HOMEContattiDirettoreWebTvNewsNews SportCultura ed Eventi

 

 

Francavilla: revocato sgombero per diversi edifici non in zona rossa

20/02/2019



Dopo l’esplosione di venerdì scorso, il sindaco di Francavilla in Sinni Franco Cupparo ha revocato l’ordinanza di sgombero per quasi tutte le abitazioni della zona limitrofa a quella rossa: l’interdizione resta in piedi solo per due di queste.
“In due abitazioni alle spalle di quella dove c’è stata la deflagrazione, sono state accertate delle lesioni: non cose grosse, ma i danni ci sono”, ci ha detto l’ingegnere responsabile dell’Ufficio Tecnico Comunale Gaetano Chiurazzi. In una di queste abita una persona, nell’altra due.
“Per tutte le altre – ha proseguito l’ingegnere – lo sgombero è stato revocato anche perché i danni riscontrati, fortunatamente, non sono strutturali: la sovrappressione ha danneggiato le coperture, come qualche tegola, piuttosto che gli infissi o sfondato i vetri”.
La zona rossa rimane ancora inaccessibile, poiché sotto sequestro giudiziario e per questo tuttora è sigillata: ancora non è possibile capire quando vi si potrà accedere. “Non sappiamo quando potrà avvenire, questo dipende dalla Procura della Repubblica di Lagonegro”.
Difficile anche comprenderne i danni. “Ovviamente – ha spiegato Chiurazzi – senza che se ne sia presa visione, esprimersi è difficile. Ma guardando da lontano mi è parso che l’immobile più danneggiato, chiaramente oltre a quello dove si è verificata l’esplosione, sia quello di fronte, nel quale, da una foto scattata da un drone si notavano problemi alla copertura. Ma comunque è sempre da ispezionare”.
“Su iniziativa dell’Amministrazione Comunale e della Parrocchia di Francavilla in Sinni – si legge sulla pagina Facebook del Comune – è stato istituito un conto corrente bancario per offrire sostegno e un aiuto concreto alla Famiglia Genovese. IBAN: IT27R0815441990000000135735, intestato a Parrocchia Sant’Andrea Avellino, causale: Donazione pro famiglia Genovese”. La famiglia Genova abitava al primo piano andato distrutto in seguito allo scoppio.
Intanto, rimangono stazionarie, quindi gravissime, le condizioni di Petrisor Benone: il 50enne di nazionalità romena, che viveva nel pian terreno della abitazione implosa, attualmente ricoverato in rianimazione all’Ospedale “Perrino” di Brindisi con ustioni su oltre l’80 per cento del corpo.

Gianfranco Aurilio
lasiritide.it



ALTRE NEWS

CRONACA

19/03/2019 - Lauria: riaperta al traffico la Provinciale ex SS 19
19/03/2019 - ''Siamo tutti pastori sardi''. Protesta in Basilicata e Puglia
19/03/2019 - INPS_Termine presentazione domande di disoccupazione agricola
19/03/2019 - Finanza Matera: sequestrati oltre 120.000 articoli di merce non sicura

SPORT

19/03/2019 - Da Policoro al Senisese: nasce l'ASD PowerSport
19/03/2019 - Futsal, Serie C femminile: la Venus Lauria pronta a festeggiare il titolo
19/03/2019 - Serie D, G/H: nel posticipo il Picerno prova a riallungare
19/03/2019 - Serie D, G/H – Mitro (dg Picerno): ‘I nostri giocatori hanno fame’

Sommario Cronaca                                  Sommario Sport

NEWS BREVI

19/03/2019 Sospensioni Idriche del 19 marzo 2019

Tricarico: per consentire il ripristino del livello dei serbatoi, l'erogazione dell'acqua potabile sarà sospesa dalle ore 15:00 di oggi alle ore 08:00 di domani mattina, salvo imprevisti.

A causa di un guasto sulla condotta adduttrice del Frida, nella giornata odierna si potrebbero verificare cali di pressione o interruzione idriche fino al termine dei lavori di riparazione.


18/03/2019 Sospensione idrica Spinoso

Spinoso: a causa di un guasto improvviso l'erogazione idrica nelle contrade Mazzoccola e Ficarelle e nelle zone limitrofe resterà sospesa fino ad ultimazione dei lavori.

17/03/2019 Serie D/H: risultati 27^ giornata

Cerignola – Città di Fasano 3-1
Francavilla – Granata 3-0
Gragnano – Nola 1-2
Savoia – Sarnese 3-2
Sorrento – Nardò 2-1
Taranto – Altamura 2-0
Bitonto – Fidelis Andria 1-0

Mercoledì 20 marzo – 14,30
Az.Picerno Gelbison
Pomigliano - Gravina

Noi e quella sacrosanta ''cultura del territorio''
di Mariapaola Vergallito

“I lucani conoscono la frana. I contadini lucani sono vissuti da sempre con la frana, l’orecchio teso a quel fremito oscuro, l’occhio attento a scrutare le rughe della terra. Ma un tempo nessuno la violentava la terra. La temevano, la rispettavano. Istintivamente si tramandavano quella che modernamente si è poi chiamata “cultura del territorio”. Oggi, nell’era della scienza, è proprio quella cultura che è venuta meno. Dalle paure ancestrali si è passati al s...-->continua



 



Agoraut - Associazione culturale di informazione territoriale - P.Iva: 01673320766 - Copyright© lasiritide.it - Webmaster: Armando Arleo