex moglie, arrestato
24/06/2019 - Fca: a Melfi stop produzione in 30 turni
24/06/2019 - Carenze personale medico UOC Neonatologia e TIN al San Carlo
24/06/2019 - Incidente Sinnica con cinghiale: da venerdì la carcassa dell'animale è ancora lì

SPORT

24/06/2019 - Presentata a Policoro la ''Academy Picerno''
24/06/2019 -  US Castelluccio: si riparte con il gioiellino Mecca fra i pali
24/06/2019 - Serie C, Picerno: nominati direttore sportivo e responsabile area tecnica
24/06/2019 - Risultati sportivi cittadini montesi

Sommario Cronaca                                  Sommario Sport

NEWS BREVI

24/06/2019 Ortofrutta in crisi, firmato un accordo

Per affrontare le conseguenze della "grave crisi commerciale" del settore dell'ortofrutta, Coldiretti Basilicata e Spesì hanno concluso a Policoro (Matera) il "primo accordo di filiera". Lo ha annunciato Coldiretti Basilicata, ricordando che il settore ortofrutticolo ha anche "subito ingenti danni dalle ultime dannose ed eccezionali attività atmosferiche". Il progetto promosso da Coldiretti è denominato "Io sono lucano".

24/06/2019 Sospensione idrica a Pisticci

Pisticci: a causa di un guasto, dalle ore 07:30 di domani mattina fino al termine dei lavori di riparazione nelle località San Basilio, lido 48 e San Teodoro si potrebbero verificare cali di pressione o la sospensione dell'erogazione idrica.

22/06/2019 Castelluccio Inferiore: martedì, work conference sul Pollino

A Castelluccio Inferiore, nella Sala Consiliare di Largo Marconi, alle ore 18 di mercoledì 26 giugno, si svolgerà una work conference intitolata: “Territori e Sviluppo Sociale nel Pollino”, “Aspetti nutraceutici e sociali delle piante officinali”. L’incontro è organizzato da A’Naca Basilicata, orizzonti sostenibili.
Interverranno: il sindaco di Castelluccio Inferiore Paolo Francesco Campanella, per i saluti istituzionali; Francesco Forte (di A’Naca Basilicata, la sfida sociale per la sostenibilità) e Francesca Scannone (di e-nutrition, piante officinali), entrambi della Fondazione Eni Enrico Mattei; Aldo Aufierro (Masseria Meldoro 2.0, la fattoria del benessere), di Masseria Meldoro Coop. Sociale; Egidia Salomone (la filiera delle erbe officinali), di Evra; Domenico Cerbino (le piante officinali del Pollino), di Alsia.

Buttate le quote rosa come i reggiseni negli anni Settanta
di Mariapaola Vergallito

Puttane. Sante. Streghe. Oche. Chi lo ha detto che alla donna, nei secoli, non sia stato ritagliato un ruolo, riservato un posto incasellato nell’angolino di un mosaico quasi tutto maschile? E non parlo solo del mondo cattolico, come la citazione iniziale farebbe pensare (Guy Bechtel, Le quattro donne di Dio). La donna non è mai veramente stata ‘donna’ e basta. Puttane. Sante. Streghe. Oche. E quote rosa. Nel 2018, in occasione del settantesimo anniversari...-->continua



 



Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo