HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

 

 

Comitato per riapertura Parco di Montecotugno: 850 firme raccolte finora

12/04/2013



Anche il comitato proponente la riapertura del Parco sportivo Montecotugno a Senise si esprime in merito alla seduta consiliare richiesta dalle minoranze e disertata dalla maggioranza. Seduta che avrebbe dovuto avere, tra gli 11 punti all’ordine del giorno, proprio lo stato dell’arte sulla struttura polivalente di Montecotugno. Intanto il comitato fa sapere di aver provveduto ad inviare il plico contenente la documentazione prodotta inerente lo stato di degrado e abbandono del Parco,con la sottoscrizione di circa 850 cittadini appartenenti a vari comuni dell’interland, al Presidente della Regione Basilicata, al Presidente della Provincia di Potenza, all’Amministrazione comunale e ai consiglieri di minoranza del comune di Senise. “Ad oggi- dicono dal comitato- fatta eccezione per i consiglieri di minoranza, pronti a discutere in sede di consiglio, l’unica risposta Istituzionale è il comunicato stampa del Vicepresidente del Consiglio Provinciale, Romano Cupparo.
Il giorno 11 aprile 2013 abbiamo assistito, nella sala consiliare del comune di Senise, data l’assenza della maggioranza, ad una grave caduta di democrazia che ha provocato sconcerto e delusione in tanti cittadini che come noi attendevano l’apertura della seduta , vissuta come “momento di indiscutibile valore sociale per una integrazione e partecipazione cittadina alla vita amministrativa del Comune ”. Volendo concedere il “BENEFICIO DEL DUBBIO” e nella speranza che le nostre perplessità vengano smentite, saremo presenti di nuovo lunedì 15 alla convocazione in seconda seduta del consiglio comunale chiesto dalla minoranza, volendo letteralmente approfittare di questo momento per ottenere risposte certe e pubbliche in merito alla nostra richiesta: tavolo tecnico regionale, provinciale e comunale per discutere sui modi e tempi della ristrutturazione e riapertura del centro sportivo Montecotugno e sulla possibilita’, non ancora sfruttata, di candidare la riqualificazione del parco nell’ambito del progetto senisese.Se poi, l’amministrazione comunale, ritiene non idonea la sede del consiglio comunale, ci dia indicazioni su altri luoghi e modi di apertura e di confronto. Nel frattempo continua la raccolta firme”.



ALTRE NEWS

CRONACA

25/03/2019 - Ecco il ''nuovo Consiglio Regionale''
24/03/2019 - Elezioni regionali Basilicata. Affluenza sopra il 50%. I dati dello scrutinio
24/03/2019 - Elezioni regionali Basilicata. Alle 19 l'affluenza intorno al 40%
24/03/2019 - Rionero in Vulture. Due donne tentano furto in auto, ma vengono arrestate

SPORT

25/03/2019 - Futsal: la Venus Lauria vince il campionato e sale in A2
25/03/2019 - Comitato Provinciale Us Acli di Matera,selezione della Rappresentativa 2019
24/03/2019 - Serie D, G/H: il Picerno vince ancora e vola in classifica
24/03/2019 - Atletico Lauria, Riccio: ‘Vinto sempre nel rispetto degli avversari’

Sommario Cronaca                                  Sommario Sport

NEWS BREVI

25/03/2019 Sospensione Idrica a Picerno

Picerno: a causa di un guasto improvviso l'erogazione idrica sarà sospesa dalle ore 10:00 alle ore 17:00 di domani, salvo imprevisti, nelle seguenti zone: piazza Plebiscito, via Tasso, via X Maggio, via San Nicola, via Cavour, via Santa Lucia e piazza Forlenza.

24/03/2019 Calcio 2^ Ctg./C: risultati 17^ giornata

ACS =9 – Real Chiaromonte 1-1
Lanese – Real Grumento 2-1
Sanseverinese – Sporting Lucania 6-2
Proloco Spinoso – City Sport Agromonte 2-3

24/03/2019 Calcio 1^ Ctg./B: risultati 23^ giornata

Peppino Campagna – A.Montalbano 3-0
VR Episcopia – Città Dei Sassi Matera 1-1
Tramutola – Elettra Marconia 1-1
Irsina – L.Montescaglioso 4-1
Salandra – Montemurro 3-0
Castelsaraceno – Tursi 0-1
Tricarico – Viggianello 6-3

Noi e quella sacrosanta ''cultura del territorio''
di Mariapaola Vergallito

“I lucani conoscono la frana. I contadini lucani sono vissuti da sempre con la frana, l’orecchio teso a quel fremito oscuro, l’occhio attento a scrutare le rughe della terra. Ma un tempo nessuno la violentava la terra. La temevano, la rispettavano. Istintivamente si tramandavano quella che modernamente si è poi chiamata “cultura del territorio”. Oggi, nell’era della scienza, è proprio quella cultura che è venuta meno. Dalle paure ancestrali si è passati al s...-->continua



 



Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo