HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

 

 

Bolognetti: ‘Non si risparmia su pluralismo e conoscenza’

18/05/2019



Dopo 78 giorni, il segretario dei radicali lucani Maurizio Bolognetti ha interrotto lo sciopero della fame per scongiurare la chiusura di Radio Radicale. “Ieri sera ho mangiato una platessa e un mezzo piatto di pasta, ma non ho digerito perchè la platessa si è bloccata; oggi mi becco pasta in bianco e petto di pollo”, ci ha detto questa mattina durante un’intervista che ci ha concesso.

Maurizio, innanzitutto come stai?
Meglio di ieri, anche perché peggio era difficile. Dai, diciamo che va un po’ meglio.

Con questa proroga sembra si veda la luce in fondo al tunnel?
Sono convinto che alla fine ci sarà e credo che stia per prevalere il senso di quanto abbiamo cercato di far comprendere attraverso una iniziativa non violenta. Per cui, se alla fine accadrà, come immagino succeda, credo che abbiamo vinto tutti in quanto, come detto da Agcom, significa garantire un servizio pubblico ed evitare un salto nel buio; inoltre, la continuità di servizio pubblico garantito da Radio Radicale in tutti questi anni, la ritengo una garanzia per tutti. Anche per chi avrebbe voluto interrompere questa convenzione. È stato depositato un emendamento, ma mi sembra che la cosa stia viaggiando sul binario giusto: certo, ci potrebbero essere sorprese dell’ultimo minuto ma speriamo non vada così. Io, comunque, sono fiducioso che abbiano compreso quanto abbiamo tentato di trasferirgli.

Ma ci sono voluti 78 giorni di sciopero della fame.
Non pochi. Ma anche 188 costituzionalisti; l’intervento di Agcom; tanti Comuni, anche lucani; le Regioni; 100 mila cittadini che hanno firmato una petizione. Insomma, io direi che oltre allo sciopero della fame c’è stata una mobilitazione importante. Certo, non nego che se il convincimento fosse subentrato prima sarebbe stato meglio: mettiamola così. Tuttavia, ripeto che sono fiducioso e alla fine, magari con qualche giorno di ritardo, penso che la convenzione verrà rinnovata.

Ho l’impressione che fosse necessaria un’azione forte che consentisse una generale risensibilizzazione verso la libertà di stampa. Che ne pensi?
Sono d’accordo con te. Del resto, l’iniziativa aveva alla base esattamente questo: nel senso che è per la vita di Radio Radicale, ma abbiamo posto costantemente la questione del rispetto dell’articolo 21. Ho avuto anche il piacere di intervenire alla presenza del presidente nazionale dell’Ordine dei giornalisti Carlo Verna, che è un persona straordinaria, ed abbiamo sottolineato che informazione e conoscenza non sono merci. E se tanti piccoli giornali, anche quello di una cooperativa, potranno continuare ad uscire credo sia un bene. La Siritide, per esempio, porta avanti un lavoro veramente prezioso che onora quotidianamente il diritto alla conoscenza ed io ne sono buon testimone perché, durante tutti questi 78 giorni, la Siritide ha seguito passo passo la mia vicenda garantendo la possibilità che fossero diffuse le ragioni di un’azione non violenta. Ma al di là di questo, dico che più ce n’è e meglio è: ovviamente questo vale anche per testate che sono lontanissime dalle mie posizioni. Infatti, abbiamo posto anche la questione del finanziamento pubblico per evitare i tagli sul pluralismo e sulla conoscenza. Questi soldi è meglio non risparmiarli, perché se c’è una cosa che caratterizza una democrazia è proprio il diritto alla conoscenza. Gli aspetti straordinari e che mi hanno colpito maggiormente di questa mobilitazione sono due: la riflessione che si è innescata sulla non violenza e sull’utilizzo di questo strumento di dialogo, perché ci tengo a sottolineare che ho dialogato con Salvini e Di Maio, senza fare alcun braccio di ferro con loro; e la necessità di comprendere che più mezzi di informazione ci sono e meglio è. Sono stato esaustivo su tutto?

Sei stato chiarissimo.
Mi fa piacere. Adesso vado a mangiare.


Gianfranco Aurilio
lasiritide.it



ALTRE NEWS

CRONACA

17/06/2019 - Basilicata. Rionero in Vulture, due giovani arrestati per furto
17/06/2019 - Nova Siri. Lotta allo spaccio di stupefacenti: controlli straordinari dei Cc
17/06/2019 - San Carlo di Potenza, l’ira degli esclusi al concorso per infermieri
16/06/2019 - Lavello.Esecuzione ordinanza di custodia cautelare per furto aggravato

SPORT

17/06/2019 - LUCANIA VOLLEY : primo posto Super Volley Maschile U12 Giovanissimi
17/06/2019 - Seconda Ctg: la Lainese vince la Coppa Italia ai rigori
17/06/2019 - Eccellenza: Biagio Riccio non allenerà l’Atletico Lauria
15/06/2019 - A Montecotugno torna il canottaggio il 22 e 23 giugno

Sommario Cronaca                                  Sommario Sport

NEWS BREVI

17/06/2019 Comunicazione di sospensione idrica oggi 17 Giugno in Basilicata

Muro Lucano: per consentire il ripristino del livello dei serbatoi, l'erogazione dell'acqua potabile sarà sospesa dalle ore 18:00 di oggi alle ore 07:30 di domani mattina, salvo imprevisti, nelle seguenti contrade: Cupa, Pascone, Piano Pagani, Piani San Quirico, Serra del Vento, Serrone.
Muro Lucano: a partire da oggi 17 giugno 2019 e fino al ripristino dei livelli nel serbatoio, l’erogazione dell’acqua potabile, sarà sospesa tutte le sere dalle ore 18:00 di alle ore 07:00 del mattino seguente, salvo imprevisti, nelle seguenti contrade: Cappuccini, Belvedere, Santatuono, Via Conserva, e Sopra Maddalena.

16/06/2019 Metaponto: ruba un cellulare ad un turista, denunciato 33enne

Al termine di attività investigativa i Carabinieri di Metaponto hanno denunciato per ricettazione un 33enne, extracomunitario, originario del Mali e residente a Massa, ma di fatto domiciliato nella frazione di Metaponto, all’interno degli ex stabilimenti della “Felandina” sulla SS 407 “Basentana”.
Il 33enne si era reso autore di un furto di un telefonico di proprietà di una cittadina italiana, residente nella Provincia di Bergamo, avvenuto mentre era in ferie nella cittadina Jonica.
Alla signora verrà riconsegnato il telefonino la quale si è complimentata con i militari.

14/06/2019 Angelo Oliveto nuovo presidente dell'Assostampa

Angelo Oliveto è il nuovo presidente dell’Associazione della Stampa di Basilicata.
L’elezione di Oliveto è avvenuta a maggioranza nel corso della riunione di insediamento del nuovo consiglio direttivo eletto il 1 giugno scorso.
Il consiglio, inoltre, ha eletto vicepresidente Nicoletta Altomonte, segretario Renato Cantore, amministratore Giuseppe Cutro.
Completano il direttivo Margherita Agata, Alessandro Boccia, Pierantonio Lutrelli e Leandro Domenico Verde.

Buttate le quote rosa come i reggiseni negli anni Settanta
di Mariapaola Vergallito

Puttane. Sante. Streghe. Oche. Chi lo ha detto che alla donna, nei secoli, non sia stato ritagliato un ruolo, riservato un posto incasellato nell’angolino di un mosaico quasi tutto maschile? E non parlo solo del mondo cattolico, come la citazione iniziale farebbe pensare (Guy Bechtel, Le quattro donne di Dio). La donna non è mai veramente stata ‘donna’ e basta. Puttane. Sante. Streghe. Oche. E quote rosa. Nel 2018, in occasione del settantesimo anniversari...-->continua



 



Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo