HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

 

 

Sindaco di Cersosimo: ricorso al Tar contro i tagli alle Poste

17/02/2013



Dopo il taglio annunciato dalle Poste, la Giunta comunale di Cersosimo ha dato mandato al sindaco Pietro Gulmì di firmare il ricorso al Tar per chiedere l’annullamento del provvedimento che sta causando tensioni e disagi nella popolazione, “visto che l’unico ufficio resterà aperto nei soli giorni dispari (lunedì, mercoledì e venerdì), mentre resterà chiuso nei restanti giorni non festivi”. L’ufficio dal 19 dicembre scorso praticamente funziona a singhiozzo. Questo si legge nella prima parte del comunicato. Un ricorso contro il ridimensionamento, dunque, che penalizza e non poco una comunità che già convive da anni con tagli di ogni genere, mettendo in ginocchio una società da sempre laboriosa e rispettosa delle leggi. “Nonostante la disponibilità dell'Amministrazione comunale di accollarsi anche costi per eventuali servizi finanziari offerti,più volte ribadita a Poste Italiane, al fine di salvaguardare un servizio fondamentale per la popolazione, l'ufficio postale di Cersosimo -si legge in una nota - è stato razionalizzato, causando, così, non pochi disagi alla popolazione costituita per lo più da anziani, costretti a fare minimo 12 chilometri per recarsi all’ufficio postale di Noepoli, anche solo per ritirare la pensione. Da qui la decisione del Comune di Cersosimo di adire le vie legali. È inaccettabile – spiega un combattivo Gulmì - che i cittadini vengano privati di un servizio necessario, nonostante le azioni intraprese. “Una semplice nota dalle Poste Italiane- chiarisce il primo cittadino- ricevuta il 10 dicembre 2012, mi comunicava che a partire dal 19 dello stesso mese l'ufficio sarebbe rimasto aperto per soli tre giorni a settimana, con il seguente orario: dalle 8.15 alle 13.45. Nella stessa comunicazione – sottolinea il Sindaco- vengono richiamati precedenti colloqui intervenuti con l'Amministrazione comunale, nel corso dei quali mi sarebbe stata anticipata l'intenzione di prendere tale decisione e mi sarebbero state illustrate le ragioni per giustificare tale decisione. A tutto ciò – evidenzia il primo cittadino di Cersosimo- ho replicato con missiva del 13dicembre 2012, nella quale lamentavo la scorrettezza di un provvedimento adottato con un preavviso quasi del tutto inesistente e niente affatto condiviso con l'Amministrazione e dall’Amministrazione comunale. Contestualmente ho chiesto, per un verso, un incontro formale con i responsabili di Poste Italiane affinché fossero spiegate ai cittadini le ragioni del provvedimento adottato; poi chiedevo, per altro verso, la garanzia di poter fruire dei servizi tutti i giorni della settimana. Il provvedimento adottato da Poste Italiane, ne siamo convinti, lede l’interesse del Comune di Cersosimo, per questo motivo- conclude il sindaco Gulmì- si è ritenuto dover ricorrere al Tar di Basilicata, fiduciosi in un positivo accoglimento”.
Vincenzo Diego



ALTRE NEWS

CRONACA

24/06/2019 - Potenza. Minaccia di morte l'ex moglie, arrestato
24/06/2019 - Fca: a Melfi stop produzione in 30 turni
24/06/2019 - Carenze personale medico UOC Neonatologia e TIN al San Carlo
24/06/2019 - Incidente Sinnica con cinghiale: da venerdì la carcassa dell'animale è ancora lì

SPORT

24/06/2019 - Presentata a Policoro la ''Academy Picerno''
24/06/2019 -  US Castelluccio: si riparte con il gioiellino Mecca fra i pali
24/06/2019 - Serie C, Picerno: nominati direttore sportivo e responsabile area tecnica
24/06/2019 - Risultati sportivi cittadini montesi

Sommario Cronaca                                  Sommario Sport

NEWS BREVI

24/06/2019 Ortofrutta in crisi, firmato un accordo

Per affrontare le conseguenze della "grave crisi commerciale" del settore dell'ortofrutta, Coldiretti Basilicata e Spesì hanno concluso a Policoro (Matera) il "primo accordo di filiera". Lo ha annunciato Coldiretti Basilicata, ricordando che il settore ortofrutticolo ha anche "subito ingenti danni dalle ultime dannose ed eccezionali attività atmosferiche". Il progetto promosso da Coldiretti è denominato "Io sono lucano".

24/06/2019 Sospensione idrica a Pisticci

Pisticci: a causa di un guasto, dalle ore 07:30 di domani mattina fino al termine dei lavori di riparazione nelle località San Basilio, lido 48 e San Teodoro si potrebbero verificare cali di pressione o la sospensione dell'erogazione idrica.

22/06/2019 Castelluccio Inferiore: martedì, work conference sul Pollino

A Castelluccio Inferiore, nella Sala Consiliare di Largo Marconi, alle ore 18 di mercoledì 26 giugno, si svolgerà una work conference intitolata: “Territori e Sviluppo Sociale nel Pollino”, “Aspetti nutraceutici e sociali delle piante officinali”. L’incontro è organizzato da A’Naca Basilicata, orizzonti sostenibili.
Interverranno: il sindaco di Castelluccio Inferiore Paolo Francesco Campanella, per i saluti istituzionali; Francesco Forte (di A’Naca Basilicata, la sfida sociale per la sostenibilità) e Francesca Scannone (di e-nutrition, piante officinali), entrambi della Fondazione Eni Enrico Mattei; Aldo Aufierro (Masseria Meldoro 2.0, la fattoria del benessere), di Masseria Meldoro Coop. Sociale; Egidia Salomone (la filiera delle erbe officinali), di Evra; Domenico Cerbino (le piante officinali del Pollino), di Alsia.

Buttate le quote rosa come i reggiseni negli anni Settanta
di Mariapaola Vergallito

Puttane. Sante. Streghe. Oche. Chi lo ha detto che alla donna, nei secoli, non sia stato ritagliato un ruolo, riservato un posto incasellato nell’angolino di un mosaico quasi tutto maschile? E non parlo solo del mondo cattolico, come la citazione iniziale farebbe pensare (Guy Bechtel, Le quattro donne di Dio). La donna non è mai veramente stata ‘donna’ e basta. Puttane. Sante. Streghe. Oche. E quote rosa. Nel 2018, in occasione del settantesimo anniversari...-->continua



 



Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo