HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

 

 

Senise: il Comune risolve il contratto con ASD Montecotugno per decadenza

22/02/2019



Con una determinazione dirigenziale del 19 febbraio scorso, il Comune di Senise si è pronunciato circa la “decadenza del contratto” che regolava il “servizio di gestione in concessione di strutture sportive e spazi annessi del complesso sportivo comunale di “Montecotugno” alla loc. Chianizzi”, aggiudicato dal luglio del 2013, e per nove anni, alla A.S.D. Montecotugno Senise per un canone annuo offerto dall’aggiudicatario di 10.602,55 euro. Il problema è, secondo il Comune, il mancato pagamento dei “canoni pregressi ed anche correnti” dal parte del concessionario.
Segnatamente, il contratto denominato “Concessione del servizio di gestione di strutture sportive e spazi annessi del complesso sportivo comunale Montecotugno” veniva stipulato il 14 aprile del 2014; mentre la consegna materiale degli impianti risale al maggio dello stesso anno.
Il canone doveva essere corrisposto dalla consegna, tuttavia l’Ente, una prima volta nell’aprile 2017, invitava “l’A.S.D. Montecotugno Senise – prosegue la determina – a regolarizzare la posizione debitoria nei confronti del Comune che ammontava ad euro 31.259,97”; e, successivamente, nell’ottobre del 2018, lo stesso Comune di Senise sollecitava ancora “l’A.S.D. Montecotugno Senise a regolarizzare la posizione debitoria” che ammontava “ad euro 44.195,13”, chiedendo anche di “presentare un piano di rientro del debito pregresso mediante inoltro di apposita proposta con annessa garanzia fideiussoria a copertura delle somme dovute”.
Entrambe le richieste si legge fossero state “regolarmente notificate”.
Così come l’ultima informativa dello scorso 7 febbraio, attraverso la quale si comunicava, sempre all’A.S.D. Montecotugno Senise, “l’avvio del procedimento di decadenza del contratto”, avente ad oggetto la “Concessione del servizio di gestione di strutture sportive e spazi annessi del complesso sportivo comunale Montecotugno”: con la precisazione che “entro il termine massimo di 10 giorni dal ricevimento era possibile presentare eventuali memorie scritte e documenti che l’Amministrazione ha l’obbligo di valutare se pertinenti all’oggetto del procedimento”.
In proposito, il provvedimento in questione afferma anche che “l’A.S.D. Montecotugno Senise non solo a tutt’oggi non ha provveduto ad adempiere a quanto richiesto dal Comune di Senise in merito ai pagamenti relativi ai canoni pregressi ed anche correnti”, ma “non ha inoltrato alcuna forma di controdeduzione in relazione alla comunicazione di avvio del procedimento (di decadenza del contratto, ndr)”.
“L’A.S.D. Montecotugno Senise – continua ancora la determina – non solo non ha provveduto al pagamento dei canoni dovuti, ma ha anche continuato e continua a svolgere, ed è fatto notorio, l’attività di gestione, oggetto di concessione, a beneficio esclusivo della stessa e con grave danno per l’erario del Comune di Senise, ponendo in essere, con siffatto comportamento, un grave inadempimento agli obblighi contrattuali”.
“La decadenza è pronunciata dal Comune con specifico atto da notificare al Concessionario”, con lo stesso il Comune chiede “di lasciare liberi e sgombri da cose e persone gli immobili e gli spazi funzionali oggetto della concessione entro e non oltre 15 giorni dalla notifica del presente
provvedimento e di consegnare altresì le chiavi a questo Ente”.

Il sodalizio ha espresso la propria posizione attraverso una nota. “ASD Montecotugno, comunica, a riguardo della determina del 19-02-2019, pubblicata sul sito del comune di Senise che interessa la gestione della piscina, che la stessa agirà attraverso le sedi opportune, per far valere quelle che ritiene essere le proprie ragioni”. “Inoltre – prosegue la nota – ci tiene a precisare che nel frattempo, il servizio agli utenti continuerà ad essere garantito, ed esprime massima solidarietà e dispiacere all'amministrazione, per l'episodio vandalico messo in atto nella giornata di ieri, attraverso l'incendio causato alla piscina esterna, adiacente a quella gestita dalla nostra società”.


Gianfranco Aurilio
lasiritide.it



ALTRE NEWS

CRONACA

22/03/2019 - Minaccia la moglie, arrestato a Matera
22/03/2019 - Acerenza: arrestato due volte in due giorni dai carabinieri
21/03/2019 - Viggianello: celebrata la giornata della memoria contro la mafia
21/03/2019 - Rifiuti, l’Ue condanna l’Italia per 44 discariche , 23 sono in Basilicata

SPORT

22/03/2019 - Bernalda Futsal,verso l'Altamura. Il dg Mazzei:“attenzione alle loro ripartenze"
22/03/2019 - Promozione: Lauria è pronta a far festa, triplo salto a un passo
22/03/2019 - Eccellenza: per il Grumentum appuntamento con la storia
21/03/2019 - La Volley Academy Matera chiude la stagione regolare al secondo posto

Sommario Cronaca                                  Sommario Sport

NEWS BREVI

21/03/2019 Basilicata: al voto 573.970 elettori

Sono 573.970 gli elettori che domenica prossima, 24 marzo, voteranno in Basilicata - in 681 sezioni, dalle ore 7 alle 23 - per eleggere il presidente della Regione e i 20 componenti del consiglio regionale. E' quanto emerge dai dati forniti dalle prefetture di Potenza e Matera. Il comune della provincia di Potenza dove vi sono meno elettori è San Paolo Albanese (310); in provincia di Matera il comune con meno elettori è Cirigliano (387).Ansa

20/03/2019 Vito Pace confermato presidente Consiglio Notarile

Il Consiglio Notarile Distrettuale di Potenza, Lagonegro, Melfi e Sala Consilina ha riconfermato, all'unanimità, per il triennio 2019/2021, quale Presidente il Notaio Vito Pace e quale Segretario il Notaio Francesco Carretta. Gli altri componenti sono i Notai : Adele De Bonis Cristalli (tesoriere); Antonio Di Lizia, Annamaria Racioppi, Angelo Pasquariello e Agostino Rizzo.

19/03/2019 Sospensioni Idriche del 19 marzo 2019

Tricarico: per consentire il ripristino del livello dei serbatoi, l'erogazione dell'acqua potabile sarà sospesa dalle ore 15:00 di oggi alle ore 08:00 di domani mattina, salvo imprevisti.

A causa di un guasto sulla condotta adduttrice del Frida, nella giornata odierna si potrebbero verificare cali di pressione o interruzione idriche fino al termine dei lavori di riparazione.


Noi e quella sacrosanta ''cultura del territorio''
di Mariapaola Vergallito

“I lucani conoscono la frana. I contadini lucani sono vissuti da sempre con la frana, l’orecchio teso a quel fremito oscuro, l’occhio attento a scrutare le rughe della terra. Ma un tempo nessuno la violentava la terra. La temevano, la rispettavano. Istintivamente si tramandavano quella che modernamente si è poi chiamata “cultura del territorio”. Oggi, nell’era della scienza, è proprio quella cultura che è venuta meno. Dalle paure ancestrali si è passati al s...-->continua



 



Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo