HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

 

 

Senise, ex sindaca Spagnuolo: ‘Un vile tradimento’

13/03/2019



Un “vile tradimento”. Così Rossella Spagnuolo, ormai ex sindaco di Senise, in un gremito Palazzo della Cultura e della Legalità Falcone-Borsellino, ha definito il comportamento di Antonio Bonito, Nicoletta Collarino e Vito Polito: i tre consiglieri dimissionari che, staccandosi dalla maggioranza, hanno scritto la parola fine sull’attuale Amministrazione Comunale, inviando un documento al Prefetto, sottoscritto dagli altri 4 consiglieri di minoranza dimissionari: Luigi Le Rose, Filomena Amendolara, Giuseppe Arleo e Giovanna Di Sanzo.
Spagnuolo ha ricordato innanzitutto quanto fatto durante il suo mandato, iniziato nella primavera del 2017, per poi passare all’attacco.
Assieme a lei, presenti il vicesindaco Michele Rossi, il presidente del Consiglio Francesco Arbia, la consigliera Antonietta Palmira e gli assessori Lucia Lista e Rocco Graziano: ossia ciò che resta della maggioranza.
“Tutto ciò che non è stato fatto dalla Giunta, lo trovate negli atti ufficiali”, ha osservato la sindaca. “I due assessori dimissionari, pur rimettendo a me le loro deleghe, mi avevano garantito di proseguire nel loro impegno”.
“Le assenze gli hanno impedito di capire cosa stessimo facendo», ha rincarato il vicesindaco riferendosi sempre agli ex assessori Bonito e Polito.
“A Senise – ha aggiunto Spagnuolo – stiamo vivendo un momento buio. Voglio sapere perché due assessori e una consigliera non si sono nemmeno preoccupati di venire a discuterne in Giunta o in Consiglio, ma hanno firmato un atto vile con il quale si accusano di essere stati incapaci loro stessi ma senza alcun riferimento specifico”.
“Mi rammarica che non si sia tenuto in considerazione nemmeno il momento delicato che stiamo attraversando per la questione Sinnica e proprio domani ci sarebbe stato un incontro in Regione al quale parteciperanno ovviamente i tecnici comunali.
“Vado a testa alta, noi abbiamo sempre agito nel rispetto della legalità”. “Possiamo chiedere scusa perché non abbiamo colto il tradimento, dovevamo accorgerci che si stava congiurando lo scioglimento del Consiglio Comunale. Ma eravamo intenti a lavorare su questioni che riguardavano la nostra comunità”.
“Torneremo ad essere cittadini, ma vi posso garantire che il nostro impegno continuerà”, ha concluso Spagnuolo.

Mariapaola Vergallito
Gianfranco Aurilio
lasiritide.it




ALTRE NEWS

CRONACA

19/03/2019 - Lauria: riaperta al traffico la Provinciale ex SS 19
19/03/2019 - ''Siamo tutti pastori sardi''. Protesta in Basilicata e Puglia
19/03/2019 - INPS_Termine presentazione domande di disoccupazione agricola
19/03/2019 - Finanza Matera: sequestrati oltre 120.000 articoli di merce non sicura

SPORT

19/03/2019 - Da Policoro al Senisese: nasce l'ASD PowerSport
19/03/2019 - Futsal, Serie C femminile: la Venus Lauria pronta a festeggiare il titolo
19/03/2019 - Serie D, G/H: nel posticipo il Picerno prova a riallungare
19/03/2019 - Serie D, G/H – Mitro (dg Picerno): ‘I nostri giocatori hanno fame’

Sommario Cronaca                                  Sommario Sport

NEWS BREVI

19/03/2019 Sospensioni Idriche del 19 marzo 2019

Tricarico: per consentire il ripristino del livello dei serbatoi, l'erogazione dell'acqua potabile sarà sospesa dalle ore 15:00 di oggi alle ore 08:00 di domani mattina, salvo imprevisti.

A causa di un guasto sulla condotta adduttrice del Frida, nella giornata odierna si potrebbero verificare cali di pressione o interruzione idriche fino al termine dei lavori di riparazione.


18/03/2019 Sospensione idrica Spinoso

Spinoso: a causa di un guasto improvviso l'erogazione idrica nelle contrade Mazzoccola e Ficarelle e nelle zone limitrofe resterà sospesa fino ad ultimazione dei lavori.

17/03/2019 Serie D/H: risultati 27^ giornata

Cerignola – Città di Fasano 3-1
Francavilla – Granata 3-0
Gragnano – Nola 1-2
Savoia – Sarnese 3-2
Sorrento – Nardò 2-1
Taranto – Altamura 2-0
Bitonto – Fidelis Andria 1-0

Mercoledì 20 marzo – 14,30
Az.Picerno Gelbison
Pomigliano - Gravina

Noi e quella sacrosanta ''cultura del territorio''
di Mariapaola Vergallito

“I lucani conoscono la frana. I contadini lucani sono vissuti da sempre con la frana, l’orecchio teso a quel fremito oscuro, l’occhio attento a scrutare le rughe della terra. Ma un tempo nessuno la violentava la terra. La temevano, la rispettavano. Istintivamente si tramandavano quella che modernamente si è poi chiamata “cultura del territorio”. Oggi, nell’era della scienza, è proprio quella cultura che è venuta meno. Dalle paure ancestrali si è passati al s...-->continua



 



Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo