HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

 

 

Due giorni biblico-teologica a Chiaromonte 18-19 febbraio 2013

17/02/2013



"Parrocchia e Nuova Evangelizzazione. La corresponsabilità dei Fedeli Laici" è il tema della Due giorni di formazione biblico-teologica che la Diocesi di Tursi-Lagonegro propone per lunedì 18 e martedì 19 febbraio 2013 presso l'Ostello della Gioventù a Chiaromonte (PZ). Nel contesto dell’Anno della fede sarà occasione utile per riflettere e ripartire con lucida consapevolezza proprio dalla valenza pastorale della vita ecclesiale e dalla testimonianza dei fedeli laici, protagonisti e corresponsabili nell’annuncio del Vangelo con la parola e con la vita nelle nostre parrocchie, al tempo della Nuova Evangelizzazione.
Consapevoli che con il nome di “laici” si intenda “l’insieme dei cristiani ad esclusione dei membri dell’ordine sacro e dello stato religioso sancito nella Chiesa, i fedeli cioè, che, dopo essere stati incorporati a Cristo col battesimo e costituiti popolo di Dio e, nella loro misura, resi partecipi dell'ufficio sacerdotale, profetico e regale di Cristo, per la loro parte compiono, nella Chiesa e nel mondo, la missione propria di tutto il popolo cristiano” (cfr. Lumen gentium, 31), il punto di partenza non possono che essere i testi del Concilio, di cui celebriamo il 50mo anniversario della sua apertura.
“Il carattere secolare è proprio e peculiare dei laici… Per loro vocazione è proprio dei laici cercare il regno di Dio trattando le cose temporali e ordinandole secondo Dio. Vivono nel secolo, cioè implicati in tutti i diversi doveri e lavori del mondo e nelle ordinarie condizioni della vita familiare e sociale, di cui la loro esistenza è come intessuta. Ivi sono da Dio chiamati a contribuire, quasi dall’interno a modo di fermento, alla santificazione del mondo esercitando il proprio ufficio sotto la guida dello spirito evangelico, e in questo modo a manifestare Cristo agli altri principalmente con la testimonianza della loro stessa vita e col fulgore della loro fede, della loro speranza e carità. A loro quindi particolarmente spetta di illuminare e ordinare tutte le cose temporali, alle quali sono strettamente legati, in modo che siano fatte e crescano costantemente secondo il Cristo e siano di lode al Creatore e Redentore” (LG 31).
Il credente, oggi ancor più che in passato, è messo alla prova due volte: la ‘prima fedeltà’ alla propria fede, vissuta nella comunione ecclesiale, deve essere conciliata con una ‘seconda fedeltà’ al mondo, dove il laico vive ed opera.
Con il corso di formazione che la Diocesi propone si ribadirà che è importante ripartire dall’ecclesiologia di comunione, valorizzando la categoria teologica di “popolo di Dio”. L’universale vocazione alla santità e la riflessione sulla figura del “fedele laico” devono far riconoscere il primato di Dio e l’altezza della trascendenza, e dentro questo orizzonte collocare sia l’indole secolare, propria del fedele laico, sia la sua corresponsabilità ecclesiale.
A presiedere sarà S. E. Mons. Francesco Nolè, vescovo diocesano.
Il Programma si articola in tre momenti, due dei quali, al pomeriggio, sono rivolti ai Fedeli tutti della Diocesi, Sacerdoti, Religiosi e Laici, un terzo, quello di martedì mattina, è per i soli presbiteri.
Di seguito il dettaglio del programma:

Lunedì 18 Febbraio - ore 15,30 “I Fedeli Laici: identità e partecipazione”
relatore: don Pio ZUPPA, Istituto Pastorale Pugliese

Martedì 19 Febbraio - ore 9,30 (per i soli sacerdoti) “La promozione della corresponsabilità dei Fedeli Laici”
relatore: don Pio ZUPPA, Istituto Pastorale Pugliese

Martedì 19 Febbraio - ore 15,30 “I Fedeli Laici: testimonianza e missione”
relatore: don Giuseppe CITO, Istituto Pastorale Pugliese

- Il prof. don Pio Zuppa, catecheta e professore di teologia pastorale nella Facoltà Teologica Pugliese presso l’Istituto Teologico “Regina Apuliae” di Molfetta (Ba), è direttore della “Rivista di Scienze Religiose” dal 2010 e coordinatore didattico dell’IBF nell’Istituto Pastorale Pugliese (Molfetta).

- Il prof. don Giuseppe Cito, catecheta, è parroco nella chiesa matrice di Noci (Ba) e socio AICa, direttore dell’Ufficio Catechistico della diocesi di Conversano-Monopoli e componente dell’équipe di formatori dell’Istituto Pastorale Pugliese (Molfetta).

don Giovanni Lo Pinto




ALTRE NEWS

CRONACA

25/03/2019 - Ecco il ''nuovo Consiglio Regionale''
24/03/2019 - Elezioni regionali Basilicata. Affluenza sopra il 50%. I dati dello scrutinio
24/03/2019 - Elezioni regionali Basilicata. Alle 19 l'affluenza intorno al 40%
24/03/2019 - Rionero in Vulture. Due donne tentano furto in auto, ma vengono arrestate

SPORT

25/03/2019 - Futsal: la Venus Lauria vince il campionato e sale in A2
25/03/2019 - Comitato Provinciale Us Acli di Matera,selezione della Rappresentativa 2019
24/03/2019 - Serie D, G/H: il Picerno vince ancora e vola in classifica
24/03/2019 - Atletico Lauria, Riccio: ‘Vinto sempre nel rispetto degli avversari’

Sommario Cronaca                                  Sommario Sport

NEWS BREVI

25/03/2019 Sospensione Idrica a Picerno

Picerno: a causa di un guasto improvviso l'erogazione idrica sarà sospesa dalle ore 10:00 alle ore 17:00 di domani, salvo imprevisti, nelle seguenti zone: piazza Plebiscito, via Tasso, via X Maggio, via San Nicola, via Cavour, via Santa Lucia e piazza Forlenza.

24/03/2019 Calcio 2^ Ctg./C: risultati 17^ giornata

ACS =9 – Real Chiaromonte 1-1
Lanese – Real Grumento 2-1
Sanseverinese – Sporting Lucania 6-2
Proloco Spinoso – City Sport Agromonte 2-3

24/03/2019 Calcio 1^ Ctg./B: risultati 23^ giornata

Peppino Campagna – A.Montalbano 3-0
VR Episcopia – Città Dei Sassi Matera 1-1
Tramutola – Elettra Marconia 1-1
Irsina – L.Montescaglioso 4-1
Salandra – Montemurro 3-0
Castelsaraceno – Tursi 0-1
Tricarico – Viggianello 6-3

Noi e quella sacrosanta ''cultura del territorio''
di Mariapaola Vergallito

“I lucani conoscono la frana. I contadini lucani sono vissuti da sempre con la frana, l’orecchio teso a quel fremito oscuro, l’occhio attento a scrutare le rughe della terra. Ma un tempo nessuno la violentava la terra. La temevano, la rispettavano. Istintivamente si tramandavano quella che modernamente si è poi chiamata “cultura del territorio”. Oggi, nell’era della scienza, è proprio quella cultura che è venuta meno. Dalle paure ancestrali si è passati al s...-->continua



 



Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo