HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

 

 

Magna Grecia: verso la conclusione il progetto del Cosvel

7/05/2009



Dal 1997, il Cosvel (Consorzio misto pubblico-privato con sede a Rotondella), progetta e gestisce importanti programmi comunitari (LeaderII, Leader+), mettendo in campo azioni innovative finalizzate alla valorizzazione dell’area Basso Sinni e Metapontino.
Importante, quindi, per il Consorzio rotondellese è promuovere la fruizione dei beni culturali presenti nell’area jonica, superstiti testimonianze di un passato lontano, nel quale affondano le radici della nostra civiltà, in grado di sollecitare l’interesse verso storie reali documentate dai reperti archeologici, dai manufatti giunti sino a noi, di cui una buona parte conservati e/o esposti nei due Musei di Policoro e di Metaponto.
Reperti recuperati nel corso dell’ultimo cinquantennio che sintetizzano secoli di storia, e che insieme a miti e leggende, invitano ad un “viaggio” a ritroso di un paio di millenni, sollecitando ed amplificando le suggestioni dei “viaggiatori” che giungono sulle rive dello Jonio.
I “viaggiatori” del terzo millennio che trascorreranno qualche giorno nelle terre joniche lucane, a differenza di quelli che tra la fine del ‘700 e gli inizi del ‘900, proveniendo da varie città europee, visitarono questi posti e le rovine degli antichi siti, non soffriranno per “la scarsa presenza umana e per avere trovato una zona malsana”.
La Piana Metapontina, quest’area un tempo parte integrante ed importante della Magna Grecia con le due ipotetiche regioni, il Metapontino e la Siritide, che ha costituito uno dei comprensori più importanti della colonizzazione greca, continua a rappresentare alla luce degli scavi sino ad oggi effettuati, della ricerca ed interpretazione delle fonti storico-letterarie, dello studio dei reperti e della successiva elaborazione di ipotesi scientificamente attendibili, una autentica risorsa turistico-culturale sulla quale continuare a scommettere.
All’opera attenta e paziente di archeologi e studiosi, a quella istituzionale della Soprintendenza ai Beni archeologici e dei due Musei, a quella svolta con passione da associazioni culturali, si è affiancato l’importante Progetto Magn@Grecia, un invito al viaggio, ideato e gestito dal Cosvel.
Finanziato dalla Regione Basilicata (POR 2000/2006-Sostegno ai Partenariati Rurali), è in fase di conclusione con l’ultimazione da parte delle società materane HSH e Video1 di alcuni prodotti multimediali che saranno utilizzati nell’immediato per promuovere a livello internazionale l’intero Metapontino.
Un filmato di oltre 30 minuti ci condurrà in questo viaggio nel passato attraverso un mix appropriato di immagini, suoni e testi (questi ultimi elaborati su documentazioni scientificamente attendibili), mentre un dvd è destinato alla utenza scolastica oltre ad un sito web di facile consultazione e dai contenuti sintetici ma esaustivi; tutti prodotti che saranno prossimamente presentati alla stampa, agli amministratori locali, agli operatori culturali e turistici, ai dirigenti scolastici dell’area.
Gli obiettivi del progetto Magn@Grecia, un invito al viaggio sono diversi, sottolineano al Cosvel: promuovere la conoscenza del patrimonio storico-archeologico tra la stessa popolazione della Basilicata e soprattutto nelle scuole, portare all’attenzione di un pubblico europeo la presenza di questa risorsa che si somma alle altre presenti (percorsi naturalistici, enogastronomia, produzioni tipiche, etc.), consolidare attraverso l’utilizzo delle nuove tecnologie l’immagine di questo territorio.
In definitiva, un progetto che nella sua fase finale di attuazione sarà in grado di dotare le istituzioni locali e gli operatori di un forte strumento di sensibilizzazione alla conoscenza del patrimonio storico-culturale-ambientale, e che a livello internazionale (è prevista una edizione in inglese dei materiali prodotti) rappresenterà un ottimo biglietto da visita per la promozione di questo angolo particolare dell’antica Magna Grecia.



ALTRE NEWS

CRONACA

16/02/2019 - Esplosione Francavilla: gravissimo un ferito, il racconto di un soccorritore
16/02/2019 - Ladri baresi arrestati a Matera dopo un inseguimento
16/02/2019 - Regione Basilicata chiederà risarcimento ad Eni per sversamento Cova
15/02/2019 - Tentò di aggredire il sindaco: arrestato

SPORT

16/02/2019 - Futsal C1: il Senise batte il Lavello e continua la rincorsa in classifica
16/02/2019 - Bernalda Futsal-Real Team Matera,10-10.I rossoblu agguantano il pari nel finale
16/02/2019 - Serie D, G/H: il Picerno va a Nardò alla ricerca dei 3 punti
16/02/2019 - La PM Asci Potenza ospita la Security Fire Castellaneta

Sommario Cronaca                                  Sommario Sport

NEWS BREVI

16/02/2019 Calcio a 5 –C1/gUNICO: risultati 16^ giornata

Comp.Sport Pisticci – Real Potenza 4-4
Futsal Marsico – EssediSport 4-4
Maschito – Castrum Byanelli Calcio 3-2
Senise – Atletico Lavello 8-2
Shaolin Soccer – San Gerardo Potenza 3-6
Amici Del Borgo Matera – Futsal Potenza 4-4

15/02/2019 Sospensione idrica a Grottole

Grottole: per consentire il ripristino del livello dei serbatoi, l'erogazione dell'acqua potabile sarà sospesa dalle ore 17:00 di oggi alle ore 08:00 di domani mattina salvo imprevisti.

13/02/2019 Sospensione idrica Vulture-Melfese 18-21 febbraio 2019

Per consentire l’esecuzione di lavori da parte di Acquedotto Pugliese che interesseranno la galleria Santa Maria dei Santi dell’Acquedotto del Sele, l’erogazione idrica nei comuni di Melfi (tranne centro storico e zona industriale di San Nicola), Rionero in Vulture, Atella, Barile, Ginestra, Ripacandida, Filiano e nelle zone rurali Monteserico e Insertafumo di San Fele sarà sospesa secondo le seguenti modalità: il 18 febbraio, dalle ore 21 alle ore 7 del mattino successivo; nei giorni 19-20-21 febbraio, dalle ore 14 alle ore 7 del mattino successivo, salvo imprevisti.

Nei comuni di Lavello, Montemilone e Palazzo San Gervasio, dal 19 al 21 febbraio prossimi, l’erogazione idrica potrebbe subire cali di pressione o essere sospesa dalle ore 21 alle ore 7 del mattino successivo, salvo imprevisti.

Considerata la complessità dell’intervento, il ritorno alla normalità dell’erogazione idrica potrebbe subire variazioni rispetto al programma previsto, che è pertanto da considerare indicativo.

Noi e quella sacrosanta ''cultura del territorio''
di Mariapaola Vergallito

“I lucani conoscono la frana. I contadini lucani sono vissuti da sempre con la frana, l’orecchio teso a quel fremito oscuro, l’occhio attento a scrutare le rughe della terra. Ma un tempo nessuno la violentava la terra. La temevano, la rispettavano. Istintivamente si tramandavano quella che modernamente si è poi chiamata “cultura del territorio”. Oggi, nell’era della scienza, è proprio quella cultura che è venuta meno. Dalle paure ancestrali si è passati al s...-->continua



 



Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo