HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

 

 

Frana Sagittario,ancora senza interventi.Il sindaco accusa di stallo la Regione

8/02/2013



Contrada Sagittario a Chiaromonte un anno dopo. Nel febbraio del 2012 un brutto e improvviso smottamento fece sprofondare letteralmente parte dell’arteria che collega la contrada montana al resto del mondo. In quell’occasione rischiò anche di morire un cittadino del posto, finito nella voragine con la sua auto mentre, alle 6 del mattino, si recava al lavoro. Dodici mesi non sono bastati per risolvere il disagio delle famiglie che abitano in quella zona. Tra questi ci sono bambini, lavoratori e anziani allettati che necessitano di cure. Più volte abbiamo cercato di dar voce a queste persone. – guarda il video Ora, ad un anno di distanza, il sindaco di Chiaromonte Antonio Vozzi, in una nota, esprime “profondo rammarico”. “Devo constatare- dice Vozzi- lo stallo della Regione Basilicata, in relazione al grave ed esteso movimento franoso che ha colpito il territorio di questo Comune nel febbraio dell’anno scorso, riducendo all’isolamento la C.da Sagittario e suoi abitanti, per la maggior parte anziani e bisognosi di assistenza continua.

Ad un anno di distanza dall’accaduto, dopo numerosi sopralluoghi in sito, a cui hanno partecipato dirigenti e funzionari regionali, dopo promesse e rassicurazioni, nulla è stato fatto perché concretamente si addivenga ad una soluzione del problema.

E’ stato, è vero, realizzato un percorso alternativo, ma lo stesso, per la ubicazione, l’altimetria e la larghezza della sede stradale, non può ritenersi in alcun modo la soluzione definitiva al problema. Tanto è vero che sono bastate le esigue precipitazioni piovose e nevose dei giorni scorsi per bloccare i residenti nelle loro abitazioni
Senza dilungarsi in penose descrizioni, non è difficile immaginare l’estremo disagio di chi vive in quella località e le immani difficoltà che incontra anche solo per approvvigionarsi di viveri o recarsi da medico

Si è consapevoli che si vive una fase in cui non è facile reperire fondi, ma è altrettanto vero che la vita e la salute dei cittadini non debba essere subordinata a fredde esigenze di bilancio”.

lasiritide.it



ALTRE NEWS

CRONACA

24/03/2019 - Elezioni regionali Basilicata. Affluenza sopra il 50%. I dati dello scrutinio
24/03/2019 - Elezioni regionali Basilicata. Alle 19 l'affluenza intorno al 40%
24/03/2019 - Rionero in Vulture. Due donne tentano furto in auto, ma vengono arrestate
24/03/2019 - Elezioni regionali di Basilicata. I primi dati sull'affluenza

SPORT

24/03/2019 - Serie D, G/H: il Picerno vince ancora e vola in classifica
24/03/2019 - Atletico Lauria, Riccio: ‘Vinto sempre nel rispetto degli avversari’
24/03/2019 - Tre punti fondamentali per il quinto posto della Geosat Geovertical
24/03/2019 - La PM Asci Potenza sconfitta nello scontro diretto con la Pegaso 93

Sommario Cronaca                                  Sommario Sport

NEWS BREVI

24/03/2019 Calcio 2^ Ctg./C: risultati 17^ giornata

ACS =9 – Real Chiaromonte 1-1
Lanese – Real Grumento 2-1
Sanseverinese – Sporting Lucania 6-2
Proloco Spinoso – City Sport Agromonte 2-3

24/03/2019 Calcio 1^ Ctg./B: risultati 23^ giornata

Peppino Campagna – A.Montalbano 3-0
VR Episcopia – Città Dei Sassi Matera 1-1
Tramutola – Elettra Marconia 1-1
Irsina – L.Montescaglioso 4-1
Salandra – Montemurro 3-0
Castelsaraceno – Tursi 0-1
Tricarico – Viggianello 6-3

24/03/2019 Risultati campionati Regionali

ECCELLENZA 28 Giornata
Avigliano – Grumentum 0-6
Lavello – Latronico 3-0
Moliterno – Policoro 0-3
Murese – Melfi 1-3
Real Metapontino – Vultur 0-0
Real Senise – Real Tolve 3-0
Ripacandida – Ferrandina 1-1
Montescaglioso – Pomarico 2-0

PROMOZIONE 25^ Giornata
A. Lauria – Miglionico 5-0
Calcio San cataldo – Anzi 3-2
Lu Tito – Castelluccio 3-4
Oppido – Virtus Bella 6-0
Possidente – Paternicum 0-3
RAF Vejanum – Oraziana Venosa 1-1
Santarcangiolese – Brienza 0-2

Noi e quella sacrosanta ''cultura del territorio''
di Mariapaola Vergallito

“I lucani conoscono la frana. I contadini lucani sono vissuti da sempre con la frana, l’orecchio teso a quel fremito oscuro, l’occhio attento a scrutare le rughe della terra. Ma un tempo nessuno la violentava la terra. La temevano, la rispettavano. Istintivamente si tramandavano quella che modernamente si è poi chiamata “cultura del territorio”. Oggi, nell’era della scienza, è proprio quella cultura che è venuta meno. Dalle paure ancestrali si è passati al s...-->continua



 



Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo